Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12859 del 13/05/2021

Cassazione civile sez. trib., 13/05/2021, (ud. 27/01/2021, dep. 13/05/2021), n.12859

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – rel. Consigliere –

Dott. ROSARIO Maria Castorina – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 5428/2016 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato;

– ricorrente –

contro

INGINO s.p.a. in persona del suo legale rappresentante pro tempore

rappresentata e difesa giusta delega in atti dall’avv. prof.

Preziosi Claudio con domicilio eletto in Roma presso quest’ultimo in

via Terenzio n. 10;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Campania sez. staccata di Salerno n. 7191/04/15 depositata il

17/07/2015 e non notificata.

Udita la relazione della causa svolta nell’adunanza camerale del

27/01/2021 dal Consigliere Succio Roberto.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

– con la sentenza impugnata la CTR salernitana rigettava gli appelli dell’Ufficio e pertanto confermava la sentenza di primo grado che aveva dichiarata la illegittimità degli atti impugnati, avvisi di accertamento per IVA, IRES ed IRAP 2005-2006;

– ricorre a questa Corte l’Agenzia delle Entrate con atto in concreto affidato a cinque motivi; resiste con controricorso la società contribuente.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

– è in atti domanda di definizione agevolata delle controversie pendenti di cui al D.L. n. 119 del 2018, datata 4 giugno 2019, seguita da istanza di fissazione dell’adunanza camerale datata 19 febbraio 2020;

– a fronte di ciò, con propria memoria del 20 gennaio 2020 l’Agenzia delle Entrate ha dato atto dell’intervenuto integrale pagamento del dovuto per il perfezionamento della procedura di definizione;

– pertanto il giudizio va dichiarato estinto per intervenuta cessazione della materia del contendere; le spese di giudizio vanno compensate.

P.Q.M.

dichiara cessata la materia del contendere. Spese compensate.

Così deciso in Roma, il 27 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 13 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA