Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12862 del 26/06/2020

Cassazione civile sez. un., 26/06/2020, (ud. 09/06/2020, dep. 26/06/2020), n.12862

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Primo Presidente –

Dott. SPIRITO Angelo – Presidente di Sez. –

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente di Sez. –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 38206-2019 per regolamento di giurisdizione proposto

d’ufficio dal TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO, con

ordinanza n. 14523/2019 depositata il 18/12/2019 nella causa tra:

C.V., P.A., C.L.;

– ricorrenti non costituitisi in questa fase –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, MINISTERO DELLA GIUSTIZIA;

– resistenti non costituitisi in questa fase –

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/06/2020 dal Consigliere Dott. ROSSANA MANCINO;

lette le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ALBERTO CARDINO, il quale chiede che la Corte voglia dichiarare la

giurisdizione dell’Autorità giudiziaria ordinaria, assumendo i

provvedimenti di cui all’art. 382 c.p.c..

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. P.A., C.L. e C.V., in qualità di moglie e figli dell’agente del Corpo degli agenti di custodia C.A., hanno proposta domanda, innanzi al giudice ordinario, per il riconoscimento dei benefici previsti dalla normativa vigente per le vittime del dovere, negati con provvedimento del Capo della Polizia, Direttore generale della Pubblica Sicurezza;

2. il Tribunale adito ha declinato la giurisdizione in favore del Giudice amministrativo;

3. il TAR per il Lazio, in sede di riassunzione, solleva d’ufficio conflitto negativo di giurisdizione volto ad ottenere la dichiarazione della sussistenza della giurisdizione del giudice ordinario in continuità con i principi affermati dalle Sezioni unite della Corte richiamando, per tutte, Cass., Sez. Un., 16 novembre 2016, n. 23300;

4. l’Ufficio della Procura generale della Corte di cassazione ha chiesto dichiararsi la giurisdizione del giudice ordinario.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

5. va affermata la giurisdizione del giudice ordinario;

6. la L. 23 dicembre 2005, n. 266, art. 1, comma 563, stabilisce che per vittime del dovere devono intendersi i soggetti di cui alla L. 13 agosto 1980, n. 466, art. 3 e, in genere, gli altri dipendenti pubblici deceduti o che abbiano subito un’invalidità permanente in attività di servizio o nell’espletamento delle funzioni di istituto per effetto diretto di lesioni riportate in conseguenza di eventi verificatisi: a) nel contrasto ad ogni tipo di criminalità; b) nello svolgimento di servizi di ordine pubblico; c) nella vigilanza ad infrastrutture civili e militari; d) in operazioni di soccorso; e) in attività di tutela della pubblica incolumità; f) a causa di azioni recate nei loro confronti in contesti di impiego internazionale non aventi, necessariamente, caratteristiche di ostilità;

7. ai soggetti indicati nel richiamato comma 563, sono equiparati coloro che abbiano contratto infermità permanentemente invalidanti o alle quali consegua il decesso, in occasione o a seguito di missioni di qualunque natura, effettuate dentro e fuori dai confini nazionali e che siano riconosciute dipendenti da causa di servizio per le particolari condizioni ambientali od operative (cit. L. n. 266 del 2005, art. 1, comma 564);

8. in attuazione delle predette disposizioni è stato adottato il D.P.R. 7 luglio 2006, n. 243, recante modalità di corresponsione delle provvidenze ai soggetti indicati nei commi 563 e 564 e ai familiari superstiti, e criteri univoci per definire: a) per benefici e provvidenze, le misure di sostegno e tutela previste dalla L. 13 agosto 1980, n. 466, L. 20 ottobre 1990, n. 302, L. 23 novembre 1998, n. 407, e loro successive modificazioni, e L. 3 agosto 2004, n. 206; b) per missioni di qualunque natura, le missioni, quali che ne siano gli scopi, autorizzate dall’autorità gerarchicamente o funzionalmente sopraordinata al dipendente; c) per particolari condizioni ambientali od operative, le condizioni comunque implicanti l’esistenza o anche il sopravvenire di circostanze straordinarie e fatti di servizio che hanno esposto il dipendente a maggiori rischi o fatiche, in rapporto alle ordinarie condizioni di svolgimento dei compiti di istituto;

9. il legislatore ha individuato, nel comma 563, talune attività che, essendo state ritenute dalla legge pericolose, se hanno comportato l’insorgenza di infermità possono automaticamente portare ad attribuire alle vittime i benefici quali vittime del dovere; ai sensi del comma 564, i benefici previsti per le vittime del dovere spettano anche ai “soggetti equiparati”, ossia a coloro che non abbiano riportato le lesioni o la morte in una delle attività tipizzate (comma 563, lett. da a) a f)) ma in altre attività che pericolose lo fossero o lo fossero diventate per circostanze eccezionali;

10. il modello di selezione delle attività che è possibile equiparare, ai sensi del comma 564, non opera attraverso la tipizzazione di singole attività ma mediante la formulazione di una fattispecie aperta volta a tutelare tutto ciò che sia avvenuto (per eccezionali situazioni) in occasione di missioni di qualunque natura;

11. in tale cornice normativa e in riferimento alla posizione soggettiva degli aspiranti ai predetti benefici e al riconoscimento della condizione di vittima del dovere, la giurisprudenza di questa Corte è da tempo attestata sul seguente principio di diritto: “In relazione ai benefici di cui alla L. n. 266 del 2005, art. 1, comma 565, in favore delle vittime del dovere, il legislatore ha configurato un diritto soggettivo, e non un interesse legittimo, in quanto, sussistendo i requisiti previsti, i soggetti di cui all’art. 1, comma 563 Legge cit., o i loro familiari superstiti, hanno una posizione giuridica soggettiva nei confronti di una P.A. priva di discrezionalità, sia in ordine alla decisione di erogare, o meno, le provvidenze che alla misura di esse. Tale diritto non rientra nell’ambito di quelli inerenti il rapporto di lavoro subordinato dei dipendenti pubblici, potendo esso riguardare anche coloro che non abbiano con l’amministrazione un siffatto rapporto, ma abbiano in qualsiasi modo svolto un servizio, ed ha, inoltre, natura prevalentemente assistenziale, sicchè la competenza a conoscerne è regolata dall’art. 442 c.p.c. e la giurisdizione è del giudice ordinario, quale giudice del lavoro e dell’assistenza sociale” (così Cass., Sez. Un., 16 novembre 2016, n. 23300, seguita da Cass., Sez. Un., 27 dicembre 2016, n. 26991; Cass., Sez. Un., 13 gennaio 2017, n. 759; Cass., Sez. Un., 27 marzo 2017, n. 7761; Cass., Sez. Un., 22 giugno 2017, n. 15484, Cass., Sez. Un., 17 novembre 2017, n. 27279; Cass., Sez. Un., 11 aprile 2018, n. 8982; Cass., Sez. Un., 22 agosto 2019, n. 21606);

12. a siffatto principio questa Corte intende dare continuità;

13. nessun provvedimento sulle spese deve adottarsi in questa sede, in mancanza di attività difensiva svolta dalle parti e della natura ufficiosa del procedimento.

PQM

La Corte dichiara la giurisdizione del giudice ordinario.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 9 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 26 giugno 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA