Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12502 del 24/06/2020

Cassazione civile sez. lav., 24/06/2020, (ud. 21/01/2020, dep. 24/06/2020), n.12502

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – rel. Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20587-2014 proposto da:

FALLIMENTO (OMISSIS) S.R.L. (già (OMISSIS) S.R.L. IN LIQUIDAZIONE),

in persona del Curatore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, LARGO LUIGI ANTONELLI 27, presso lo studio dell’avvocato

PATRIZIA UBALDI, rappresentato e difeso dall’avvocato MASSIMO

DALMONTE;

– ricorrente –

contro

– INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso la

sede legale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati

RAFFAELA FABBI e LORELLA FRASCONA’;

– I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, in proprio e

quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A. società di cartolarizzazione

dei crediti I.N.P.S., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CESARE

BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale dell’Istituto,

rappresentati e difesi dagli avvocati ANTONINO SGROI, ESTER ADA

SCIPLINO, LELIO MARITATO e CARLA D’ALOISIO;

– controricorrenti –

e contro

SO.RI.T. RAVENNA S.P.A. – Concessionaria del Servizio Nazionale di

Riscossione per la Provincia di Ravenna;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1035/2013 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 05/09/2013, R.G.N. 609/2008.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. con sentenza in data 5 settembre 2013, la Corte di appello di Bologna ha confermato la sentenza di primo grado che, per quanto in questa rileva, aveva rigettato l’opposizione a cartelle per omissioni contributive, in riferimento a crediti INPS e INAIL, afferenti l’illegittimità di rapporti di lavoro part-time con i dipendenti dell’attuale ricorrente, F. e B., conclusi, rispettivamente, a partire dal 1995 e 1998;

2. per la Corte di merito, applicata, ratione temporis, la L. n. 863 del 1984, trattandosi di contratti part-time stipulati in epoca antecedente al D.Lgs. n. 61 del 2000, i contratti stipulati erano nulli, per difetto di forma scritta, per indeterminatezza della collocazione temporale della prestazione, e trovavano applicazione il regime ordinario contributivo, anche quanto ai minimali giornalieri di retribuzione, e la disciplina di cui al D.L. n. 338 del 1989, art. 1 conv. in L. n. 389 del 1989;

3. la Corte territoriale riteneva, inoltre, infondato il motivo di gravame sull’omessa applicazione della L. n. 388 del 2000, art. 116, comma 10, ritenendo insussistente l’oggettiva incertezza sull’obbligo contributivo, in considerazione dell’arresto delle Sezioni unite del 2004, antecedente all’emissione delle cartelle di pagamento opposta;

4. avverso tale sentenza (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione ha proposto ricorso, affidato a tre motivi, al quale hanno opposto difese, con controricorsi, l’INPS, anche quale procuratore speciale della S.C.C.I. s.p.a., e l’Inail;

5. Equitalia Centro s.p.a., ora Agenzia delle Entrate Riscossione, già SO.RI.T. Ravenna, è rimasta intimata;

6. il fallimento (OMISSIS) s.r.l., in persona del curatore fallimentare, ha depositato ricorso in riassunzione e memoria.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

7. preliminarmente deve darsi atto dell’irrituale ricorso in riassunzione depositato dalla curatela fallimentare atteso che anche dopo la novella all’art. 43 L.fall. per effetto del D.Lgs. n. 5 del 2006, art. 41 nella parte in cui stabilisce che “l’apertura del fallimento determina l’interruzione del processo”, il fallimento non comporta l’interruzione del giudizio di legittimità, posto che in quest’ultimo, in quanto dominato dall’impulso d’ufficio, non trovano applicazione le comuni cause di interruzione del processo previste in via generale dalla legge (v. fra le altre, Cass. n. 27143 del 2017 e n. Cass. n. 21153 del 2010);

8. la parte ricorrente, deducendo violazione del D.L. n. 338 del 1989, art. 1 conv. in L. n. 287 del 1989, e D.Lgs. n. 61 del 2000, art. 8 censura la sentenza impugnata per l’affermata conversione del rapporto part time, per vizio di forma, in rapporto full time, con applicazione del regime contributivo corrispondente al rapporto di lavoro a tempo pieno, in luogo del regime ordinario parametrato alle giornate effettive di lavoro, con applicazione del minimale giornaliero retributivo quale parametro cui commisurare l’obbligazione contributiva nel contratto part time nullo per difetto di forma, alla stregua della L. n. 389 del 1989, art. 1 (primo motivo); omessa motivazione su un fatto controverso e decisivo per il giudizio, per non aver motivato sulle censure in ordine all’insussistenza, nella specie, di obblighi di disponibilità del lavoratore o di costante superamento dei termini della prestazione parziali convenute (secondo motivo); violazione della L. n. 388 del 2000, art. 116, comma 10, per la ritenuta insussistenza di una oggettiva incertezza sull’obbligo contributivo;

9. il ricorso è da rigettare;

10. come già affermato da questa Corte, con orientamento al quale va data continuità, la distribuzione dell’orario della prestazione, con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all’anno, integra il nucleo del contratto di lavoro a tempo parziale e la ragion d’essere della particolare garanzia costituita dalla forma scritta, preordinata ad evitare che il datore di lavoro, avvalendosi della carente o generica pattuizione sull’orario, possa modificarla a proprio piacimento a fini di indebita pressione sul lavoratore, conseguendone la nullità del contratto di lavoro part time che non rechi l’indicazione scritta della distribuzione oraria della prestazione e l’esclusione dal beneficio contributivo previsto dal D.L. n. 726 del 1984, art. 5, comma 5, (v., fra le altre, Cass. n. 1430 del 2012 e Cass. n. 20104 del 2014);

11. alla garanzia della forma scritta non può sopperire neanche l’asserita predeterminazione dell’orario giornaliero evinta dal contesto organizzativo della società, come assume la società ricorrente, non potendo darsi, all’evidenza, conoscibilità e consapevolezza, nel lavoratore, di un peculiare contesto organizzativo, al momento della conclusione del contratto di lavoro a tempo parziale;

12. in tema di disciplina applicabile al contratto a tempo parziale, e di successione delle norme regolatrici del tipo contrattuale, si sono già espresse le Sezioni unite della Corte, con la sentenza n. 12269 del 2004, affermando che le nuove norme contenute nel D.Lgs. n. 61 del 2000 non si applicano ai rapporti a tempo parziale conclusi prima dell’entrata in vigore del decreto, non avendo esse efficacia retroattiva;

13. nella specie, come statuito dalla Corte di merito, nessun contratto risulta concluso dopo il 5 aprile 2000, derivandone l’inapplicabilità del citato D.Lgs. n. 61 del 2000;

14. il secondo motivo è inammissibile per non essere spendibile, ratione temporis, l’omessa motivazione, ai sensi del novellato paradigma del vizio di motivazione così come interpretato da Cass. Sez. U, n. 8053 del 2014;

15. anche il terzo motivo è da rigettare;

16. la condotta del datore di lavoro si inscrive nell’evasione contributiva essendo consolidato il principio di diritto secondo cui, giusta il disposto della L. n. 388 del 2000, art. 116, comma 8, tale ipotesi ricorre allorchè il datore di lavoro ometta di denunciare all’INPS rapporti di lavoro in essere e relative retribuzioni corrisposte, dovendo ravvisarsi la più lieve ipotesi dell’omissione solo qualora l’ammontare dei contributi di cui sia stato omesso o ritardato il pagamento sia rilevabile dalle denunce e/o registrazioni obbligatorie (cfr., fra le altre, Cass. n. 5281 del 2017; Cass. n. 17119 del 2015);

17. nessuna censura merita, pertanto, la sentenza impugnata che ha ritenuto integrata un’evasione contributiva ed escluso incertezze (valorizzabili ai fini della determinazione della sanzione) sull’esistenza dell’obbligazione contributiva, alla stregua del richiamo alle Sezioni unite della Corte intervenute, sulla questione, sin dal 2004, ma ancor più per il rilievo assorbente che condizione imprescindibile per la riduzione delle sanzioni civili, alla stregua della citata L. n. 388, art. 116, comma 10 in caso di ritardato o omesso pagamento del contributi “derivanti da oggettive incertezze connesse a contrastanti ovvero sopravvenuti diversi orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla ricorrenza dell’obbligo contributivo successivamente riconosciuto in sede giurisdizionale o amministrativa”, è l’integrale pagamento dei contributi e dei premi entro il termine fissato dagli Enti impositori, condizione che, nella specie, non risulta, adempiuta dalla parte ricorrente (v., in tal senso, fra le altre, Cass. n. 13070 del 2016);

18. le spese, liquidate come in dispositivo in favore delle parti che hanno svolto attività difensiva, seguono la soccombenza; nulla spese in favore di Equitalia s.p.a. che non ha svolto attività difensiva;

19. ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, sussistono i presupposti processuali per il versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo, a titolo di contributo unificato, pari a quello per il ricorso ex art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese, liquidate per esborsi in Euro 200,00, per compensi professionali in Euro 1.500,00 in favore dell’INAIL e in Euro 7.000,00 in favore dell’INPS, oltre quindici per cento spese generali e altri accessori di legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, sussistono i presupposti processuali per il versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo, a titolo di contributo unificato, pari a quello per il ricorso ex art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 21 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 24 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA