Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12692 del 25/05/2010

Cassazione civile sez. III, 25/05/2010, (ud. 03/03/2010, dep. 25/05/2010), n.12692

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente –

Dott. FINOCCHIARO Mario – Consigliere –

Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere –

Dott. AMBROSIO Annamaria – Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 1028-2006 proposto da:

L.C. (OMISSIS) in proprio, quale socio e nella

qualità di legale rappresentante della S.a.s. “LA GALLERIA DEL

MOBILE FRANCESCO LUCCHETTI DI LUCCHETTI CARLO E FRATELLI” (già “La

Galleria del Mobile di Amendola Rossana & C. S.a.s.”,

nonchè

L.P., L.A.M., questi ultimi in

proprio e nellà qualità di soci, elettivamente domiciliati in ROMA,

PIAZZA ADRIANA 11, presso lo studio dell’avvocato GIURATO UGO, che li

rappresenta e difende giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

B.M. (OMISSIS), P.M., considerati

domiciliati “ex lege” in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentati e difesi dall’avvocato BONI MASSIMO giusta

delega in atti;

CAPITALIA SERVICE JV SRL (OMISSIS) Società facente parte del

Gruppo Bancario Capitalia quale mandataria di Capitalia S.p.A. già

Banca di Roma S.p.A. in persona dei suoi legali rappresentanti,

considerata domiciliata “ex lege” in ROMA, presso la CANCELLERIA

DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato

NICOLOSI MARCO giusta delega in atti;

– controricorrenti –

e contro

INPS, CASSA DI RISPARMIO DI CIVITAVECCHIA SPA, ZURIGO ASSICURAZIONI

SPA, CASSA RISPARMIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO SPA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 430/2005 del TRIBUNALE di VITERBO,emessa il

14/3/05, depositata il 19/05/2005, R.G. N. 3361/04;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

03/03/2010 dal Consigliere Dott. GIACOMO TRAVAGLINO;

udito l’Avvocato UGO GIURATO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ABBRITTI Pietro che ha concluso per la inammissibilità del ricorso.

 

Fatto

IN FATTO

Con ricorso depositato nel dicembre del 2004, gli odierni ricorrenti proposero opposizione agli atti esecutivi, ex art. 617 c.p.c., dinanzi al tribunale di Viterbo, lamentando la illegittimità dell’ordinanza con la quale il giudice dell’esecuzione aveva accertato e dichiarato la legittimità degli adempimenti pubblicitari effettuati dal creditore procedente si come prescritti nell’ordinanza che disponeva la vendita.

Il giudice adito respinse l’opposizione.

La sentenza è stata impugnata dall’appellante con ricorso per cassazione ex art. 111 Cost..

Resistono con controricorso Capitalia Service e, congiuntamente, B.M. e P.M..

Diritto

IN DIRITTO

Il ricorso è inammissibile.

In tutte le sue articolazioni, difatti, gli odierni ricorrenti lamentano, nella sostanza, una presunta erronea interpretazione, da parte del giudice del merito, dell’ordinanza di vendita e degli adempimenti ad essa riconnessi.

Sotto la veste della violazione di legge, pertanto, si sottopone a questa corte regolatrice null’altro che una valutazione di carattere interpretativo di un atto processuale diversa da quella adottata dal giudice dell’opposizione che, con motivazione congrua, articolata ed esente da vizi logico-giuridici, ha compiutamente evidenziato la ratio sottesa all’interpretazione adottata con riferimento ai contestati provvedimenti.

Vertendosi in tema di ricorso straordinario ex art. 111 Cost., questa corte deve in limine rilevare come l’impugnazione de qua possa investire vizi della motivazione solo quando questi, desumibili dal testo stesso del provvedimento impugnato, si risolvano in ipotesi di inesistenza della motivazione stessa o di sua mera apparenza, così da determinare nullità della sentenza per violazione dell’art. 132 c.p.c..

Esulando da tale, specifica ipotesi la fattispecie in esame, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

La disciplina delle spese segue, giusta il principio della soccombenza, come da dispositivo.

PQM

La corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che si liquidano, in favore di ciascuno dei resistenti, in complessivi Euro 3700, di cui Euro 200 per spese generali.

Così deciso in Roma, il 3 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 25 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA