Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12600 del 09/06/2011

Cassazione civile sez. I, 09/06/2011, (ud. 12/01/2011, dep. 09/06/2011), n.12600

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – rel. Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul REGOLAMENTO DI COMPETENZA richiesto d’ufficio da:

Corte di appello di Brescia con ordinanza del 7 marzo 2008, nel

procedimento n. 344./07 V.G.;

alla presenza del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto

Procuratore Generale, Dott.ssa CARESTIA Antonietta, che ha concluso

chiedendo dichiararsi la competenza della Corte di appello di

Brescia;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

12 gennaio 2011 dal relatore, Cons. Dott. Stefano Schirò.

La Corte:

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che la Corte di appello di Brescia ha richiesto d’ufficio regolamento di competenza, in seguito alla riassunzione davanti alla stessa Corte di un giudizio in materia di equa riparazione L. n. 89 del 2001, ex art. 2 – promosso da S.M. nei confronti del Ministero della giustizia per eccessiva durata di un processo, svoltosi nella fase di merito in Milano e presso la Corte di Cassazione nella fase di legittimità – in ordine al quale la Corte di appello di Perugia si era dichiarata incompetente, ritenendo applicabile la L. n. 89 del 2001, art. 3, e quindi l’art. 11 c.p.p., anche nel caso in cui il giudizio presupposto di irragionevole durata si fosse svolto nella fase finale davanti alla Corte di Cassazione, in quanto doveva prendersi a riferimento il distretto in cui si era concluso o estinto il processo relativo ai gradi di merito, così ravvisando nella specie la competenza della Corte di appello di Brescia;

rilevato che in data 14 ottobre 2008 è stata depositata in cancelleria relazione redatta ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., che ha concluso per la competenza della Corte di appello di Roma o della diversa Corte di appello in cui ha residenza l’attrice ed ha sede la tesoreria provinciale dello Stato.

Diritto

OSSERVA IN DIRITTO

2. le Sezioni Unite di questa Corte, con sentenza n. 6306/10 del 16 marzo 2010, innovando ad un precedente reiterato indirizzo, hanno affermato il principio che in tema di equa riparazione per violazione del termine di ragionevole durata del processo, ai fini dell’individuazione del giudice territorialmente competente in ordine alla relativa domanda, il criterio di collegamento stabilito dall’art. 11 c.p.p., richiamato dalla L. n. 89 del 2001, art. 3, comma 1, va applicato con riferimento al luogo in cui ha sede il giudice di merito, ordinario o speciale, dinanzi al quale ha avuto inizio il giudizio presupposto, anche nel caso in cui un segmento del giudizio medesimo si sia svolto davanti alla Corte di Cassazione;

3. in base a tale orientamento, nel caso di specie, poichè il giudizio presupposto si è svolto nella fase di merito in Milano, va dichiarata la competenza della Corte di appello di Brescia, secondo il criterio fissato dall’art. 11 del codice di procedura penale;

4. trattandosi di regolamento di competenza sollevato d’ufficio, non vi è luogo a provvedere sulle spese processuali (Cass. 2004/21737;

2007/1167).

P.Q.M.

La Corte, pronunciando sul regolamento di competenza, dichiara la competenza della Corte di appello di Brescia.

Così deciso in Roma, il 12 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA