Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12054 del 22/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2020, (ud. 10/01/2020, dep. 22/06/2020), n.12054

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFFERRI Andrea – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17155-2019 proposto da:

K.S., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso

la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato ANDREA

MAESTRI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI BOLOGNA SEZIONE DI FORLI’ CESENA;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BOLOGNA, depositato il

23/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa Vella

Paola.

Fatto

RILEVATO

che:

1. Il Tribunale di Bologna ha rigettato il ricorso proposto dal cittadino pakistano K.S. contro il provvedimento di diniego della protezione internazionale, sussidiaria o umanitaria;

2. avverso il decreto il ricorrente ha proposto un motivo di ricorso per cassazione, mentre il Ministero intimato non ha svolto difese;

3. a seguito di deposito della proposta ex art. 380 bis c.p.c. è stata ritualmente fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

4. Il ricorrente lamenta la “violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 3, 8, 14 – D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8 – D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6, art. 19 – artt. 2,10 Cost. – artt. 13,14 Dichiarazione Universale dei diritti Umani”, contestando: la mancata considerazione del “rischio per il ricorrente di patire persecuzioni s causa delle sue convinzioni personali”, avendo “lasciato il Pakistan a causa delle attività illecite e violente che era costretto a svolgere pur di ottenere la collaborazione del partito MQM”; l’erronea valutazione di non credibilità del proprio racconto (“benchè sia effettivamente presente una discrepanza fra le due dichiarazioni”; l’esclusione da parte del tribunale del proprio dovere di cooperazione istruttoria; la mancata considerazione dei report che, “sebbene mostrino miglioramenti, non si esprimono nel senso di una totale rimozione degli episodi di violenza” in Karachi, “la parte del Sindh più soggetta a violenza settaria, etnica e politica”; il valore aggiunto del fatto di aver stipulato a febbraio 2019 “un contratto di lavoro a tempo indeterminato”.

5. Premesso che il tribunale ha effettuato l’audizione personale del ricorrente, ha valutato tutte le circostanze da egli allegate e ha acquisito plurime fonti attendibili e aggiornate per scrutinare le “COI” (Country of origin information), l’articolata censura cumulativa risulta inammissibile poichè, sebbene formulata come violazione di legge, a ben vedere non deduce un’erronea ricognizione della fattispecie astratta recata da una norma di legge, bensì un’erronea ricognizione della fattispecie concreta a mezzo delle risultanze di causa, inerente alla tipica valutazione del giudice di merito, che è sottratta al sindacato di legittimità, se non sotto il profilo motivazionale, qui non allegato (Cass. 24155/2017, 22707/2017, 6587/2017, 2016), ponendosi quindi al di fuori dei limiti propri del mezzo di impugnazione utilizzato e di fatto traducendosi in una richiesta di rivisitazione del merito, inammissibile in questa sede (Cass. 7192/2020, 6939/2020, 27072/2019, 29404/2017, 9547/2017, 16056/2016); di recente anche le Sezioni Unite di questa Corte hanno ribadito come sia “inammissibile il ricorso per cassazione che, sotto l’apparente deduzione del vizio di violazione o falsa applicazione di legge, di mancanza assoluta di motivazione e di omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio miri, in realtà, ad una rivalutazione dei fatti storici operata dal giudice di merito” (Cass. Sez. U, 34476/2019).

6. Nulla sulle spese. Sussistono invece i presupposti processuali per il cd. raddoppio del contributo unificato ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater (Cass. Sez. U, 23535/2019).

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello per il ricorso, ove dovuto, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 10 gennaio 2020.

Depositato in cancelleria il 22 giugno 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA