Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12863 del 10/06/2011

Cassazione civile sez. II, 10/06/2011, (ud. 23/03/2011, dep. 10/06/2011), n.12863

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Presidente –

Dott. BUCCIANTE Ettore – rel. Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

B.M. C.F. (OMISSIS), elettivamente

domiciliato in ROMA, C.SO VITTORIO EMANUELE 326, presso lo studio

dell’avvocato SCOGNAMIGLIO RENATO, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato o BIANCHIN ROMEO;

– ricorrente –

contro

V.G. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA EZIO 24, presso lo studio dell’avvocato PEZZANO GIANCARLO,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato PILI MARIA

ANTONIA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 393/2004 del GIUDICE DI PACE di PORDENONE,

depositata il 29/06/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

23/03/2011 dal Consigliere Dott. ETTORE BUCCIANTE;

udito l’Avvocato Vincenzo Porcelli con delega depositata in udienza

dell’Avv. Scognamiglio Renato difensore del ricorrente che si riporta

agli atti;

udito l’Avv. Pezzano Giancarlo difensore del resistente che si

riporta agli atti;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto CHE HA CONCLUSO PER IL RIGETTO DEL RICORSO.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con citazione notificata l’11 maggio 2001 V.G. propose opposizione al decreto ingiuntivo emesso nei suoi confronti dal Giudice di pace di Pordenone il 19 marzo 2001, avente per oggetto il pagamento a B.M. della somma di L. 1.039.000, come compenso di prestazioni professionali di consulente del lavoro.

L’attore dedusse tra l’altro – per quanto ancora rileva in questa sede – di non essere tenuto al versamento dell’indennità di recesso, pretesa dal convenuto in via monitoria, essendo mancato una specifica pattuizione relativa all’applicazione del regime dell'”abbonamento”.

Il convenuto si costituì in giudizio, contestando la fondatezza degli assunti dell’altra parte.

All’esito dell’istruzione della causa, con sentenza del 28 giugno 2004 il Giudice di pace ha revocato il decreto ingiuntivo e ha condannato B.M. a rimborsare a V.G. la somma di 1.000,55 Euro, oltre agli interessi, che era stata pagata in ottemperanza al provvedimento monitorio, dichiarato provvisoriamente esecutivo nel corso del giudizio.

Contro tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione B. M., in base a un motivo. V.G. si è costituito con controricorso. Sono state presentate memorie dall’una parte e dall’altra.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il motivo addotto a sostegno del ricorso B.M. lamenta che il Giudice di pace ha erroneamente e ingiustificatamente disconosciuto che le parti avevano concordato di sottoporre al regime dell'”abbonamento” il rapporto di prestazione d’opera intellettuale tra loro intercorrente .

La censura va disattesa.

Trattandosi di decisione adottata secondo equità, il sindacato consentito in questa sede può concernere soltanto la violazione delle norme processuali (anche sotto il profilo della totale assenza o della mera apparenza della motivazione) di quelle sostanziali di rango costituzionale o comunitario, dei principi informatori della materia. Le doglianze formulate dal ricorrente sono estranee a tale ambito, poichè attengono invece alla valutazione delle risultanze istruttorie compiuta dal Giudice di pace, il quale ha dato conto in maniera adeguata della conclusione cui è pervenuto, argomentatamente spiegando le ragioni per le quali ha ritenuto che non fosse stata provata la conclusione dello specifico accordo richiesto dalla giurisprudenza di legittimità (oltre a Cass. 6 agosto 2003 n. 11484, richiamata nella sentenza impugnata, v. da ultimo Cass. 10 luglio 2008 n. 19037) ai fini dell’applicabilità del regime dell'”abbonamento” previsto dall’art. 17 della tariffa professionale dei consulenti del lavoro approvata con D.M. 15 luglio 1992, n. 430, che introduce una deroga alla generale regola dettata dall’art. 2237 c.c.: a fronte della predeterminazione forfettaria e omnicomprensiva degli onorari, impone al committente, che receda anticipatamente dal contratto, di corrispondere non solo il compenso per l’opera già svolta, ma anche l’80 per cento di quello relativo alle prestazioni ancora da compiere.

Il ricorso viene pertanto rigettato, con conseguente condanna del ricorrente a rimborsare al resistente le spese del giudizio di cassazione, che si liquidano in 200,00 Euro, oltre a 500,00 Euro per onorari, con gli accessori di legge.

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso; condanna il ricorrente a rimborsare al resistente le spese del giudizio di cassazione, liquidate in 200,00 Euro, oltre a 500,00 Euro per onorari, con gli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 23 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA