Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12229 del 10/05/2021

Cassazione civile sez. III, 10/05/2021, (ud. 25/11/2020, dep. 10/05/2021), n.12229

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRAZIOSI Chiara – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – rel. Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. GUIZZI Stefano Giaime – Consigliere –

Dott. GORGONI Marilena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 6670/2018 proposto da:

D.S.S., R.N., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA PIETRO DELLA VALLE 2, presso lo studio dell’avvocato

FRANCESCO SCHLLACI, rappresentati e difesi dagli avvocati GIUSEPPE

ZANGARA, GIUSEPPE NICOLOSI;

– ricorrenti –

contro

NUOVA IRA SRL IN LIQUIDAZIONE, IRA COSTRUZIONI SPA, IN

AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA, MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI

TRASPORTI – FERROVIA (OMISSIS), RADIS SRL;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1512/2017 della CORTE D’APPELLO di 2020

CATANIA, depositata in data 11/08/2017;

2199 udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio

del 25/11/2020 dal Consigliere Dott. ANTONIETTA SCRIMA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

D.S.S. e R.N. hanno proposto ricorso per cassazione, sulla base di tre motivi, avverso la sentenza della Corte di appello di Catania n. 1512/2017, pubblicata in data 1 agosto 2017, e nei confronti di Nuova IRA S.r.l. in liquidazione, IRA Costruzioni S.p.a. in amministrazione straordinaria, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Ferrovia (OMISSIS) e Radis S.r.l.;

gli intimati non hanno svolto attività difensiva in questa sede.

Diritto

CONSIDERATO

che:

la notifica del ricorso nei confronti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Ferrovia (OMISSIS), costituito in secondo grado, risulta essere stata eseguita presso l’Avvocatura Distrettuale di Catania anzichè presso l’Avvocatura Generale dello Stato;

tale notifica deve ritenersi, in base al consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità (Cass., sez. un., O.I., 15/01/2015, n. 608; Cass., O.I. 17/10/2014, n. 22079), nulla e, pertanto, sanabile, sicchè ne è ammissibile la rinnovazione presso l’Avvocatura Generale dello Stato, ponendosi una diversa soluzione in contrasto con il principio di ragionevole durata del processo;

non avendo i ricorrenti provveduto spontaneamente alla rinotifica del ricorso in parola, va disposta, ai sensi dell’art. 291 c.p.c., la rinnovazione della notifica del predetto atto nei confronti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Ferrovia (OMISSIS) presso l’Avvocatura Generale dello Stato entro il termine perentorio di giorni 60 dalla comunicazione della presente ordinanza;

considerato, altresì, che:

il ricorso proposto pone questioni di rilevanza nomofilattica e, quindi, è opportuna la trattazione della causa in pubblica udienza.

P.Q.M.

La Corte ordina la rinnovazione della notifica del ricorso nei confronti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Ferrovia (OMISSIS) presso l’Avvocatura Generale dello Stato, entro il termine perentorio di giorni 60 dalla comunicazione della presente ordinanza, e rinvia la causa a nuovo ruolo, disponendone la trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 25 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 10 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA