Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1195 del 18/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 18/01/2017, (ud. 15/12/2016, dep.18/01/2017),  n. 1195

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20981/2015 proposto da:

C.L., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ZARA 13,

presso lo studio dell’avvocato GIULIO GUARNACCI, rappresentata e

difesa dall’avvocato SERGIO ROCCHI;

– ricorrente –

contro

CA.AN., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GIUSEPPE

ARIMONDI 5/E, presso lo studio dell’avvocato FABIO MARIANTONI,

rappresentato e difeso dall’avvocato ROBERTO ALLEVI;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza della CORTE D’APPELLO di ANCONA, depositata il

08/01/2015.

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

15/12/2016 dal Consigliere Dott. ALBERTO GIUSTI;

udito l’Avvocato FABIO MARIANTONI, per delega.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che il consigliere designato ha depositato, in data 25 luglio 2016, la seguente relazione ex art. 380-bis c.p.c.:

“Il Tribunale di Ascoli Piceno, con sentenza in data 9 agosto 2012, ha rigettato la domanda proposta da C.L. nei confronti di Ca.An. rivolta all’annullamento, per captazione e comunque per incapacità di intendere e di volere, del testamento olografo redatto in data (OMISSIS) da Ca.Lu., deceduto il (OMISSIS).

La Corte d’appello di Ancona, con ordinanza in data 8 gennaio 2015, ha dichiarato inammissibile ex art. 348-bis c.p.c., l’appello interposto da C.L., avendo rilevato che i motivi di gravame non appaiono avere una ragionevole probabilità di accoglimento e che, per contro, risulta condivisibile la ricostruzione fattuale e giuridica operata da parte del giudice di primo grado.

Avverso l’ordinanza ex art. 348-bis della Corte d’appello la C. ha proposto ricorso, con atto notificato il 27 luglio 2015, sulla base di tre motivi, con cui denuncia violazione dell’art. 348-bis c.p.c. (ragionevole probabilità dell’accoglimento), omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione su un punto decisivo della controversia nonchè omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti e violazione ed errata applicazione di norme di diritto.

Il Ca. ha resistito con controricorso.

Il ricorso appare inammissibile, giacchè il soccombente che si è visto dichiarare inammissibile l’appello con l’ordinanza ex artt. 348-bis e 348-ter c.p.c., può proporre ricorso per cassazione soltanto avverso la sentenza di primo grado (ai sensi dell’art. 348-ter c.p.c., comma 3), non rientrando peraltro l’impugnazione proposta tra i casi in cui può configurarsi un’autonoma impugnabilità in cassazione dell’ordinanza di inammissibilità dell’appello (Sez. Un., 2 febbraio 2016, n. 1914).”

Letta la memoria di parte ricorrente.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che il Collegio condivide la proposta di definizione contenuta nella relazione ex art. 380-bis c.p.c.;

che i rilievi critici contenuti nella memoria illustrativa non colgono nel segno;

che, infatti, l’ordinanza ex art. 348-ter c.p.c., non è stata impugnata per vizi suoi propri costituenti violazioni della legge processuale, ma per l’erroneità del complessivo giudizio prognostico, per vizio di motivazione e per omessa esame circa un fatto decisivo per il giudizio;

che il ricorso deve essere dichiarato inammissibile;

che le spese, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza;

che poichè il ricorso è stato proposto successivamente al 30 gennaio 2013 ed è dichiarato inammissibile, sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilità 2013), che ha aggiunto il T.U. di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater – della sussistenza dell’obbligo di versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile e condanna la ricorrente al rimborso delle spese processuali sostenute dal controricorrente, che liquida in complessivi Euro 2.700, di cui Euro 2.500 per compensi, oltre a spese generali e ad accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 2, il 15 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 18 gennaio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA