Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12376 del 07/06/2011

Cassazione civile sez. I, 07/06/2011, (ud. 27/04/2011, dep. 07/06/2011), n.12376

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 8055/2010 proposto da:

B.R. ((OMISSIS)) quale erede di B.A.,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PAOLO EMILIO 71, presso lo

studio dell’avvocato MARCHETTI Alessandro, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato LIPPI ANDREA, giusta procura speciale

a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE ((OMISSIS)), PRESIDENZA

DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI;

– intimati –

avverso il decreto n. 52831/05 della CORTE D’APPELLO di ROMA del

20.3.06, depositato il 03/04/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

27/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO DIDONE.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. MAURIZIO

VELARDI che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

1.- B.R. ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi con il quali denuncia vizio di motivazione e violazione della L. n. 89 del 2001 – contro il decreto, emesso il 3 aprile 2009, con il quale la Corte d’appello di Roma ha rigettato la sua domanda di equa riparazione ai sensi della L. n. 89 del 2001, proposta quale erede di B.A. in relazione al dedotto irragionevole protrarsi di un processo pensionistico promosso dal suo dante causa dinanzi alla Corte dei Conti il 25.2.1998 e definito con accoglimento del 21.1.2005.

Lamenta che la Corte di merito abbia ritenuto che il successore non possa avvalersi dell’altrui diritto all’indennizzo ex lege Pinto.

Gli intimati – P.D.C.M. e Ministero dell’Economia – non hanno svolto difese.

1.1.- La presente sentenza è redatta con “motivazione semplificata” ai sensi del provvedimento del Primo Presidente in data 22 marzo 2 011.2.- Il ricorso proposto nei confronti del Ministero intimato è inammissibile perchè la domanda risulta proposta nel 2005, mentre solo con la L. n. 296 del 2006, art. 1, comma 1225, è stata modificata la legittimazione passiva in materia di equa riparazione per processi dinanzi al giudice amministrativo e a quello contabile (Ministero dell’Economia anzichè P.D.C.M.).

2.1- E’ fondato il ricorso nei confronti della P.D.C.M. perchè secondo la giurisprudenza costante di questa Corte (v., per tutte, Sez. 1, n. 2983/2008) in tema di equa riparazione prevista dalla L. 24 marzo 2001, n. 89, in caso di decesso di una parte, l’erede ha diritto a conseguire, “iure successionis”, l’indennizzo maturato dal “de cuius” per l’eccessiva protrazione di un processo che lo vide parte.

Il decreto impugnato, dunque, deve essere cassato e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la Corte può decidere nel merito la causa alla luce dei criteri enucleati dalla Corte EDU circa gli standard di durata dei processi, stabilita in tre anni per il primo grado di giudizio. Pertanto, essendosi il processo pensionistico presupposto protratto ulteriormente con un ritardo di circa tre anni e undici mesi rispetto alla durata ragionevole, deve essere liquidata, alla ricorrente, a titolo di danno non patrimoniale, la somma di Euro 3.163,00. Infatti, “in tema di equa riparazione per violazione del diritto alla ragionevole durata del processo, i criteri di liquidazione applicati dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo non possono essere ignorati dal giudice nazionale, il quale può tuttavia apportare le deroghe giustificate dalle circostanze concrete della singola vicenda, purchè motivate e non irragionevoli. Peraltro, ove non emergano elementi concreti in grado di far apprezzare la peculiare rilevanza del danno non patrimoniale, l’esigenza di garantire che la liquidazione sia satisfattiva di un danno e non indebitamente lucrativa comporta che la quantificazione del danno non patrimoniale dev’essere, di regola, non inferiore a Euro 750,00 per ogni anno di ritardo, in relazione ai primi tre anni eccedenti la durata ragionevole, e non inferiore a Euro 1000 per quelli successivi, in quanto l’irragionevole durata eccedente tale periodo da ultimo indicato comporta un evidente aggravamento del danno” (Sez. 1, Sentenza n. 21840 del 14/10/2009).

Le spese processuali – liquidate in dispositivo – seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte, accoglie il ricorso nei termini di cui in motivazione, cassa il decreto impugnato e, decidendo nel merito, condanna la Presidenza del Consiglio dei Ministri a corrispondere alla ricorrente, nella qualità in atti, la somma di Euro 3.163,00 a titolo di indennizzo, oltre gli interessi legali dalla domanda e le spese del giudizio che determina per il giudizio di merito nella somma di Euro 50,00 per esborsi, Euro 378,00 per diritti e Euro 445,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge e, per il giudizio di legittimità, in Euro 665,00 di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 27 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 7 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA