Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1289 del 19/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 19/01/2017, (ud. 18/11/2016, dep.19/01/2017),  n. 1289

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Presidente –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 22332-2014 proposto da:

D.F.G., D.G.F., DI.FR.GI.,

tutti in proprio e nella qualità di eredi del Sig.

D.F.T., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA SAN MARTINO DELLA

BATTAGLIA 15, presso lo studio dell’avvocato ANTONINO BOLOGNA, che

li rappresenta e difende unitamente all’avvocato STEFANO MARANELLA

giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

ZURITEL SPA, in persona del Procuratore Speciale e Legale

Rappresentante pro tempore Dott. C.F., elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA CARLO POMA 4, presso lo studio

dell’avvocato PAOLO GELLI, che la rappresenta e difende giusta

procura speciale a margine del controricorso;

COMUNE ROMA CAPITALE, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

ADRIANA 8, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI FRANCESCO

BIASIOTTI MOGLIAZZA, che la rappresenta e difende unitamente

all’avvocato RODOLFO MURRA giusta procura speciale in calce al

controricorso;

– controricorrenti –

e contro

CA.GI.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 539/2014 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 28/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/11/2016 dal Consigliere Dott. GABRIELE POSITANO;

udito l’Avvocato STEFANO MARANELLA;

udito l’Avvocato DANIELA GAMBARDELLA per delega;

udito l’Avvocato PILADE PERROTTI per delega;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARDINO Alberto che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza depositata il 24 ottobre 2007, il Tribunale di Roma, affermava la responsabilità concorrente e paritaria di Ca.Gi., conducente dell’autovettura Honda Civic) e D.F.T., successivamente deceduto, conducente del motociclo Yamaha, in relazione all’incidente stradale verificatosi il (OMISSIS), alle ore 12:10, in (OMISSIS).

Nell’occasione il motociclo era entrato in collisione con l’autovettura in corrispondenza della intersezione tra (OMISSIS), sulla quale viaggiava il primo e (OMISSIS), da cui proveniva l’autovettura. Il primo giudice escludeva l’incidenza causale della mancanza di segnaletica stradale orizzontale e verticale, in ordine al sinistro in oggetto, che determinerebbe, secondo la tesi degli attori, la responsabilità del Comune di Roma. Conseguentemente il Tribunale disponeva il risarcimento dei danni in favore dei congiunti del deceduto, nella misura del 50%.

Avverso tale sentenza proponevano appello D.F.G. e Gi. e D.G.F., rispettivamente padre, fratello e madre di T..

Con sentenza pubblicata il 28 gennaio 2014 la Corte di Appello di Roma rigettava ogni azione compensando le spese.

Avverso la sentenza della Corte di merito D.F.G. e Gi. e D.G.F. propongono ricorso per cassazione sulla base di cinque motivi.

Resistono con controricorso il Comune di Roma Capitale, in persona del Sindaco e la compagnia di assicurazioni Zuritel S.p.A.. I ricorrenti e il Comune di Roma Capitale depositano memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con i motivi di ricorso si denuncia:

con il primo motivo i ricorrenti lamentano violazione dell’art. 145 C.d.S., commi 2 e 6, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte di Appello riconosciuto al conducente Ca. il diritto di precedenza.

L’art. 145 C.d.S. prevede l’obbligo di dare precedenza a chi proviene da destra ad eccezione dei casi in cui i conducenti provengano da “luoghi non soggetti al pubblico passaggio”, poichè in questo caso gli stessi hanno l’obbligo di dare la precedenza ai sensi del comma 6 di tale art..

Al fine di stabilire se l’area è o meno soggetta al pubblico passaggio l’elemento decisivo è costituito dalla esistenza, anche di fatto, di un transito abituale di un numero indeterminato di persone esplicanti una facoltà corrispondente all’uso della via pubblica. Nel caso di specie, secondo il ricorrente, il (OMISSIS), quale piccola strada a traffico limitato che consente solo l’accesso alle abitazioni private e a un opificio industriale, non avrebbe le caratteristiche dell’area soggetta a pubblico passaggio, con conseguente errata applicazione dell’art. 145 C.d.S., comma 2.

Il motivo è inammissibile poichè ha ad oggetto una questione non sottoposta al giudice di appello. La problematica relativa alla natura del vicolo (che, peraltro, rappresenta una tipica questione di fatto poichè si chiede alla Corte di legittimità verificare se la strada in oggetto è utilizzata abitualmente, uti singuli, cioè soltanto dai pochi utenti, che si trovano nella posizione qualificata abitando o lavorando nel piccolo nucleo urbano e non uti cives, sulla base di valutazioni esclusivamente in fatto) costituisce questione non affrontata nei motivi di appello.

E’ noto il principio secondo cui i motivi del ricorso per cassazione devono investire, a pena d’inammissibilità, questioni che siano già comprese nel tema del decidere del giudizio d’appello, non essendo prospettabili per la prima volta in sede di legittimità questioni nuove o nuovi temi di contestazione non trattati nella fase di merito, tranne che non si tratti di questioni rilevabili d’ufficio. Il ricorrente, al fine di evitare una statuizione di inammissibilità per novità della censura, ha l’onere non solo di allegare l’avvenuta deduzione della questione avanti al giudice del merito, ma anche di indicare in quale atto del precedente giudizio lo abbia fatto, onde dar modo alla Corte di Cassazione di controllare “ex actis” la veridicità di tale asserzione, prima di esaminarne il merito (Sez. 3, Sentenza n. 2140 del 31/01/2006, Rv. 588057).

Secondo motivo: il ricorrente deduce l’omesso esame della consulenza tecnica disposta dal Pubblico Ministero nel procedimento penale, nella parte in cui questa afferma che (OMISSIS) e “suddivisa da una doppia striscia continua di mezzeria” e nullità della sentenza, ai sensi dell’art. 360, n. 4, per violazione degli artt. 115, 132 e 156 codice di rito. In particolare, la Corte non avrebbe adeguatamente valutato la circostanza, riferita dalla consulente tecnico secondo cui la doppia striscia continua di mezzeria esisteva, anche se “praticamente invisibile al momento del sinistro”.

Conseguentemente, il giudice di merito ha omesso l’esame di un fatto decisivo per il giudizio poichè, in presenza della linea di mezzeria continua, il conducente dell’autovettura Honda avrebbe dovuto necessariamente svoltare a destra e non a sinistra, così come effettivamente si è verificato.

Il motivo è infondato, lamentando il ricorrente la mancanza di motivazione riguardo un fatto decisivo per il giudizio e cioè la presenza della linea di mezzeria continua.

Tale profilo non sussiste poichè la Corte territoriale ha specificamente preso in esame (pagina 5 della sentenza) la questione rilevando, con motivazione puntuale e aderente agli atti processuali, che contrariamente a quanto sostenuto dall’appellante, (OMISSIS) non recava la doppia linea di mezzeria continua e ciò sulla base di due argomentazioni: innanzitutto richiamando il contenuto del verbale dei vigili urbani, secondo cui la strada Trionfale era priva di segnaletica orizzontale ad eccezione della linea di margine destro, con direzione fuori città. In secondo luogo, tale elemento risulta con evidenza dalle foto allegate al verbale. In sostanza, la Corte ha replicato puntualmente al motivo di appello oggi riproposto esprimendo una motivata valutazione in ordine alla visibilità o meno della doppia linea di mezzeria.

Inoltre, la Corte, a pagina 6, prende specificamente in esame le considerazioni espresse dal consulente tecnico del Pubblico Ministero sulla dinamica del sinistro e sull’incidenza della condotta tenuta al conducente dell’autovettura e supera tale prospettazione con argomentazioni assolutamente ragionevoli.

Per il resto la censura si traduce in una nuova valutazione della congruità della motivazione, che non è consentita in questa sede. Terzo motivo: violazione o falsa applicazione degli artt. 140, 145 e 154 C.d.S. in relazione all’art. 360, n. 3. La Corte territoriale ha focalizzato l’attenzione sul dato oggettivo dell’ampia visuale che aveva il motociclista, senza valutare adeguatamente l’altrettanto ampia visuale del conducente dell’autovettura il quale avrebbe dovuto usare la massima prudenza al fine di evitare incidenti, avendo posto in essere una manovra molto pericolosa, tesa ad attraversare perpendicolarmente (OMISSIS).

La censura è infondata poichè le norme e gli elementi fattuali indicati in ricorso sono stati presi in considerazione dalla Corte d’Appello.

La Corte territoriale nel rigettare il primo motivo di appello ha specificamente esaminato le questioni riproposte davanti a questa Corte, evidenziando che al conducente della autovettura era certamente imputabile una condotta colposa, consistita nell’aver impegnato l’area dell’incrocio senza usare la massima prudenza prescritta proprio dall’art. 145 C.d.S., tenendo conto che si accingeva a svoltare in (OMISSIS), caratterizzata da intensità di traffico. Con ciò ha valorizzato la mancata adeguata ispezione della parte sinistra della strada e l’omessa verifica della concreta possibilità di affrontare il crocevia con ragionevole sicurezza. Tale condotta ha giustificato il riconoscimento della pari responsabilità dei due protagonisti del sinistro.

Quarto motivo: violazione o falsa applicazione dell’art. 106 reg. esec. C.d.S., in relazione all’art. 2043 c.c. e conseguente nullità della sentenza per inadeguatezza della motivazione, nella parte in cui la Corte ha escluso la responsabilità del Comune di Roma Capitale per non avere apposto la segnaletica orizzontale e verticale su (OMISSIS).

In particolare, la mancata apposizione della segnaletica da parte del Comune di Roma configurerebbe una diretta responsabilità in ordine al sinistro per cui è causa. Una volta emessa l’ordinanza istitutiva dell’obbligo di arresto (segnale di Stop) su (OMISSIS), il successivo comportamento inerte dell’amministrazione costituisce condotta colposa. Inoltre, ove fosse stata collocata tempestivamente la segnaletica, il sinistro non si sarebbe verificato. Al contrario la mancata apposizione della segnaletica ha creato una situazione di contrasto tra le condizioni di transitabilità reali e quelle apparenti, non percepibili dal D.F. con l’uso della normale diligenza. Ricorre, secondo i ricorrenti, l’ipotesi di vizio di motivazione per violazione dell’art. 132 c.p.c., n. 4 mancando la motivazione in ordine un punto decisivo della controversia.

Il motivo è infondato poichè la questione è stata specificamente presa in esame dalla Corte territoriale, rilevando che la pubblica amministrazione ha un ampio potere discrezionale nella scelta dei luoghi dove apporre i segnali di pericolo, che trova un limite soltanto nel caso in cui si verifichi un’ipotesi di insidia o trabocchetto, caratterizzata dalla non visibilità del pericolo. Fattispecie certamente non ricorrente, secondo la Corte di merito, nel caso di specie, in considerazione della conformazione dei luoghi, delle modalità di tempo del sinistro e della presenza dell’intersezione che poteva essere ben apprezzata dal motociclista.

Questa Corte ha avuto modo di precisare che, nel caso in cui il conducente che sarebbe stato favorito dalla segnaletica che si assume mancante “ritenga di aver diritto alla precedenza, non si verifica una situazione di insidia, in quanto la circolazione stradale può avvenire senza inconvenienti anche in mancanza del segnale, essendo sufficienti e idonee a regolarla le norme C.d.S., e non è, perciò, possibile affermare su questa base la responsabilità della detta amministrazione per i danni conseguenti alla collisione” (Sez. 3, Sentenza n. 2074 del 13/02/2002, Rv. 552239).

Nel caso di specie non è dimostrato il nesso di causalità tra la mancanza della segnaletica orizzontale o verticale e il sinistro stradale, non potendosi affermare che gli utenti della strada non avrebbero potuto regolare la propria condotta di guida conformemente alla situazione di pericolo esistente, non essendo in grado di discernere tempestivamente il segnale o il cartello valido. Non ricorrendo una situazione di contrasto tra le condizioni di transitabilità e quelle apparenti, non percepibili dall’utente della strada con l’uso della normale diligenza (Cass. Sez. 3, 22 ottobre 2013 n. 23919) il motivo non può trovare accoglimento.

Quinto motivo: i ricorrenti deducono la violazione e l’erronea applicazione degli artt. 2043 e 2059 c.c., nonchè dell’art. 32 Cost. per non avere la Corte di appello riconosciuto ai ricorrenti il risarcimento per il danno morale e biologico trasmissibile iure successionis ed omesso esame della relazione clinico patologica dell’ospedale San Filippo Neri. Il motivo è infondato per avere la Corte affrontato espressamente la questione, modificando la motivazione adottata dal primo giudice e richiamando gli insegnamenti espressi dalle Sezioni Unite della Cassazione nella sentenza n. 26972 del 2008, che consentono il risarcimento del danno morale soltanto in favore della vittima che sia rimasta lucida durante l’agonia consapevole dell’attesa della fine.

In tale senso questa Corte ha puntualizzato che la paura di dover morire, provata da chi abbia patito lesioni personali e si renda conto che esse saranno letali, “è un danno non patrimoniale risarcibile soltanto se la vittima sia stata in grado di comprendere che la propria fine era imminente, sicchè, in difetto di tale consapevolezza, non è nemmeno concepibile l’esistenza del danno in questione, a nulla rilevando che la morte sia stata effettivamente causata dalle lesioni” (Sez. 3, Sentenza n. 13537 del 13/06/2014, Rv. 631439), mentre, ove il decesso si verifichi immediatamente o dopo brevissimo tempo dalle lesioni personali, deve escludersi la risarcibilità “iure hereditatis” di tale pregiudizio, in ragione nel primo caso – dell’assenza del soggetto al quale sia collegabile la perdita del bene e nel cui patrimonio possa essere acquisito il relativo credito risarcitorio, ovvero – nel secondo – della mancanza di utilità di uno spazio di vita brevissimo (Sez. U, Sentenza n. 15350 del 22/07/2015, Rv. 635985).

Sotto tale profilo è inammissibile la censura con la quale viene prospettato il diverso danno, da perdita della vita, non richiesto in precedenza, che costituisce un profilo del tutto nuovo che non può essere prospettato per la prima volta in Cassazione.

Ne consegue che il ricorso deve essere rigettato.

La Zuritel S.p.A. pur avendo resistito con atto denominato “controricorso e ricorso incidentale” in realtà si è limitata a contestare la fondatezza dei motivi di ricorso, senza impugnare autonomamente la sentenza di merito. In particolare, con riferimento al quinto motivo di ricorso, la Compagnia si è limitata a dedurre la novità della questione sottoposta alla Corte di legittimità, rifiutando il contraddittorio.

La natura e la complessità della controversia consentono la compensazione delle spese del giudizio di legittimità.

La compensazione delle spese non inibisce l’operatività del D.P.R. n. 115 del 2002, che, all’art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17 dispone: “quando l’impugnazione, anche incidentale, è respinta integralmente o è dichiarata inammissibile o improcedibile, la parte che l’ha proposta è tenuta a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione, principale o incidentale, a norma del comma 1-bis. Il giudice dà atto nel provvedimento della sussistenza dei presupposti di cui al periodo precedente e l’obbligo di pagamento sorge al momento del deposito dello stesso”.

PQM

Rigetta il ricorso;

compensa integralmente le spese del giudizio di legittimità tra tutte le parti;

ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente principale, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 18 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 19 gennaio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA