Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12785 del 13/05/2021

Cassazione civile sez. VI, 13/05/2021, (ud. 12/01/2021, dep. 13/05/2021), n.12785

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI MARZIO Mauro – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16354-2020 proposto da:

A.A., domiciliato presso la cancelleria della CORTE DI

CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentato e difeso

dall’avvocato MASSIMO GOTI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO;

– intimato –

avverso il decreto RG 4577/2018 del TRIBUNALE di VENEZIA, depositato

il 27/03/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/01/2021 dal Consigliere Relatore Dott. Paola

Vella.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. il cittadino nigeriano A.A. ha proposto un motivo di ricorso per cassazione avverso il decreto con cui il Tribunale di Venezia ha negato le forme di protezione internazionale o umanitaria da egli invocate;

1.1. il Ministero intimato non ha svolto difese, depositando un “atto di costituzione” per la eventuale partecipazione alla pubblica udienza;

1.2. a seguito di deposito della proposta ex art. 380 bis c.p.c. è stata ritualmente fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

2. preliminarmente all’esame del motivo – rubricato “violazione o falsa applicazione del D.Lgs. n. 23 del 2008, art. 8, del D.Lgs. n. 231 del 2007, art. 3 e art. 14, lett. c) e omesso esame di un fatto decisivo quale la situazione esistente nell’area dell’Imo State (Nigeria) e omessa attività istruttoria in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, punto 5)” – va rilevata d’ufficio l’invalidità della procura ad litem conferita in calce al ricorso all’avvocato Massimo Goti, in quanto del tutto priva della data di rilascio, prima ancora che della relativa certificazione;

3. invero il D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35-bis, comma 13, prevede espressamente, nei giudizi in materia di protezione internazionale, l’obbligo del conferimento della procura “in data successiva alla comunicazione del decreto impugnato”, a pena di inammissibilità del ricorso per cassazione, prescrivendo a tal fine la certificazione della data di rilascio a cura del difensore incaricato (ex plurimis Cass. 19164/2020, 20075/2020, 15211/2020, 4069/2020, 2342/2020, 1047/2020, 30620/2019);

4. in questa sede non rileva la rimessione alle Sezioni Unite della questione circa le modalità di certificazione della data (Cass. 28208/2020, 29251/2020), essendo qui la data del tutto mancante;

5. il superiore rilievo assorbe i profili di inammissibilità del motivo;

6. il ricorso va quindi dichiarato inammissibile senza statuizione sulle spese, in mancanza di una vera e propria attività difensiva del Ministero costituito;

7. ricorrono i presupposti processuali per il cd. raddoppio del contributo unificato D.P.R. n. 115 del 2002, ex art. 13, comma 1-quater, (Cass. Sez. U, 4315/2020, 23535/2019), da porre a carico del difensore del ricorrente, trattandosi di attività processuale della quale il legale, in quanto privo di valida procura ad litem, assume la responsabilità in via esclusiva (Cass. 25435/2019, 32008/2019).

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello per il ricorso, ove dovuto, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 12 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 13 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA