Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12176 del 22/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2020, (ud. 05/02/2020, dep. 22/06/2020), n.12176

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 33590-2018 proposto da:

C.S., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

APOLLODORO 26, presso lo studio dell’avvocato ANTONIO FILARDI,

rappresentato e difeso dall’avvocato ANTONELLA ZOTTI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI ANCONA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1569/2017 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 25/10/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/02/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

Fatto

RILEVATO

che:

C.S. ricorre per cassazione contro la sentenza della corte d’appello di Ancona, che ne ha respinto il gravame teso a ottenere la protezione internazionale;

il Ministero dell’Interno non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il ricorrente denunzia, in unico contesto, (a) la violazione dell’art. 132 c.p.c. e degli artt. 112 e 156 codice cit., e art. 111 Cost., per manifesta illogicità della motivazione della sentenza e comunque per motivazione apparente; (b) la violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, 10,13 e 27 e art. 16 della Direttiva Europea 1013-32; (c) la violazione degli artt. 6 e 13 della Cedu e art. 47 della Carta dei diritti fondamentali della UE; dopodichè si dilunga in una serie di considerazioni generali sulle regole che debbono presidiare la valutazione dei presupposti della protezione internazionale nelle varie forme; viceversa la corte d’appello ha motivato la decisione affermando che il richiedente aveva dedotto a fondamento della domanda di esser migrato semplicemente “a causa di una lite con lo zio a cagione della proprietà di una mucca”; sicchè ha stabilito che la migrazione era avvenuta per ragioni soltanto economiche, non tali da dar luogo ad alcuna forma di protezione;

da questo punto di vista la sentenza contiene una ben definita giustificazione della decisione assunta, e codesta non è idoneamente avversata;

non risultano specificate le circostanze – anche ed eventualmente diverse da quelle valorizzate dalla corte territoriale – che erano state allegate a sostegno della complessiva istanza di protezione nelle forme alternative di tipo umanitario.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 5 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA