Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12183 del 22/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2020, (ud. 20/11/2019, dep. 22/06/2020), n.12183

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – rel. Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 15642-2019 proposto da:

C.R., C.M., elettivamente domiciliati in ROMA,

PIAZZA CAVOUR presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE,

rappresentati e difesi, il primo dall’avvocato DOMENICO SIMONE, il

secondo dagli avvocati ASSUNTA MASCOLINI, ANTONIO MANNETTA;

– ricorrenti –

contro

CO.RO., C.C.;

– intimate –

avverso l’ordinanza n. 10745/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 17/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/11/2019 dal Consigliere Relatore Dott.

GIANNACCARI ROSSANA.

Fatto

RITENUTO

che:

– il ricorso per la correzione dell’errore materiale dell’ordinanza N. 10745-2019 depositata il 17.4.2019, proposto congiuntamente dai controricorrenti C.R. e C.M., è fondato;

– il dispositivo dell’ordinanza ha disposto la condanna della ricorrente Co.Ro. alle spese del giudizio di legittimità, senza specificare che i controricorrenti fossero due e, specificamente, C.M. e C.R., i quali avevano depositato distinti controricorsi ed avevano diritto ad autonomo compenso, in applicazione del principio della soccombenza (Cassazione civile sez. I, 24/07/2012, n. 12962)

– non è stata disposta l’attribuzione al procuratore antistatario di C.R., Avv. Domenico Simone, che ne aveva fatto richiesta nel controricorso (le Sezioni Unite con sentenza N. 16037/2010 hanno ritenuto esperibile il rimedio della correzione di errore materiale, nel caso di omessa pronuncia sulla richiesta di distrazione delle spese da parte del difensore antistatario, legittimato a proporre in proprio l’istanza; conf. Cassazione civile sez. III, 13/04/2012, n. 589);

– va, pertanto, disposta la correzione del dispositivo dell’ordinanza N. 107452019, depositata il 17.4.2019 nel senso che va disposta la condanna della ricorrente Co.Ro. al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, come liquidate nella citata ordinanza in favore di ciascun controricorrente, con attribuzione al procuratore antistatario Avv. Domenico Simone;

– la presente ordinanza deve essere annotata sull’originale del provvedimento.

PQM

dispone la correzione dell’errore materiale del dispositivo dell’ordinanza N. 10745-2019, depositata il 17.4.2019 nel senso che dopo le parole “spese generali al 15%” va aggiunto ” in favore di ciascuno dei controricorrenti, con attribuzione all’Avv. Domenico Simone, procuratore antistatario di C.R.”.

Dispone che la presente ordinanza sia annotata sull’originale del provvedimento.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile – 2 della Corte Suprema di cassazione, il 20 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA