Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12451 del 24/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 24/06/2020, (ud. 13/12/2019, dep. 24/06/2020), n.12451

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – rel. Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 2323-2019 proposto da:

G.V., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato MARIA GRAZIA PICCININI;

– ricorrente –

contro

S.F.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 2390/2017 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 20/12/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 13/12/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ROSSANA

GIANNACCARI.

Fatto

RITENUTO

che:

il secondo ed il quarto motivo di ricorso attengono alla valutazione della buona fede, in relazione all’eccezione di inadempimento nei contratti a prestazione corrispettive, proposta dalla parte che abbia goduto delle prestazioni ed abbia formulato l’eccezione solo in occasione del giudizio; la questione di diritto riguarda la legittimità della proposizione dell’eccezione di inadempimento, con riferimento ai legami di corrispettività e interdipendenza tra prestazioni ineseguite e prestazioni rifiutate (sulla quale si è espressa Cassazione civile sez. III, 03/11/2010, n. 22353; Cass. 7 dicembre 1994 n. 10506);

ulteriore aspetto attiene agli effetti sospensivi o liberatori dell’eccezione di inadempimento, anche se sollevata in buona fede, con riferimento alle prestazioni di cui ha goduto la parte che ha sollevato l’eccezione (Cass. Civ. Sez.III, 29.3.2019 n. 8760);

la valutazione della valutazione comparativa degli opposti inadempimenti, in correlazione con il principio di buona fede nell’esecuzione del contratto, non è caratterizzata dall’evidenza decisoria;

la causa va, pertanto, rimessa alla pubblica udienza.

P.Q.M.

Rimette la causa alla pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile- 2 della Corte Suprema di cassazione, il 13 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 24 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA