Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12321 del 23/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 23/06/2020, (ud. 23/01/2020, dep. 23/06/2020), n.12321

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

Dott. GIANNACARI Rossana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 22671-2018 R.G. proposto da:

S.V., S.I., S.C., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA VITTORIA COLONNA 32, presso lo studio

dell’avvocato VALENTINA NOVARA, rappresentati e difesi dall’avvocato

ALESSANDRO PALMIGIANO;

– ricorrenti –

contro

COMUNE DI ALTAVILLA MILICIA, in persona del Sindaco pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato ROSALBA BASILE;

– resistente –

contro

SA.CL.;

– intimato –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di

PALERMO, depositata il 27/06/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. ROSSANA

GIANNACCARI;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. LUCIO CAPASSO, che conclude

chiedendo accogliersi il proposto ricorso, dichiarando la competenza

del Tribunale di Palermo dinanzi al quale dovrà proseguire il

giudizio, con le consequenziali statuizioni.

Fatto

RILEVATO

che:

– il Tribunale di Palermo, con ordinanza del 27.6.2018 ha dichiarato la propria incompetenza per territorio in favore del Tribunale di Termini Inerese, nella causa promossa dal Comune di Altavilla nei confronti di S.C., I. e V. con la quale era stata chiesta la declaratoria di nullità dell’atto di donazione per notar Masala del 12.1.2009, con il quale era stata donata ai convenuti la proprietà indivisa di una costruzione abusiva;

hanno proposto regolamento di competenza S.C., I. e V. sulla base di un motivo, contenente tre distinte censure;

– il Comune di Altavilla Milicia ha depositato atto di costituzione non notificato ai ricorrenti;

– con ordinanza interlocutoria depositata il 29.3.2019, il collegio ha disposto l’integrazione del contraddittorio nei confronti di Sa.Cl. ed O.A.M., che è stato regolarmente effettuato;

Sa.Cl. ed O.A.M. sono rimasti intimati;

– Il Procuratore Generale, in persona del Dott. Lucio Capasso, ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

Diritto

RITENUTO

che:

con l’unico motivo di ricorso, si deduce, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 38 c.p.c. e art. 28 c.p.c., per avere il Tribunale rilevato d’ufficio l’incompetenza per territorio nonostante non si trattasse di un’ipotesi di competenza territoriale inderogabile; in via subordinata, si censura l’ordinanza impugnata perchè il Tribunale avrebbe tardivamente rilevato d’ufficio l’incompetenza territoriale dopo l’udienza di trattazione; nel merito, la statuizione di competenza sarebbe errata in quanto il contratto di donazione, di cui era stata chiesta in giudizio la declaratoria di nullità, sarebbe stato stipulato a Palermo;

– il ricorso è fondato;

– ai sensi dell’art. 38 c.p.c., comma 3, l’incompetenza per materia, quella per valore e quella per territorio, nei casi previsti dall’art. 28 c.p.c., sono rilevabili d’ufficio non oltre l’udienza di cui all’art. 183 c.p.c.; la rilevabilità d’ufficio dell’incompetenza territoriale è, pertanto limitata, alle ipotesi tassativamente previste dall’art. 28 c.p.c., ovvero nei casi di competenza per territorio inderogabile (controversie in cui in cui il Pubblico Ministero è interveniente necessario, processi di esecuzione forzata e relativi giudizi di opposizione, procedimenti cautelari cautelari e possessori e procedimenti in camera di consiglio);

tra i provvedimenti elencati nell’art. 28 c.p.c., non sono comprese le azioni contrattuali;

– nel caso di specie, si trattava di azione di nullità del contratto e, pertanto, l’incompetenza per territorio non poteva essere rilevata d’ufficio;

– restano assorbiti gli ulteriori profili di censura;

– l’ordinanza va, pertanto, cassata; va dichiarata la competenza del Tribunale di Palermo in diversa composizione, che provvederà anche in ordine alle spese del giudizio di legittimità;

– le spese vanno liquidate nel giudizio di merito.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa l’ordinanza impugnata, dichiara la competenza del Tribunale di Palermo innanzi al quale rimette le parti anche per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Seconda Sezione Civile, il 17 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA