Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1225 del 21/01/2020

Cassazione civile sez. trib., 21/01/2020, (ud. 17/09/2019, dep. 21/01/2020), n.1225

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – Consigliere –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

Dott. GILOTTA Bruno – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 24921/2015, proposto da:

Agenzia delle Entrate, in persona del direttore pro tempore,

rappresentata dall’Avvocatura Generale dello Stato, con domicilio

legale in Roma, via dei Portoghesi, n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato;

– ricorrente –

contro

Azienda Trasporti Pubblici Milanesi s.p.a., in persona del legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa in giudizio dagli

avv. Lucia Montecamozzo e Francesco Mattarelli ed elettivamente

domiciliata presso lo studio Fantozzi & Associati in Roma, via

Sicilia, 66;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza n. 2817/2015 emessa inter partes il

24 giugno 2015 dalla Commissione Tributaria Regionale della

Lombardia, avente ad oggetto la sospensione parziale di rimborso

i.v.a. n. 2011/51278/GC disposta dalla Direzione Regionale Lombardia

– Grandi Contribuenti – dell’Agenzia delle Entrate di Milano.

Fatto

RILEVATO

CHE:

con la sentenza sopra detta la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia ha annullato l’atto di sospensione parziale del rimborso iva per l’importo di Euro 30.797.938,00, adottato dall’Agenzia delle Entrate a garanzia di ragioni di credito di pari importo per IRAP 2004 E 2005;

ha proposto ricorso per la cassazione di detta sentenza, affidato ad unico motivo, l’Agenzia delle Entrate;

la contribuente ha resistito con controricorso;

la stessa controricorrente ha successivamente domandato dichiararsi cessata la materia del contendere, documentando l’avvenuto rimborso del credito i.v.a., con compensazione delle spese.

Per la trattazione è stata fissata l’adunanza in camera di consiglio del 17 settembre 2019, ai sensi dell’art. 375 c.p.c., u.c., e art. 380 bis 1 c.p.c., il primo come modificato ed il secondo introdotto dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, conv. in L. n. 168 del 2016.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

l’intervenuto rimborso del credito iva – dimostrato dall’Avviso di riconoscimento di rimborso” proveniente dall’Agenzia delle entrate di Milano e dalla produzione della corrispondente contabile bancaria – implica la cessazione della materia del contendere.

P.Q.M.

Dichiara estinto il processo per sopravvenuta cessazione della materia del contendere e compensa interamente fra le parti le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, il 17 settembre 2019.

Depositato in cancelleria il 21 gennaio 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA