Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12696 del 20/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 20/06/2016, (ud. 11/04/2016, dep. 20/06/2016), n.12696

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 303-2015 proposto da:

P.C., elettivamente domiciliato in ROMA, V.LE VATICANO

48, presso lo studio dell’avvocato STEFANO MARIELLA, che lo

rappresenta e difende unitamente agli avvocati DANIELE SPIRITO

MICHELETTA TITA’, RODOLFO UMMARINO giusta procura in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 23107/2014 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 30/10/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio

dell’11/04/2016 dal Consigliere Dott. MAGDA CRISTIANO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

P.C. ricorre per la revocazione della sentenza di questa Corte n. 23107/014 del 30.10.2014, che – nel dichiarare inammissibile il ricorso da lui proposto per ottenere la cassazione dell’ordinanza del Tribunale di Treviso che aveva dichiarato estinto il giudizio di opposizione al verbale di accertamento dell’infrazione al C.d.S. che gli era stata contestata – lo ha condannato al pagamento delle spese processuali in favore del Ministero dell’Interno, sua controparte processuale.

A sostegno della domanda di revocazione, P. deduce che il controricorso, notificatogli dal Ministero presso la cancelleria della Corte anzichè all’indirizzo di posta elettronica certificata, indicato in ricorso, del suo procuratore domiciliatario, avrebbe dovuto essere dichiarato inammissibile.

Rileva, pertanto, che, poichè il Ministero non ha svolto attività difensiva in udienza, la statuizione di condanna alle spese è frutto di un errore materiale.

Il ricorso appare fondato.

Le SS.UU., con la sentenza n. 10143/012, hanno infatti affermato che, a partire dalla data di entrata in vigore delle modifiche degli artt. 125 e 366 cod. proc. civ., apportate dalla L. 12 novembre 2011, n. 183, art. 25, esigenze di coerenza sistematica e d’interpretazione costituzionalmente orientata inducono a ritenere che la domiciliazione “ex lege” presso la cancelleria dell’autorità giudiziaria, innanzi alla quale è in corso il giudizio, ai sensi del R.D. n. 37 del 1934, art. 82, consegue soltanto ove il difensore, non adempiendo all’obbligo prescritto dall’art. 125 cod. proc. civ. per gli atti di parte e dall’art. 366 cod. proc. civ. specificamente per il giudizio di cassazione, non abbia indicato l’indirizzo di posta elettronica certificata comunicato al proprio ordine.

Ne consegue che nel caso di specie, in cui il procuratore della ricorrente ha indicato l’indirizzo PEC, il controricorso avrebbe dovuto essere notificato a tale indirizzo e che, in difetto, la notifica presso la cancelleria della Corte avrebbe dovuto ritenersi nulla, con conseguente rilievo dell’inammissibilità del controricorso.

Non risulta, inoltre, che il Ministero abbia svolto attività difensiva all’udienza pubblica.

La statuizione di condanna del P. al pagamento delle spese processuali, fondata sul presupposto di fatto, frutto di evidente errore materiale, dell’ammissibilità del controricorso, dovrebbe pertanto essere revocata.

Il collegio, condivise le conclusioni della relazione e considerato che il ricorso va pertanto definito con sentenza.

PQM

rimette la causa alla pubblica udienza della 1 sez. civile.

Così deciso in Roma, il 11 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 20 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA