Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12440 del 20/05/2010

Cassazione civile sez. III, 20/05/2010, (ud. 08/04/2010, dep. 20/05/2010), n.12440

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 6057/2009 proposto da:

S.T., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA F. GREGOROVIUS

20, presso lo studio dell’avvocato RICCOBELLI SANDRO, rappresentato e

difeso dall’avvocato SENESE Francesco, giusta mandato in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

SOCIETA’ MILANO ASSICURAZIONI SPA in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

FLAMINIA 318, presso lo studio dell’avvocato CORAPI DIEGO,

rappresentata e difesa dall’avvocato TORTORANO Franco, giusta procura

speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

M.M.S., V.A., VI.AN.,

V.C., D.R.C., I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE

DELLA PREVIDENZA SOCIALE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 575/2008 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI del

28.12.07, depositata il 14/02/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio

dell’8/04/2010 dal Consigliere Relatore Dott. RAFFAELLA LANZILLO.

E’ presente il P.G. in persona del Dott. ANTONIETTA CARESTIA.

La Corte:

 

Fatto

PREMESSO IN FATTO

Il giorno 26 febbraio 2010 è stata depositata in Cancelleria la seguente relazione ai sensi dell’art. 380 bis cod. proc. civ.:

“1.- S.T. propone quattro motivi di ricorso per cassazione contro la sentenza della Corte di appello di Napoli n. 575/2008, depositata il 14.2.2008, che – in parziale riforma della sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Napoli – gli ha addebitato il concorso di colpa per un incidente stradale occorso il (OMISSIS) sulla Via (OMISSIS).

Resiste con controricorso la s.p.a. Milano Assicurazioni.

2.- Il ricorso è inammissibile per la mancata o inidonea formulazione dei quesiti di cui all’art. 366 bis cod. proc. civ..

In relazione ai quattro motivi – tutti contenenti diverse censure di violazione di legge – il ricorrente ha formulato solo due quesiti di diritto, per di più del tutto generici. Si richiama la costante giurisprudenza di questa Corte, secondo cui – anche quando le diverse censure di violazione di legge siano contenute in un unico motivo – debbono essere formulati tanti quesiti per quanti sono i profili fra loro autonomi e differenziati in cui si concretizzano le censure, restando altrimenti eluso il disposto dell’art. 366 bis c.p.c..

A maggior ragione ciò vale con riguardo a motivi anche formalmente differenziati, quali quelli proposti nel caso in esame.

I due quesiti effettivamente proposti risultano poi inammissibili, perchè formulati in termini generici e astratti. Essi chiedono la conferma di un astratto principio di diritto – di per sè teoricamente condivisibile – senza alcun riferimento alla fattispecie oggetto di decisione, ai termini in cui il principio enunciato sarebbe stato disatteso dalla sentenza impugnata, e alla diversa regola che si vorrebbe enunciata in sua vece, sì che l’eventuale risposta affermativa della Corte di legittimità risulterebbe inidonea ad orientare concretamente l’interprete e ad esprimere un principio applicabile ai casi simili, in armonia con le finalità perseguite dall’art. 366 bis cod. proc. civ. (cfr. Cass. civ. S.U. 9 luglio 2008 n. 18759; Cass. Civ. S.U. 11 marzo 2008 n. 6420; Cass. Civ. 7 aprile 2009 n. 8463, fra le tante). Nè è consentito desumere il quesito dal contenuto del motivo o integrare il primo con il secondo, pena la sostanziale abrogazione del richiamato art. 366 bis cod. proc. civ. (Cass. Civ. S.U. 11 marzo 2008 n. 6420, cit.).

5.- Propongo che il ricorso sia dichiarato inammissibile, con procedimento in Camera di consiglio”. – La decisione è stata comunicata al Pubblico Ministero e ai difensori delle parti.

Il pubblico ministero non ha depositato conclusioni scritte.

– Il ricorrente ha depositato memoria.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

1.- Il Collegio, all’esito dell’esame del ricorso, ha condiviso la soluzione e gli argomenti esposti nella relazione, che le argomentazioni difensive contenute nella memoria non valgono a disattendere.

2.- Il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

3.- Le spese del presente giudizio, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

La Corte di cassazione dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso delle spese processuali in favore della resistente, liquidate complessivamente in Euro 1.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi ed Euro 1.000,00 per onorari di avvocato; oltre al rimborso delle spese generali ed agli accessori previdenziali e fiscali di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile, il 8 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 20 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA