Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12152 del 03/06/2011

Cassazione civile sez. lav., 03/06/2011, (ud. 23/02/2011, dep. 03/06/2011), n.12152

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – rel. Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 6330-2010 proposto da:

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE (OMISSIS),

Fondazione di diritto privato, in persona del Presidente e legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

BOCCA DI LEONE 78, presso lo studio dell’avvocato CINELLI MAURIZIO,

(STUDIO LEGALE BDL), che la rappresenta e difende, giusta procura a

margine di ricorso;

– ricorrente –

contro

L.C.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, LUNGOTEVERE MELLINI 24, presso lo studio dell’avvocato GIACOBBE

GIOVANNI, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

CARROZZA PIETRO, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 876/2008 della CORTE D’APPELLO di MESSINA del

18/12/08, depositata il 16/02/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

23/02/2011 dal Consigliere Relatore Dott. MAURA LA TERZA; udito

l’Avvocato Giacobbe Giovanni, difensore del controricorrente che

insiste per il rigetto e l’inammissibilità del ricorso e deposita

cartolina A/R;

è presente il P.G. in persona del Dott. CARLO DESTRO che nulla

osserva.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con la sentenza impugnata la Corte d’appello di Messina ha dichiarato il diritto dell’avv. L.C.A. a percepire la pensione di vecchiaia a carico della Cassa Nazionale di Previdenza ed ASSISTENZA Forense con decorrenza dal primo luglio 1998.

Avverso detta sentenza ricorre la Cassa soccombente, mentre la parte privata resiste con a controricorso.

Letta la relazione resa ex art. 380 bis cod. proc. civ. di inammissibilità del ricorso per acquiescenza; Ritenuto che vi è un preliminare motivo di inammissibilità del ricorso che attiene alla procura; questa infatti venne rilasciata a margine del ricorso, ma reca la delega al procuratore di ricorrere avverso la sentenza della Corte d’appello di Ancona sez. lavoro n. 304 pronunciata il 5 giugno 2009, mentre l’attuale ricorso è stato proposto avverso la sentenza della Corte d’appello di Messina emessa il 18.12.2008 e depositata il 16.2.2009;

Ritenuto che pertanto il ricorso risulta privo di valida procura e che quindi va dichiarato inammissibile.

Le spese del giudizio, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrete al pagamento delle spese liquidate in Euro trenta per esborsi oltre duemila Euro per onorari, oltre spese generali, Iva e CAP. Così deciso in Roma, il 23 febbraio 2011.

Depositato in Cancelleria il 3 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA