Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12116 del 18/05/2010

Cassazione civile sez. III, 18/05/2010, (ud. 08/03/2010, dep. 18/05/2010), n.12116

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VARRONE Michele – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. TALEVI Alberto – rel. Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

Dott. AMBROSIO Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

E.M. (OMISSIS) nella sua qualita’ di

procuratore generalo delle Sigg.Re S.A. e S.

C., considerato domiciliato “ex lege” in ROMA, presso LA

CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato DI MAIO PASQUALE con studio in 80145 NAPOLI, VIA EMILIO

SCAGLIONE 68, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

P.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA MONTE ZEBIO 19, presso lo studio dell’avvocato DE

PORCELLINIS CARLO, rappresentato e difeso dall’avvocato INFANTE

MAURIZIO giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

S.P., S.M.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 3140/2004 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

SEZIONE SECONDA CIVILE, emessa il 5/11/2004, depositata il

29/12/2004, R.G.N. 571/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

08/03/2010 dal Consigliere Dott. TALEVI Alberto;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PRATIS Pierfelice che ha concluso per l’inammissibilita’.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

E.M. quale procuratore generale di S.A. e S.C. le quali agiscono in proprio e quali eredi del padre S.V. proponeva ricorso per Cassazione nei confronti di P.L. contro la sentenza della Corte di Appello di Napoli 5.11 – 29.12.2004.

P.L. resisteva con controricorso.

E.M., nella qualita’ suddetta depositava rinuncia al ricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La rinuncia al ricorso risulta firmata dal difensore della parte ricorrente avv. Pasquale Di Maio e “…per adesione…” dal difensore della parte controricorrente avv. Maurizio Infante.

Non risultando dalle procure in atti che detti difensori siano muniti del “…mandato speciale…” previsto dall’art. 390 c.p.c., comma 2, non e’ possibile dichiarare l’estinzione del giudizio di cassazione ex art. 391 c.p.c..

Deve pero’ ritenersi provato sulla base di detto documento che sia venuto meno l’interesse all’impugnazione. Di conseguenza va dichiarata l’inammissibilita’ del ricorso per Cassazione.

Data la posizione processuale attuale delle parti (tra l’altro entrambe nel documento suddetto hanno chiesto la compensazione delle spese), sussistono giusti motivi per compensare interamente le spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara inammissibile il ricorso; compensa le spese del giudizio di cassazione.

Cosi’ deciso in Roma, il 8 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 18 maggio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA