Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12379 del 24/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 24/06/2020, (ud. 09/01/2020, dep. 24/06/2020), n.12379

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – rel. Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. D’ARRIGO Cosimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1658-2019 proposto da:

B.R., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato RAFFAELE DONADINI;

– ricorrente –

contro

P.L., P.F., elettivamente domiciliati in ROMA

PIAZZA CAVOUR presso la CANCELLERIA della CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentati e difesi dall’avvocato MARIA GORGOGLIONE;

– controricorrenti –

contro

S.V.I.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 4030/2018 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 06/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 09/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CHIARA

GRAZIOSI.

La Corte.

Fatto

RILEVATO

che:

Con ricorso ex art. 702 bis c.p.c., P.F. e P.L. adivano il Tribunale di Busto Arsizio perchè nei loro confronti fosse revocato e dichiarato inefficace un fondo patrimoniale costituito il (OMISSIS) dai convenuti B.R. e S.V.I.. Questi ultimi si costituivano resistendo.

Il Tribunale, con ordinanza del 6 giugno 2016, accoglieva la domanda.

B.R. e S.V.I. proponevano appello, cui resisteva controparte, e che la Corte d’appello di Milano rigettava con sentenza n. 4030/2018.

B.R. ha presentato ricorso, da cui si sono difesi con controricorso P.F. e P.L..

Diritto

RITENUTO

che:

Il ricorso è articolato in due motivi: il primo denuncia violazione e falsa applicazione di legge ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per avere la corte territoriale erroneamente ritenuta la competenza territoriale, dichiarando tardiva l’eccezione di incompetenza; il secondo, con identica rubrica, lamenta l’assenza dell’eventus damni.

Il primo motivo, in effetti, non rispetta per nulla il dettato dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, in quanto non fornisce l’indicazione specifica degli atti su cui verrebbe a fondarsi la censura, nè sotto il profilo contenutistico nè per quanto concerne dove possano rinvenirsi nelle carte processuali. Già questo lo conduce alla inammissibilità.

Si nota altresì, pertanto ad abundantiam, che la prospettata exscusatio viene fondata su una asserita tardività della costituzione per un problema di notifica, ma ciò senza indicare se tale problema sia stato in precedenza posto, nonchè, nel caso in cui lo sia stato, dove e quando. Anche sotto questi profili là doglianza risulta affetta da inammissibilità.

L’inammissibilità colpisce pure il motivo seguente, in quanto questo, oltre a non indicare neppure quale norma sarebbe stata violata, a sua volta non rispetta e quindi non riveste il requisito di cui all’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6. A ciò si assomma, ictu ocull, che la sostanza del motivo è, ancora inammissibilmente, orientata su una questione fattuale.

In conclusione, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile, con conseguente condanna del ricorrente alla rifusione delle spese del grado liquidate come da dispositivo – ai controricorrenti; sussistono altresì D.P.R. n. 115 del 2012, ex art. 13, comma 1 quater, i presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del cit. art., comma 1 bis.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso, condannando il ricorrente a rifondere ai controricorrenti le spese processuali, liquidate in complessivi Euro 5600, oltre a Euro 200 per gli esborsi e al 15% per spese generali, nonchè agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 9 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 24 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA