Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12603 del 17/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 17/06/2016, (ud. 05/04/2016, dep. 17/06/2016), n.12603

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 28364/2012 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA n. 29 presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

avvocati ANTONINO SGROI, LELIO MARITATO e CARLA D’ALOISIO, giusta

delega in atti;

– ricorrente –

contro

DALL’O’ S.R.L., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, 3F FABBRICA FUSTI FERRECCHI SILVANO

S.P.A. C.F. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA COLA DI RIENZO 180,

presso lo studio dell’avvocato PAOLO FIORILLI, rappresentate e

difese dall’avvocato ROBERTO ALLEGRI, giusta delega in atti;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 581/2012 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 31/05/2012, R.G. N. 55/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

05/04/2016 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito l’Avvocato CARLA D’ALOISIO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per il rigetto del 1 motivo e

l’accoglimento del 2 motivo del ricorso.

Fatto

Con sentenza depositata il 31.5.2012, la Corte d’appello di Genova, in riforma della statuizione di primo grado, condannava l’INPS a restituire a Dall’O’ s.r.l. e a 3F Fabbrica Fusti di F. S. s.p.a. il 90% delle somme versate a titolo di contributi previdenziali nel periodo novembre 1994-dicembre 1997, oltre accessori dalla data della domanda amministrativa al saldo.

La Corte territoriale, per quanto qui rileva, dava atto che, secondo l’interpretazione fatta propria da questa Corte di legittimità, il, D.L. n. 300 del 2006 (conv. con L. n. 17 del 2007), nel prorogare al 31.7.2007 il termine di presentazione delle domande di cui alla L. n. 350 del 2003, art. 4, comma 90, che a sua volta aveva esteso ai soggetti colpiti dagli eventi alluvionali del novembre 1994 e destinatari di provvedimenti agevolativi in materia di versamento di somme dovute a titolo di tributi, contributi e premi, i benefici di cui alla L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, aveva fugato ogni dubbio in ordine all’applicabilità delle disposizioni recate dalla norma ult. cit. anche ai contributi previdenziali; sotto altro ma connesso profilo, considerava che, sempre secondo l’interpretazione di questa Corte di legittimità, non potevano distinguersi, ai fini dell’accesso ai benefici in questione, la posizione di coloro che a tale data non avessero ancora provveduto al pagamento dei contributi e quella di coloro che, come le imprese in epigrafe, vi avessero già provveduto, dovendo in tale caso riconoscersi il loro diritto a ripetere quanto versato in eccesso rispetto al dovuto, e a tale ultimo riguardo riteneva che, pur avendo le imprese citate proposto la domanda di restituzione in data successiva al 31.7.2007, nessuna decadenza poteva essere maturata a loro carico, dal momento che la previsione del termine di decadenza poteva concernere solo le imprese che non avessero provveduto al pagamento dei contributi, quelle che li avevano regolarmente corrisposti potendo richiederne la restituzione entro il termine di prescrizione.

Avverso tali statuizione ricorre l’INPS affidandosi a due motivi.

Resistono le imprese intimate con controricorso, illustrato da memoria.

Diritto

Con il primo motivo, l’Istituto ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione della L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, L. n. 350 del 2003, art. 4, comma 90 e D.L. n. 300 del 2006, art. 3-quater, comma 1 (conv. con L. n. 17 del 2007), per avere la Corte territoriale escluso che le imprese in epigrafe fossero decadute dai benefici di cui alla cit. L. n. 350 del 2003, art. 4, comma 90, pur non avendo presentato alcuna domanda di restituzione entro il 31.7.2007.

Con il secondo motivo, l’Istituto ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (TFUE), per avere la Corte territoriale dato applicazione ad una normativa istituente benefici configurabili alla stregua di aiuti di Stato non consentiti dall’ordinamento comunitario.

Va anzitutto disattesa l’eccezione preliminare d’inammissibilità del ricorso, sollevata dalle imprese controricorrenti per asserita maturazione del termine di decadenza di sei mesi di cui all’art. 327 c.p.c., comma 1: indipendentemente dal fatto che la sentenza impugnata è stata depositata il 31.5.2012 e che il ricorso per cassazione è stato consegnato all’ufficiale giudiziario per la notifica in data 30.11.2012, onde non si potrebbe comunque attribuire alcun rilievo alla data successiva in cui la notificazione è stata effettuata, giusta l’insegnamento di Corte cost. n. 477 del 2002, decisivo è invece rilevare che il termine semestrale di cui all’art. 327 c.p.c., per come novellato dalla L. n. 69 del 2009, art. 46, si applica, ai sensi dell’art. 58, L. cit., ai giudizi instaurati (e non alle impugnazioni proposte) a decorrere dal 4.7.2009, dovendo pertanto ritenersi ancora vigente il termine annuale qualora l’atto introduttivo del giudizio di primo grado sia anteriore a tale data (Cass. n. 6784 del 2012).

Ciò posto, il primo motivo è fondato.

Al riguardo, questa Corte di legittimità ha già avuto modo di chiarire che la L. n. 350 del 2003, art. 4, comma 90, nell’estendere l’applicazione delle disposizioni della L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, ai soggetti colpiti dagli eventi alluvionali del novembre 1994, si riferisce espressamente ai provvedimenti agevolativi concernenti i versamenti di quanto dovuto “a titolo di tributi, contributi e premi”, restando privo di rilievo il mancato rinvio, nel testo della norma, anche alla disposizione di cui al D.L. n. 646 del 1994, art. 7, in quanto il richiamo dell’art. 6, commi 2, 3 e 7-bis, D.L. ult. cit., da parte della L. n. 350 del 2003, art. 4, comma 90, è funzionale esclusivamente all’individuazione della categoria dei destinatari del beneficio e non già all’individuazione della tipologia dei tributi a cui riferire l’agevolazione, e – precisando che tale interpretazione trova espressa e letterale conferma nel D.L. n. 300 del 2006, art. 3-quater (conv. con L. n. 17 del 2007), che ha esplicitamente stabilito l’operatività dell’agevolazione “per i contributi previdenziali, i premi assicurativi e i tributi riguardanti le imprese relativi all’alluvione del Piemonte del 1994” – ha fugato ogni dubbio sulla legittimità costituzionale della norma ult. cit., sulla scorta dell’insegnamento di Corte cost. n. 274 del 2006, in considerazione della piena legittimità in materia civile di leggi retroattive non solo interpretative ma anche innovative con efficacia retroattiva, quando la disposizione trovi adeguata giustificazione sul piano della ragionevolezza (come nel caso in cui l’interpretazione della disciplina richiamata rappresenti una delle possibili letture del dato normativo) e non contrasti con altri valori ed interessi costituzionalmente protetti (Cass. nn. 11133 e 11247 del 2010).

Ha inoltre chiarito questa Corte che la definizione automatica della posizione previdenziale può avvenire, per chi non ha ancora pagato, mediante il pagamento del solo 10% del dovuto e, per chi ha già pagato, attraverso il rimborso del 90% di quanto versato, dovendo ritenersi, nel silenzio del legislatore circa la posizione di coloro che, all’entrata in vigore della normativa recante il beneficio, avessero già ottemperato al pagamento dell’obbligazione contributiva, che un’interpretazione che escludesse costoro dalla possibilità di richiedere la restituzione di quanto versato in eccesso si porrebbe in contrasto con la costante giurisprudenza della Corte costituzionale circa l’irragionevolezza di disposizioni legislative che sopprimano o riducano la prestazione dovuta per obbligazioni pubbliche già perfezionatesi, prevedendo al contempo l’irripetibilità delle somme già versate in esecuzione del rapporto obbligatorio siccome conformato in precedenza (Cass. n. 11247 del 2010, cit.).

Così ricostruita la portata oggettiva e soggettiva del beneficio in questione, deve invece escludersi che – come ritenuto dalla Corte territoriale – l’imposizione del termine del 31.7.2007 sia collegata soltanto ad un’ipotesi di versamento non effettuato, per modo che l’impresa che abbia effettuato il versamento possa invece ripeterlo nei (soli) termini di prescrizione: al contrario, deve ritenersi che una differenziazione tra la posizione di chi abbia provveduto al versamento dei contributi e chi non vi abbia provveduto non è sostenibile nè su un piano testuale, nè su un piano logico-

sistematico.

Sotto il profilo testuale, giova rilevare che la L. n. 350 del 2003, art. 4, comma 90, nel prevedere che le disposizioni di cui alla L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, si applicassero anche ai soggetti colpiti dagli eventi alluvionali del novembre 1994 che fossero stati destinatari dei provvedimenti agevolativi in materia di versamento delle somme dovute a titolo di tributi, contributi e premi, ha previsto che costoro “possono regolarizzare la propria posizione relativa agli anni 1995, 1996 e 1997, entro il 31 luglio 2004, ovvero secondo le modalità di rateizzazione previste della L. n. 289 del 2002, art. 9, citato comma 17”: ed è evidente che, se il riferimento alle “modalità di rateizzazione” è logicamente da intendersi come correlato all’ipotesi di versamenti non effettuati, la locuzione “regolarizzare la propria posizione” è invece suscettibile di riferirsi ad entrambe le ipotesi, presupponendo semplicemente la pendenza di termini entro i quali conformare al ius superveniens il fatto considerato dal legislatore (id est, il pagamento dei tributi, dei contributi e dei premi da parte delle imprese destinatarie dei provvedimenti agevolativi previsti a seguito dell’alluvione). Tanto è vero che questa Corte ha già avuto modo di chiarire che la L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, nel prevedere che la posizione dell’interessato si definisca “in maniera automatica” con il versamento “dell’intero ammontare dovuto… diminuito al 10 per cento”, si riferisce ad un importo non contestato (o non più contestato) dal privato e/o, a fortiori, ad una somma determinata in via definitiva a seguito di sentenza passata in giudicato, con ciò attribuendo al giudicato sulla determinazione dell’importo dovuto la natura di mero presupposto di fatto per la corretta quantificazione dell’agevolazione e non già di ostacolo alla sua fruizione (cfr.

Cass. n. 11133 del 2010, cit.).

Sotto il profilo logico-sistematico, rilevano le medesime considerazioni già svolte da questa Corte a sostegno di un’interpretazione del testo normativo che estendesse la provvidenza anche alle imprese che avevano già provveduto al pagamento dei contributi: una volta acclarata la struttura unitaria dell’agevolazione, se è irragionevole ex art. 3 Cost., comma 1, ritenerne esclusi quanti hanno già pagato (cfr. al riguardo Cass. n. 11247 del 2010, cit.), altrettanto irragionevole è ritenere che essi possano beneficiarne al di fuori dei termini di decadenza previsti per coloro che non hanno ancora pagato, non essendovi per il legislatore differenza alcuna tra la “definizione” (o “regolarizzazione”) della posizione previdenziale mediante il pagamento del solo 10% del dovuto o attraverso il rimborso del 90% di quanto versato.

E’ poi appena il caso di precisare che non possono condividersi le considerazioni svolte dalle parti controricorrenti circa l’impossibilità logica di presentare una domanda di rimborso in epoca anteriore ai pronunciamenti di questa Corte che hanno riconosciuto che anche quanti avevano già pagato i contributi avevano la possibilità di accedere alla provvidenza in questione: la molteplicità dei significati resi possibili dalla plurivocità del significante testuale impiegato dal legislatore non toglie che la norma giuridica trovi pur sempre la sua fonte di produzione nella legge (cfr. da ult. Cass. S.U. n. 15144 del 2011) e, se è vero che la mediazione del giudizio è necessaria affinchè la volontà generale contenuta nel testo di legge diventi norma particolare del caso concreto, non è meno vero che l’incertezza che de facto connota l’esperienza fino al definitivo formarsi del giudizio è de iure irrilevante, appunto perchè la volontà della legge è un universale che comprende in sè tutta l’esperienza (ciò che in dottrina si suole riassumere nella formula secondo cui tutte le sentenze hanno natura dichiarativa).

In ragione dei principi di diritto dianzi esposti, assorbito il secondo motivo, la sentenza impugnata va cassata e, non apparendo necessarie ulteriori indagini in fatto, la causa va decisa con il rigetto della domanda proposta dalle aziende controricorrenti, essendo state le loro richieste di rimborso L. n. 350 del 2003, ex art. 4, comma 90, presentate oltre il termine di cui al D.L. n. 300 del 2006, art. 3-quater (conv. con L. n. 17 del 2007).

La complessità e novità della questione e l’esito contrastante dei precedenti gradi di merito costituiscono giusto motivo per compensare le spese dell’intero processo.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo, assorbito il secondo. Cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta la domanda proposta da Dall’O’ s.r.l. e 3F Fabbrica Fusti di F. S. s.p.a..

Compensa le spese dell’intero processo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 5 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA