Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12257 del 23/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 23/06/2020, (ud. 26/02/2020, dep. 23/06/2020), n.12257

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. FERRO Massimo – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18963-2018 proposto da:

SOCIETA’ COOPERATIVA MEDUSA IN LCA, in persona dei commissari

liquidatori, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato EUSTACCHIO ROBERTO SIVILLA;

– ricorrente –

contro

F.A.;

– intimato –

avverso il decreto n. R.G. 9091/2012 del TRIBUNALE di BARI,

depositato il 09/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 26/02/2020 dal Consigliere Relatore Dott. MAURO DI

MARZIO.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. – La Società Cooperativa Medusa in liquidazione coatta amministrativa ricorre per quattro mezzi, nei confronti di F.A., contro il decreto del 9 aprile 2018 con cui il Tribunale di Bari, in accoglimento dell’opposizione allo stato passivo spiegata dal F., ha ammesso quest’ultimo al passivo della liquidazione per il complessivo importo di Euro 42.537,10 in privilegio, oltre accessori e spese, a titolo di differenze retributive ed altri emolumenti dovuti in forza di un rapporto di lavoro subordinato intercorso tra le parti.

2. – F.A. non spiega difese.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

3. – Il primo motivo denuncia violazione della L. Fall., art. 99, comma 1, art. 99, comma 4, artt. 101,209, art. 2697 c.c., art. 115 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c. nn. 3 e 4.

Il secondo motivo denuncia violazione e falsa applicazione della L. Fall., artt. 24, 93, 99 e 209, artt. 409 e 413 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c. nn. 2 e 4; sotto altro aspetto omesso esame circa fatti decisivi prospettati dalle parti, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5.

Il terzo motivo denuncia violazione, sotto altro aspetto, della L. Fall., art. 99, comma 4, e art. 209, artt. 2697,2943,2945,2955 c.c., n. 2, e art. 2956 c.c., n. 1, artt. 101,115,304,305 e 307 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c. nn. 3 e 4; sotto altro aspetto omesso esame circa fatti decisivi prospettati dalle parti in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5.

Il quarto motivo denuncia violazione degli artt. 115,116 e 246 c.p.c., artt. 1372,2247,2249 e 2511,2730 c.c., e seguenti; errata e falsa applicazione della L. 142 del 2001; errata e falsa applicazione del contratto collettivo nazionale di lavoro delle aziende municipalizzate, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4; sotto altro aspetto omesso esame circa fatti decisivi prospettati dalle parti in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5.

RITENUTO CHE:

4. Va dichiarata l’estinzione del giudizio essendo intervenuta rituale rinuncia.

5. Nulla per le spese.

P.Q.M.

dichiara l’estinzione del giudizio.

Così deciso in Roma, il 26 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA