Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12433 del 17/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 17/05/2017, (ud. 03/04/2017, dep.17/05/2017),  n. 12433

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9669/2016 proposto da:

MARA COSTRUZIONI S.R.L. – P.I. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

ARNO 6, presso lo studio dell’avvocato ORESTE MORCAVALLO che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

ANAS S.P.A. – C.F. (OMISSIS), P.I. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

ATI VIDONI S.P.A., SCHIAVO S.P.A., VIDONI-SCHIAVO SOCIETA’ CONSORTILE

A R.L. IN LIQUIDAZIONE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 489/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 09/04/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 03/04/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO PIETRO

LAMORGESE.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

L’unico motivo di ricorso per cassazione, per violazione degli artt. 112 c.p.c. e segg., proposto da Mara Costruzioni srl avverso la determinazione dell’indennità di esproprio – da parte della Corte d’appello di Catanzaro, con sentenza in data 9 aprile 2015, nei confronti dell’ANAS spa – è inammissibile.

Esso si risolve in una impropria richiesta di revisione del giudizio di fatto con cui il giudice di merito ha determinato il valore di mercato del bene espropriato cui è per legge ancorata l’indennità di esproprio (Cass. n. 18435/2013); inoltre, la concreta quantificazione dell’indennità di esproprio è censurabile con apposito mezzo ex art. 360 c.p.c., n. 5 e nei limiti in cui esso è oggi esperibile (v. S.U. n. 8053/2014); la doglianza di omessa considerazione della relazione del consulente tecnico di parte – che, riverberandosi sulla motivazione, avrebbe dovuto essere formulata con apposito mezzo ex art. 360 c.p.c., n. 5 – è generica e viola il principio di specificità del ricorso per cassazione (art. 366 c.p.c., nn. 4 e 6), non consentendo a questa Corte di comprendere sia i contenuti della suddetta relazione per poterli confrontare con quelli della relazione del consulente d’ufficio sia la loro rilevanza rispetto all’esito della decisione.

La censura circa la qualificazione urbanistica dell’area, assunta come inedificabile (zona di rispetto autostradale) anzichè come edificabile, è inammissibile, essendo stata introdotta solo nella memoria illustrativa, mentre in ricorso la doglianza riguardava la mancata valorizzazione dell’area, in considerazione della sua ubicazione di fatto.

Nella stessa memoria la ricorrente ha lamentato la violazione dell’art. 380 bis c.p.c., comma 1, per avere la “relazione” omesso di addurre le motivazioni, in fatto e diritto, idonee a legittimare la trattazione del ricorso in camera di consiglio, con lesione del diritto di difesa.

E’ sufficiente replicare che il citato art. 380 bis, comma 1 (nel testo sostituito dal D.L. n. 167 del 2016, conv. in L. n. 197 del 2016), prevede, nei casi previsti dall’art. 375 c.p.c., comma 1, nn. 1 e 5, che “su proposta del relatore” “il presidente fissa con decreto l’adunanza della Corte indicando se è stata ravvisata un’ipotesi di inammissibilità, di manifesta infondatezza o di manifesta fondatezza del ricorso”. Nella specie, al decreto di fissazione dell’adunanza camerale, comunicato alle parti, è stata allegata la proposta del relatore nel senso dell’inammissibilità del motivo di ricorso, con l’indicazione della ragione specifica (“censura di merito”). Nessun’altra indicazione era dovuta alle parti e, pertanto, nessuna lesione del diritto di difesa è configurabile.

Il ricorso è inammissibile. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano in dispositivo.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile; condanna la ricorrente alle spese, liquidate in Euro 1500,00, oltre SPAD.

Doppio contributo a carico del ricorrente come per legge.

Così deciso in Roma, il 3 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 17 maggio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA