Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12688 del 20/06/2016

Cassazione civile sez. lav., 20/06/2016, (ud. 06/04/2016, dep. 20/06/2016), n.12688

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – rel. Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 22929-2013 proposto da:

UNICREDIT S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PO 25-B, presso lo studio degli avvocati ROBERTO PESSI, FRANCESCO

GIAMMARIA, che la rappresentano e difendono, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

B.F., + ALTRI OMESSI

;

– intimati –

avverso la sentenza n. 358/2012 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 15/10/2012 R.G.N. 764/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/04/2016 dal Consigliere Dott. ENRICA D’ANTONIO;

udito l’Avvocato GENTILI MARIA PAOLA per delega verbale PESSI

ROBERTO;

è comparso l’Avvocato GIAMMARIA FRANCESCO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso per

quanto di ragione.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte d’appello di Venezia ha confermato la sentenza del Tribunale di Treviso di accoglimento della domanda di B.F. ed altri, già dipendenti del Credito Romagnolo poi divenuto Rolo incorporata da Credito Italiano ed a seguito di cessione del ramo d’azienda ora Unicredit spa, pensionati con diritto ad un trattamento integrativo a carico di un Fondo aziendale, volta a percepire la perequazione automatica della pensione integrativa goduta.

La Corte ha affermato, con riferimento all’applicabilità del blocco totale della perequazione ai sensi della L. n. 449 del 1997, art. 59, commi 13 e 14, eccepito dalla Banca, che la norma citata non era applicabile alla pensione integrativa a carico del Fondo aziendale avente natura retributiva e non previdenziale.

La Corte ha poi ritenuto infondata la tesi sostenuta dalla Banca secondo cui nell’anno 1998 si era verificata una sovrapposizione di meccanismi perequativi e cioè sia quello costituito dalla cosiddetta clausola oro applicabile fino al 31/12/1997 e sia quello introdotto dal D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 11. Infine la Corte ha rigettato anche la tesi della Banca secondo cui a decorrere dall’1/1/1999 era comunque applicabile il blocco totale della perequazione sulle pensioni integrative in base alla L. n. 448 del 1998, art. 34, comma 1. Secondo la Corte la norma citata prevedeva che l’aumento della rivalutazione automatica venisse attribuito su ciascun trattamento in modo proporzionale, disciplinando, pertanto, il riparto di tali aumenti senza incidere sulla spettanza o meno della perequazione.

Avverso la sentenza ricorre Unicredit spa formulando due motivi ulteriormente illustrati con memoria ex art. 378 c.p.c.. Le altre parti sono rimaste intimate.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo la ricorrente denuncia violazione della L. n. 449 del 1997, art. 39; art. 12 preleggi; D.Lgs. n. 124 del 1993, artt. 1 e 18. Censura l’affermata inapplicabilità dell’art 59 citato e del blocco della perequazione alle pensioni integrative. Osserva che la pensione complementare ha natura previdenziale e non retributiva in quanto parte integrante dell’ordinamento previdenziale rispondendo agli interessi generali di cui all’art. 38 Cost. che costituisce il referente costituzionale non soltanto ai fondi pensione istituiti in epoca successiva all’entrata in vigore della L. n. 421 del 1992, ma anche dei fondi già istituiti. Afferma che non sussiste alcuna diversità ontologica tra i trattamenti pensionistici obbligatori e quelli integrativi e che recenti sentenze della Cassazione avevano affermato la natura previdenziale dei versamenti dei datori di lavoro nei fondi di previdenza complementare e pertanto non rientranti nel calcolo delle indennità di fine rapporto. Rileva che i richiami alla pensione integrativa contenuti nella L. n. 449 del 1997, art. 59 nei commi 2 e 3 (in base al quale il trattamento integrativo si consegue esclusivamente in presenza dei requisiti e con la decorrenza previsti dalla disciplina dell’AGO) e quello al D.Lgs. n. 124 del 1993 di cui all’art. 59, comma 4 citato secondo cui a decorrere dal 1/1/1998 per l’adeguamento delle prestazioni pensionistiche a carico delle forme pensionistiche di cui ai commi 1, 2 e 3 trova applicazione esclusivamente il D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 11 con esclusione di forme diverse ove ancora previste, di adeguamento collegato all’evoluzione delle retribuzioni di personale in servizio), avrebbero accelerato e concluso il processo di armonizzazione dei trattamenti pensionistici corrisposti dai fondi esclusivi, esonerativi ed integrativi dell’AGO con i trattamenti erogati dall’AGO. Conclude, pertanto, che erroneamente la Corte territoriale ha ritenuto inapplicabile alle pensioni integrative il comma 13 della norma sopra richiamata, quando, in realtà, con il comma 4 il legislatore aveva manifestato la volontà di operare una totale equiparazione, ai fini della perequazione automatica, dei trattamenti pensionistici di fonte privata alle forme di previdenza obbligatoria.

Il motivo è infondato.

La L. n. 449 del 1997, art. 59, comma 4 stabilisce che “a decorrere dal 1 gennaio 1998, per l’adeguamento delle prestazioni pensionistiche a carico delle forme pensionistiche di cui ai commi 1, 2 e 3 trova applicazione esclusivamente il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 503, art. 11 con esclusione di diverse forme, ove ancora previste, di adeguamento anche collegate all’evoluzione delle retribuzioni di personale in servizio. Con effetto sui trattamenti liquidati a decorrere dal 1 gennaio 1998 alle medesime forme pensionistiche si applicano le disposizioni in materia di cumulo tra prestazioni pensionistiche e redditi da lavoro dipendente o autonomo previste dalla disciplina dell’assicurazione generale obbligatoria.” Il comma 13 della norma citata prevede che “sui trattamenti pensionistici superiori a cinque volte il trattamento minimo INPS dovuti dall’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti e dalle forme di essa sostitutive od esclusive non spetta la perequazione automatica al costo della vita prevista per l’anno 1998”.

Questa Corte, già con le sentenze nn. 24777/2006 e 15769/2007, ha chiarito che il legislatore, nel dettare la disciplina sopra trascritta, da un lato ha voluto stabilire, con riguardo a tutte le forme pensionistiche e con decorrenza dal 1 gennaio 1998, un unico criterio di adeguamento al mutato costo della vita, ossia quello di cui al D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 11, meno favorevole dei meccanismi precedenti ed in particolare di quelli colleganti l’evoluzione delle pensioni alle retribuzioni del personale in servizio; dall’altro ha previsto, a fini di contenimento della spesa pubblica, una restrizione temporanea del diritto alla perequazione, limitandolo con esclusivo riferimento ai trattamenti pensionistici dovuti dalla assicurazione obbligatoria e dalle forme sostitutive od esclusive. E’ stato evidenziato che la L. n. 449 del 1997, art. 59 costituisce “un corpus normativo che in ciascuna delle diverse disposizioni reca la precisa individuazione delle forme pensionistiche oggetto di regolamentazione”, con la conseguenza che la disciplina dettata dal comma 13, anche per la sua natura eccezionale, oltre.. che temporanea, non può essere estesa a regimi pensionistici diversi da quelli espressamente contemplati nella disposizione. Detti principi sono stati ribaditi, poi, dalle più recenti sentenze nn. 13573/2011, 10556/2013 e 1311/2014, nelle quali si è dato conto della diversa interpretazione accolta da Cass. n. 12344/2010, ritenendola non condivisibile, sia perchè era stata trascurata la natura eccezionale dell’intero comma 13, sia in quanto la pronuncia aveva valorizzato la ampia locuzione (“indice di perequazione delle pensioni”) contenuta nel comma in commento, u.p. senza considerare la stretta connessione, logica e temporale, di questa con il dettato dell’intero comma, che esordisce riferendosi espressamente ai soli trattamenti “dovuti dall’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti e dalle forme di essa sostitutive od esclusive”.

Le ragioni che hanno indotto la Corte a disattendere l’unico precedente favorevole alla tesi qui sostenuta dall’istituto di credito ricorrente, sono condivise dal Collegio, che intende dare continuità all’orientamento prevalente e ribadire la tesi della natura non solo temporanea ma anche eccezionale della sospensione prevista dal comma 13, come tale non applicabile a trattamenti pensionistici diversi da quelli espressamente richiamati nella disposizione (cfr in tal senso da ultimo Cass. n. 6179/2016).

Non vale richiamare la recente pronuncia delle Sezioni Unite sulla natura previdenziale e non retributiva dei versamenti effettuati dal datore di lavoro in favore dei fondi di previdenza complementare, atteso che le ragioni per le quali il comma 13 risulta applicabile alle sole prestazioni richiamate nel testo normativo vanno individuate, come già detto, nella natura eccezionale della previsione e nel tenore inequivocabile della stessa.

Con il secondo motivo la ricorrente denuncia violazione della L. n 448 del 1998, art. 34, comma 1. Censura l’interpretazione data dalla Corte alla norma citata secondo cui riguarderebbe solo il riparto degli aumenti della rivalutazione automatica e non anche la spettanza o meno della perequazione. La norma, invece, aveva unificato a decorrere dall’1/1/1999 la disciplina della perequazione automatica.

Il motivo è fondato e va accolto.

La L. n. 448 del 1998, art. 34 ai comma 1 stabilisce che “Con effetto dal 1 gennaio 1999, il meccanismo di rivalutazione delle pensioni si applica per ogni singolo beneficiario in funzione dell’importo complessivo dei trattamenti corrisposti a carico dell’assicurazione generale obbligatoria e delle relative gestioni per i lavoratori autonomi, nonchè dei fondi sostitutivi, esclusivi ed esonerativi della medesima e dei fondi integrativi ed aggiuntivi di cui alla L. 27 dicembre 1997, n. 449, art. 59, comma 3. L’aumento della rivalutazione automatica dovuto in applicazione del presente comma viene attribuito, su ciascun trattamento, in misura proporzionale all’ammontare del trattamento da rivalutare rispetto all’ammontare complessivo.”. I commi successivi disciplinano, poi, gli adempimenti necessari per la quantificazione della rivalutazione automatica e della quota gravante sul singolo trattamento e stabiliscono un obbligo di comunicazione al Casellario centrale delle pensioni il quale, sulla base dei dati trasmessi dagli enti interessati, comunica agli stessi “l’importo del trattamento complessivo del soggetto su cui attribuire gli incrementi”. Il tenore letterale della disposizione è chiaro nel riferimento al “meccanismo di rivalutazione”, del quale prevede la unicità, pur nella diversità dei trattamenti pensionistici goduti, stabilendo, a tal fine, l’obbligo di considerare l’importo complessivo di tutte le erogazioni effettuate in favore del beneficiario. E’, quindi, pertanto condivisibile quanto affermato dalla ricorrente secondo cui il legislatore con la legge in commento ha portato a conclusione il processo di armonizzazione già da tempo in atto, imponendo un unico meccanismo di perequazione, da applicare sul trattamento pensionistico complessivamente considerato. Proprio la unicità del meccanismo induce a ritenere la giuridica impossibilità di subordinare la spettanza del diritto a requisiti diversi, atteso che tutta la disciplina finalizzata a stabilire le modalità di calcolo della rivalutazione complessiva e la ripartizione della stessa fra le diverse gestioni pensionistiche, esclude in radice che possa riconoscersi la perequazione, pacificamente non spettante secondo il regime generale, solo per il trattamento integrativo.

A dette conclusioni questa Corte è già pervenuta con la recente sentenza n. 6179/2016. In precedenti sentenza di questa Corte, sia pure incidentalmente, si era già osservato (cfr Cass. nn. 10556/2013 e 13573/2011) che non “giova alla tesi della ricorrente (banca) la formulazione della sopravvenuta L. 23 dicembre 1998, n. 448, che (art. 34) nel dettare la disciplina del meccanismo di rivalutazione delle pensioni con effetto dal 1 gennaio 1999, comprende esplicitamente nel trattamento complessivo le erogazioni a carico dei fondi integrativi e aggiuntivi” (disponendo che l’aumento della rivalutazione automatica dovuto “viene attribuito su ciascun trattamento in misura proporzionale all’ammontare del trattamento da rivalutare rispetto all’ammontare complessivo”), in quanto ciò non significa affatto che le dette erogazioni siano state soggette alla disciplina di cui alla precedente L. n. 449 del 1997, art. 59, comma 13″.

Per le considerazioni che precedono in accoglimento del secondo motivo del ricorso la sentenza impugnata deve essere cassata ed il giudizio rinviato alla Corte d’appello di Venezia in diversa composizione anche per le spese del presente giudizio.

Avuto riguardo all’esito del giudizio ed alla data di proposizione del ricorso sussistono i presupposti di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

PQM

Rigetta il primo motivo e accoglie il secondo; cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia alla Corte d’appello di Venezia in diversa composizione anche per le spese del presente giudizio.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma del cit. art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 6 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 20 giugno 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA