Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12188 del 22/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2020, (ud. 23/01/2020, dep. 22/06/2020), n.12188

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26619-2019 proposto da:

G.A., M.M., rappresentati e difesi dall’avv.to

Piera Giardina con studio in Civitanova Marche via F. Filzi n. 15;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE (OMISSIS);

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 2307/2015 della Corte Suprema di Cassazione Di

Roma, depositata il 06/02/2015;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

23/01/2020 dal Consigliere Casadonte Annamaria.

Fatto

RILEVATO

che:

– è chiesta la correzione dell’errore materiale del dispositivo dell’ordinanza n. 2307/2015, nella parte in cui condanna il Ministero della giustizia, in luogo del Ministero dell’economia e delle finanze, al pagamento delle spese del giudizio di primo grado.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il ricorso, proposto ai sensi degli artt. 287 e 391 bis c.p.c., va accolto perchè il Ministero della giustizia non era parte del giudizio, avente ad oggetto la domanda di equa riparazione in relazione ad un giudizio amministrativo, sicchè è evidente l’errore materiale contenuto nel dispositivo laddove, e peraltro solo in relazione alle spese di lite, il Collegio indica quale soggetto tenuto il Ministero di giustizia anzichè il Ministero dell’economia e delle finanze;

– va, quindi, disposta la correzione dell’ordinanza n. 2307/2015, nel senso che laddove nel dispositivo è scritto “Ministero della giustizia” deve intendersi “Ministero dell’economia e delle finanze”.

P.Q.M.

La Corte dispone la correzione dell’ordinanza n. 2307/2015 nel senso che laddove nel dispositivo è scritto “Ministero della giustizia” deve intendersi Ministero dell’economia e delle finanze”. Manda la Cancelleria per quanto di competenza.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta sezione civile – 2, il 23 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA