Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12122 del 13/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 13/06/2016, (ud. 14/04/2016, dep. 13/06/2016), n.12122

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 537-2015 proposto da:

CENTRO ENERGIA RINNOVABILE SRL, in persona del Presidente, legale

rappresentante, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA L. CARO 62,

presso lo studio dell’avvocato SIMONE CICCOTTI, che la rappresenta

e difende, giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

ANCARO IMMOBILIARE COSTRUZIONI INDUSTRIALE DI C.P. & C

SNC, nella persona del suo Amministratore e legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA ACILIA 4, presso

lo studio dell’avvocato FABIO RAMPIONI, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato MASSIMILIANO DI GIROLAMO, giusta

procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2718/2014 della CORTE D’APPELLO di ROMA del

24/04/2014, depositata il 21/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

14/04/2016 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO MARIA CIRILLO;

udito l’Avvocato SIMONE CICCOTTI, difensore del ricorrente, che si

riporta ai motivi e chiede l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato FABIO LAMPIONI, difensore del controricorrente,

che si riporta agli scritti ed insiste nel rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

E stata depositata la seguente relazione.

“1. La Ancaro Immobiliare s.n.c. intimò sfratto per morosità alla Centro energia rinnovabile s.r.l. in relazione ad un immobile adibito ad uso non abitativo e la convenne in giudizio davanti al Tribunale di Viterbo per ottenere la risoluzione del contratto per inadempimento della conduttrice, l’immediato rilascio dell’immobile e la condanna al pagamento dei canoni dovuti e non versati.

Si costituì in giudizio la Centro energia rinnovabile s.r.1., eccependo che sulle somme da essa dovute a titolo di canoni di locazione sussisteva un vincolo di non esigibilità conseguente alla notifica, avvenuta nei suoi confronti, di un atto di pignoramento presso terzi proveniente da una terza società, creditrice della locatrice Ancaro. Il Tribunale, disposto il mutamento del rito, accolse la domanda, dichiarò risolto il contratto per inadempimento della società conduttrice e la condannò al pagamento della somma di Euro 9.670,14 a titolo di canoni insoluti, più gli oneri accessori e con il carico delle spese di giudizio.

2. La sentenza è stata appellata dalla Centro energia rinnovabile s.r.l. e la Corte d’appello di Roma, con sentenza del 21 maggio 2014, ha rigettato l’appello, condannando la società appellante al pagamento delle ulteriori spese del grado.

3. Contro la sentenza d’appello ricorre la Centro energia rinnovabile s.r.l. con atto affidato ad un motivo.

Resiste la Ancaro Immobiliare s.n.c. con controricorso.

4. Osserva il relatore che il ricorso può essere trattato in camera di consiglio, in applicazione degli artt. 375, 376 e 380-bis c.p.c., in quanto appare destinato ad essere rigettato.

5. Occorre innanzitutto osservare che è priva di fondamento l’eccezione preliminare, contenuta nel controricorso, secondo cui il ricorso sarebbe inammissibile in quanto notificato ad uno solo dei due difensori della società Ancaro e non ad entrambi. Il ricorso risulta notificato all’avv. Fabio Rampioni nel domicilio eletto, ed è evidente che ciò è sufficiente ai fini della valida instaurazione del contraddittorio, non essendo necessaria la notifica del ricorso anche all’altro difensore avv. Di Girolamo.

6. Con l’unico motivo di ricorso si lamenta, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3), violazione e falsa applicazione dell’art. 1453 c.c. e degli artt. 543 e 546 c.p.c., rilevando che la Corte d’appello avrebbe errato nel pronunciare la risoluzione del contratto, perchè nel momento in cui la morosità è stata fatta valere, la società conduttrice non poteva essere più ritenuta responsabile dell’inadempimento, atteso il vincolo di destinazione determinato dall’atto di pignoramento presso terzi ad essa notificato.

6.1. Il motivo non è fondato.

La Corte d’appello, con accertamento di merito non sindacabile in questa sede e neppure realmente contestato, ha rilevato che l’atto di pignoramento era stato notificato alla società oggi ricorrente in data 3 luglio 2012, mentre le somme dovute dalla medesima si riferivano tutte ad un periodo antecedente il pignoramento, poichè la società Ancaro aveva chiesto in giudizio il pagamento dei canoni scaduti fino al giugno 2012. Da tanto conseguiva che, nel momento in cui era sorto il vincolo di indisponibilità delle somme dovute a titolo di canone, “era già maturata una considerevole morosità e, dunque, sussisteva già l’inadempimento della conduttrice, legittimante la risoluzione contrattuale”.

A fronte di siffatta motivazione, le argomentazioni della società ricorrente si risolvono nella ripetizione di argomenti che sono stati affrontati e superati dalla sentenza impugnata; d’altra parte, è palese che il vincolo di indisponibilità che insorge in base all’art. 546 cod. proc. civ. è un qualcosa che rimane estraneo alla vicenda odierna, nella quale la società locatrice ha fatto valere una morosità che già prima della notifica del pignoramento era così grave da giustificare la risoluzione del contratto per morosità. Nè la società ricorrente pare avere in alcun modo offerto il pagamento in data antecedente o anche successiva al pignoramento stesso.

7. Si ritiene, pertanto, che il ricorso vada trattato in camera di consiglio per essere rigettato”.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Entrambe le parti hanno depositato memorie a tale relazione, insistendo per l’accoglimento delle rispettive conclusioni.

A seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella camera di consiglio, ritiene il Collegio di condividere i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione medesima e di doverne fare proprie le conclusioni, con le seguenti precisazioni.

La notificazione al conduttore di un atto di pignoramento presso terzi, mentre produce gli effetti di cui all’art. 546 c.p.c., certamente non lo libera dall’obbligo di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni versando il canone dovuto o, almeno, mettendo le relative somme a disposizione del creditore pignorante.

Mentre non risulta in alcun modo che l’odierna ricorrente si sia attenuta a tale doveroso comportamento, il ricorso si presenta anche lacunoso, non specificando neppure di quale entità fosse il credito in discussione.

2. Il ricorso, pertanto, è rigettato.

A tale esito segue la condanna della società ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate ai sensi del D.M. 10 marzo 2014, n. 55.

Sussistono inoltre le condizioni di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, per il versamento, da parte della società ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

PQM

a Corte rigetta il ricorso e condanna la società ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in complessivi Euro 3.000, di cui Euro 200 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della società ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3, il 14 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 13 giugno 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA