Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12056 del 17/05/2010

Cassazione civile sez. trib., 17/05/2010, (ud. 15/04/2010, dep. 17/05/2010), n.12056

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – rel. Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 13566/2009 proposto da:

CONSORZIO DI BONIFICA PADULE DI FUCECCHIO, in persona del Presidente

pro tempore e legale rappresentante, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 22, presso lo studio dell’avvocato

BALDASSARI Carlo, che lo rappresenta e difende, giusta procura a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

SOCIETA’ TRE G DI FLAMMA GENNARO E C. SAS;

– intimata –

avverso la sentenza n. 142/2007 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di FIRENZE del 17/04/07, depositata il 15/04/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

15/04/2010 dal Presidente Relatore Dott. FERNANDO LUPI;

udito l’Avvocato Baldassarri Carlo, difensore del ricorrente che si

riporta agli scritti;

è presente il P.G. in persona del Dott. EDUARDO VITTORIO

SCARDACCIONE che ha concluso per il rinnovo notifica.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, ritenuto che è stata depositata in cancelleria la seguente relazione a sensi dell’art. 380 bis c.p.c.: “La CTR della Toscana ha accolto l’appello di TRE G s.a.s. di Fiamma Gennaro & C. nei confronti del Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio con sentenza depositata il 15 aprile 2008. Il Consorzio ha tentato di notificare ricorso per cassazione all’avv. Alice Pucci a via Ponte Vecchio, n. 2 indirizzo che risultava da un timbro e nella intestazione della sentenza della CTR, mentre nella procura apposta a margine dell’atto di appello risultava l’elezione di domicilio a Montecatini Terme, Corso Matteotti, n. 16.

Con istanza del 12 giugno, premesso di avere esperito ricerche presso l’Ordine degli Avvocati e che non risultava trasferimento dell’avvocato, il Consorzio chiedeva la fissazione di un termine perentorio per la rinotifica del ricorso allegando anche che la comunicazione del deposito era avvenuta dopo nove mesi dallo stesso.

L’istanza non può essere accolta. Premesso che la data di comunicazione del deposito non rileva (Cass. n. 8995/2000), i principi fissati dalla recente giurisprudenza delle SS.UU., da ultimo con sentenza n. 17352/09, postulano per l’autonoma ripresa del procedimento notificatorio o per la fissazione di nuovo termine che il procedimento stesso non sia andato a buon fine per cause non imputabili al richiedente. Nella specie, invece, la notificazione andava fatta in primo luogo al domicilio indicato nell’atto di elezione dello stesso e l’esito negativo del procedimento notificatorio dipende da colpa del notificante, non essendo sufficiente ad escluderla la circostanza della erronea indicazione nella intestazione della sentenza o in un timbro apposto sulla medesima, anche perchè la tardività del tentativo di notifica ha impedito di avvedersi in tempo dell’errore e provvedere alla rinotifica al domicilio eletto.

Tanto premesso la causa può essere decisa con la declaratoria di inammissibilità del ricorso”.

Rilevato che la relazione è stata comunicata al Pubblico Ministero e notificata alla parte costituita che ha depositato memoria;

considerato che il Collegio, a seguito della discussione in Camera di consiglio, condividendo i motivi in fatto e in diritto della relazione, ritiene che ricorra l’ipotesi prevista all’art. 375 c.p.c., n. 1, della inammissibilità del ricorso; i rilievi contenuti nella memoria, secondo i quali in ben due punti del ricorso in appello e nella sentenza è indicato un domicilio diverso della domiciliataria, non rilevano in quanto quello che rileva è il domicilio indicato nella elezione di domicilio.

Non deve provvedersi in ordine alle spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 15 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 17 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA