Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11997 del 10/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. II, 10/06/2016, (ud. 31/03/2016, dep. 10/06/2016), n.11997

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 29919/2011 proposto da:

G.G., (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DEI SS. PIETRO E PAOLO 7, presso lo studio dell’avvocato

ANGELO TUZZA, rappresentato e difeso dall’avvocato ANTONINO

DALMAZIO;

– ricorrente –

contro

C.C.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 397/2011 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

depositata il 25/07/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

31/03/2016 dal Consigliere Dott. EMILIO MIGLIUCCI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE Ignazio, che ha concluso per l’inammissibilità per

sopravvenuta carenza di interesse.

Fatto

FATTO E DIRITTO

G.G. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza n. 397/11 della Corte di appello di Messina nei confronti di C.C.. L’intimato non ha svolto attività difensiva. Con atto del 1-3-2016 il difensore del ricorrente, avv. Antonino Dalmazio, ha chiesto che venisse dichiarata la sopravvenuta inammissibilità del ricorso per mancanza di interesse del ricorrente, essendo venuta a cessare la materia del contendere in virtù dell’ atto di transazione prodotto in atti.

Va dichiarata la sopravvenuta inammissibilità del ricorso per sopravvenuta mancanza dell’interesse ad agire del ricorrente in considerazione di quanto dichiarato e prodotto dal suo difensore, il quale ha depositato atto di transazione del 17-2-2016 intercorso fra gli altri tra Ga.So., quale procuratore speciale di G.G. e gli eredi del l’intimato. Non va adottata alcuna statuizione sulle spese della presente fase, non avendo l’intimato svolto attività difensiva.

PQM

Dichiara il ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 31 marzo 2016.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA