Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12054 del 22/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2020, (ud. 10/01/2020, dep. 22/06/2020), n.12054

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFFERRI Andrea – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17155-2019 proposto da:

K.S., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso

la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato ANDREA

MAESTRI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI BOLOGNA SEZIONE DI FORLI’ CESENA;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BOLOGNA, depositato il

23/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa Vella

Paola.

Fatto

RILEVATO

che:

1. Il Tribunale di Bologna ha rigettato il ricorso proposto dal cittadino pakistano K.S. contro il provvedimento di diniego della protezione internazionale, sussidiaria o umanitaria;

2. avverso il decreto il ricorrente ha proposto un motivo di ricorso per cassazione, mentre il Ministero intimato non ha svolto difese;

3. a seguito di deposito della proposta ex art. 380 bis c.p.c. è stata ritualmente fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

4. Il ricorrente lamenta la “violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 3, 8, 14 – D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8 – D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6, art. 19 – artt. 2,10 Cost. – artt. 13,14 Dichiarazione Universale dei diritti Umani”, contestando: la mancata considerazione del “rischio per il ricorrente di patire persecuzioni s causa delle sue convinzioni personali”, avendo “lasciato il Pakistan a causa delle attività illecite e violente che era costretto a svolgere pur di ottenere la collaborazione del partito MQM”; l’erronea valutazione di non credibilità del proprio racconto (“benchè sia effettivamente presente una discrepanza fra le due dichiarazioni”; l’esclusione da parte del tribunale del proprio dovere di cooperazione istruttoria; la mancata considerazione dei report che, “sebbene mostrino miglioramenti, non si esprimono nel senso di una totale rimozione degli episodi di violenza” in Karachi, “la parte del Sindh più soggetta a violenza settaria, etnica e politica”; il valore aggiunto del fatto di aver stipulato a febbraio 2019 “un contratto di lavoro a tempo indeterminato”.

5. Premesso che il tribunale ha effettuato l’audizione personale del ricorrente, ha valutato tutte le circostanze da egli allegate e ha acquisito plurime fonti attendibili e aggiornate per scrutinare le “COI” (Country of origin information), l’articolata censura cumulativa risulta inammissibile poichè, sebbene formulata come violazione di legge, a ben vedere non deduce un’erronea ricognizione della fattispecie astratta recata da una norma di legge, bensì un’erronea ricognizione della fattispecie concreta a mezzo delle risultanze di causa, inerente alla tipica valutazione del giudice di merito, che è sottratta al sindacato di legittimità, se non sotto il profilo motivazionale, qui non allegato (Cass. 24155/2017, 22707/2017, 6587/2017, 2016), ponendosi quindi al di fuori dei limiti propri del mezzo di impugnazione utilizzato e di fatto traducendosi in una richiesta di rivisitazione del merito, inammissibile in questa sede (Cass. 7192/2020, 6939/2020, 27072/2019, 29404/2017, 9547/2017, 16056/2016); di recente anche le Sezioni Unite di questa Corte hanno ribadito come sia “inammissibile il ricorso per cassazione che, sotto l’apparente deduzione del vizio di violazione o falsa applicazione di legge, di mancanza assoluta di motivazione e di omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio miri, in realtà, ad una rivalutazione dei fatti storici operata dal giudice di merito” (Cass. Sez. U, 34476/2019).

6. Nulla sulle spese. Sussistono invece i presupposti processuali per il cd. raddoppio del contributo unificato ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater (Cass. Sez. U, 23535/2019).

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello per il ricorso, ove dovuto, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 10 gennaio 2020.

Depositato in cancelleria il 22 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA