Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12723 del 10/06/2011

Cassazione civile sez. I, 10/06/2011, (ud. 12/04/2011, dep. 10/06/2011), n.12723

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. PICCININNI Carlo – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 1616/2010 proposto da:

G.O.A.A. (c.f. (OMISSIS))

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZALE DELLE BELLE ARTI 2,

presso l’avvocato PRIMICERIO Giulia, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato POTI FRANCESCA, giusta procura in calce al

ricorso (RICORSO NON DEPOSITATO AL 25/01/2010);

– ricorrente –

contro

T.T. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA G. CARINI 58, presso l’avvocato SABATINI

Maria Pia, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato TOTA

FERDINANDO, giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza della CORTE D’APPELLO di ROMA depositata il

04/02/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

12/04/2011 dal Consigliere Dott. FRANCESCO FELICETTI;

udito, per il controricorrente, l’Avvocato TOTA che ha chiesto il

rigetto del ricorso;

lette le conclusioni scritte del Cons. Deleg. FELICETTI che ne

propone la fissazione per la discussione in Camera di consiglio.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che il sig. T.T. in data 25 gennaio 2010 ha depositato controricorso per resistere al ricorso notificatogli il 25 novembre 2009 dalla sig.ra C.O.A.A., proposto avverso la sentenza della Corte d’appello di Roma depositata il 4 febbraio 2009, notificata il 2 ottobre 2009, emessa in un giudizio di separazione personale pendente fra le parti;

che il ricorso non risulta tempestivamente depositato, come da certificazione di cancelleria;

che il ricorso è stato fissato per l’esame in Camera di consiglio;

che il sig. T.T. ha depositato memoria, chiedendo che il ricorso sia dichiarato improcedibile, con la condanna della ricorrente alle spese del giudizio;

che il ricorso deve essere dichiarato improcedibile ai sensi dell’art. 369 c.p.c., con la conseguente condanna della parte ricorrente alle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

LA CORTE DI CASSAZIONE dichiara improcedibile il ricorso e condanna la ricorrente alle spese del giudizio di cassazione che liquida nella misura di Euro tremiladuecento, di cui Euro duecento per spese vive, oltre spese generali e accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 12 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA