Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12119 del 18/05/2010

Cassazione civile sez. III, 18/05/2010, (ud. 15/03/2010, dep. 18/05/2010), n.12119

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – rel. Consigliere –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. FEDERICO Giovanni – Consigliere –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

I.A. DITTA (OMISSIS), elettivamente domiciliata

in ROMA, VIA COLA DI RIENZO 149, presso lo studio dell’avvocato

SPERDUTI PAOLO, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

GIAMMARCO MATILDE giusta delega rn calce al ricorso;

– ricorrente –

e contro

D.C.R., D.C.L.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1129/2005 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

emessa il 22/06/2005, depositata il 14/12/2005 R.G.N. 1082/03;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

15/03/2010 dal Consigliere Dott. PETTI Giovanni Battista;

udito l’Avvocato SPERDUTI PAOLO;

udito il P.M. in persona dell’Avvocato Generale Dott. FEDELI Massimo

che ha concluso con integrazione del contraddittorio; il rigetto del

ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. Con citazione del 5 novembre 1992 R. e D.C. L., nella veste di proprietari di un fondo agricolo convenivano dinanzi al Tribunale di Chieti la ditta I.A. e ne chiedevano la condanna al risarcimento dei danni per la essiccazione di un frutteto, determinati dallo scavo fognario per conto del Comune di Ortona. La domanda era proposta anche nei confronti del Comune.

Resisteva la ditta, restava contumace il Comune. La ditta appaltatrice chiamava in garanzia la assicuratrice Unipol, che si costituiva e deduceva la non operativita’ della polizza. Era esperito tentativo di conciliazione obbligatoria, e quindi disposta ed espletata CTU. 2. Il tribunale di Chieti con sentenza del 28 giugno 2002 condannava la sola ditta a risarcire i danni, e regolava le spese di lite secondo la soccombenza, come in dispositivo.

3. Contro la decisione proponeva appello principale la ditta e incidentale i danneggiati.

4. La Corte di appello di Aquila con sentenza 14 dicembre 2005 rigettava gli appelli e compensava tra le parti le spese di lite.

5. Contro la decisione ricorre la ditta I. deducendo unico motivo di ricorso.

Non resistono le controparti.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

6. Il ricorso non merita accoglimento.

Nel motivo unico si deduce “carenza di motivazione e violazione degli artt. 115 e 116 c.p.c. nella parte in cui impongono di decidere secondo le prove dedotte e allegate”.

Si deduce che il giudice dello appello non avrebbe esaminato la deduzione, come motivo di appello, della sopravvenuta carenza di interesse in capo ai danneggiati avendo il Comune corrisposto il risarcimento dei danni. Tanto dovrebbe desumersi da documenti che si assumono prodotti in giudizio, quali una delibera del 1995 ed un verbale di amichevole convenzione del settembre 1994.

7. In senso contrario si osserva che tale motivo presenta un profilo di inammissibilita’ per difetto di autosufficienza, non avendo riprodotto i documenti in questione, ed impedendo quindi a questa Corte di valutarne il contenuto in ordine alla difettosa motivazione.

Non senza rilevare che esiste chiara motivazione della Corte sul punto, che esclude la tesi del difetto di interesse, posto che i danni sono richiesti non per il fatto dannoso del Comune ma per il fatto della ditta appaltatrice, come accertato anche sulla base delle conclusioni del Consulente tecnico di ufficio.

Nulla per le spese, non avendo svolto difese le controparti.

PQM

RIGETTA il ricorso, nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 15 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 18 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA