Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11942 del 10/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 10/06/2016, (ud. 30/03/2016, dep. 10/06/2016), n.11942

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. IANNELLO Giuseppe – Consigliere –

Dott. SABATO Raffaele – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 21457/2009 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

SAIMA SPA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA TEODORO MONTICELLI 12, presso

lo STUDIO PANNONE-PILEGGI-MATERA, rappresentato e difeso

dall’avvocato OTTAVIO PANNONE giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 112/2008 della COMM.TRIB.REG. di NAPOLI,

depositata il 30/06/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

30/03/2016 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE LOCATELLI;

udito per il ricorrente l’Avvocato CAPOLUPO che si riporta agli atti;

udito per il controricorrente l’Avvocato PANNONE che insiste;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

A seguito di processo verbale di constatazione del 27.5.2005, l’Agenzia delle Entrate emetteva nei confronti di Saima spa, esercente l’attività di vendita all’ingrosso di prodotti per pasticceria e gelateria, un avviso di accertamento con il quale effettuava le seguenti riprese a tassazione:1) importo di Euro 125.481 del conto “debiti verso altri soggetti” considerato passività inesistente poichè costituito da pagamenti per debiti non documentati ed a favore di soggetti non individuati; 2)importo di Euro 86.500 costituito da due prelevamenti bancari effettuati su conti della società con saldo a debito, contestualmente riversati sul conto cassa della società che invece presentava un saldo attivo di Euro 367.000 e di Euro 379.363: l’Ufficio considerava inverosimile, perchè antieconomico, che tali prelievi fossero stati destinati dalla società a sè stessa e li qualificava ricavi non contabilizzati in forza della presunzione stabilita dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 32, comma 1; 3) Euro 12.080 di costi indeducibili per indimostrata inerenza, non essendo identificati i beneficiari quanto a spese di ristorazione, doni pasquali e natalizi, indumenti, e non essendo indicato il nome della società e l’automezzo quanto alle spese di carburante; considerate le irregolarità riscontrate nella contabilità, l’Ufficio procedeva alla ricostruzione dei ricavi applicando un ricarico medio del 23,86 %, accertando i maggiori ricavi e il maggior reddito conseguente.

La società proponeva ricorso alla Commissione tributaria provinciale di Caserta che lo accoglieva parzialmente con sentenza del 20.11.2006.

L’Agenzia delle Entrate proponeva appello principale e la società si costituiva proponendo appello incidentale.

La Commissione tributaria regionale di Napoli con sentenza del 30.6.2008 rigettava l’appello principale dell’Ufficio ed accoglieva l’appello incidentale della società.

Contro la sentenza di appello l’Agenzia delle Entrate ricorre per i seguenti motivi: 1) violazione dell’art. 2687 c.c., ed omessa motivazione, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, nella parte in cui ha affermato che era onere dell’Ufficio anzichè del contribuente dimostrare l’inesistenza dei finanziamenti soci addotti dalla società a giustificazione della posta passiva di Euro 125.481; mancanza di motivazione nella parte in cui ritiene che la mera autorizzazione a richiedere finanziamenti ai soci costituisca prova della effettiva attuazione delle operazioni di finanziamento e della concreta restituzione di simili finanziamenti in misura corrispondente all’importo ripreso a tassazione; 2) violazione del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 32 – omessa o comunque insufficiente e contraddittoria motivazione, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5; 3) violazione del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 75, e art. 2697 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, nella parte in cui ha ritenuto deducibili costi, documentati da semplici scontrini, sulla base della mera plausibilità; 4) violazione dell’art. 112 c.p.c., per extrapetizione in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, nella parte in cui ha ritenuto l’insussistenza del presupposto costituito dalla inattendibilità complessiva delle scritture contabili; 5) violazione e falsa applicazione del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, commi 1 e 2, e art. 40, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, nella parte in cui ha ritenuto necessario il presupposto della globale inattendibilità delle scritture richiesto solo per l’accertamento induttivo puro e non per l’accertamento analitico-

induttivo previsto dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, comma 1, lett. d), applicato dall’Ufficio.

La società Saima spa resiste con controricorso. Chiede di dichiarare inammissibile il ricorso per cassazione perchè proposto oltre il termine di decadenza previsto dall’art. 327 c.p.c., o comunque di rigettarlo.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. La preliminare eccezione di inammissibilità del ricorso, perchè proposto tardivamente, deve essere rigettata. L’affermazione della controricorrente, secondo cui la sospensione feriale dei termini non può applicarsi più di una volta, è priva di fondamento. Si deve invece ribadire che, in caso di interferenza con il periodo di sospensione feriale dei termini processuali, al termine annuale di decadenza dall’impugnazione previsto dall’art. 327 c.p.c., comma 1, vigente ratione temporis, devono aggiungersi 46 giorni computati numericamente ai sensi del combinato disposto dell’art. 155, comma 1, e L. 7 ottobre 1969, n. 742, art. 1, comma 1, non dovendosi tenere conto dei giorni compresi tra il primo agosto e il quindici settembre di ciascun anno. Ne consegue che si verifica il doppio computo del periodo feriale nell’ipotesi in cui, dopo una prima sospensione, il termine di decadenza dall’impugnazione non sia decorso interamente al sopraggiungere del nuovo periodo feriale. (Sez. 5, Sentenza n. 22699 del 04/10/2013, Rv. 628576).Nel caso in esame è pacifico che la sentenza impugnata è stata pubblicata il 30.6.2008 ed il ricorso per cassazione è stato notificato a mezzo del servizio postale in data 30.9.2009, con conseguente doppio computo del periodo di sospensione feriale dei termini.

2.11 primo motivo di ricorso è fondato. Il giudice di appello ha ritenuto che: la posta passiva di Euro 125.481, annotata nel conto debiti verso altri soggetti, era stata debitamente documentata mediante produzione di una delibera assembleare del 5.6.2000, che autorizzava l’amministratore a richiedere ai soci versamenti infruttiferi; che era ” nell’ordine naturale delle cose” l’avvenuta restituzione di detti finanziamenti; che era onere dell’Ufficio dimostrare l’eventualità che i finanziamenti non fossero mai stati erogati, attraverso un controllo contabile degli anni precedenti.

L’argomentazione è censurabile sia per violazione della regola di ripartizione dell’onere della prova stabilito dall’art. 2697 c.c., sia per vizio della motivazione. L’adozione di un verbale di assemblea che semplicemente autorizzi l’amministratore a richiedere finanziamenti ai soci (sino alla concorrenza di un determinato importo) non costituisce, sul piano logico, prova dell’effettiva dazione dei finanziamenti autorizzati e della loro successiva restituzione per l’importo indicato nel bilancio. Spetta al contribuente, che allega un fatto impeditivo della pretesa tributaria, l’onere di provare la effettiva sussistenza di componenti negativi del reddito di impresa, nonchè l’inerenza degli stessi ad attività produttive di ricavi o altri proventi ai sensi del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 109, comma 5, (in senso conforme Sez. 5, Sentenza n. 25282 del 16/12/2015, Rv. 638003Sez. 5, Sentenza n. 1691 del 29/01/2016, Rv. 638736).

3. Il secondo motivo è fondato. La Commissione tributaria regionale ha considerato i prelevamenti bancari giustificati “per urgenti necessità di cassa”, ed ha ritenuto onere dell’Ufficio compiere accertamenti sulla consistenza della cassa al fine di verificare se nella formazione dell’attivo di Euro 360.000 circa “fossero confluiti assegni ed effetti di non immediata negoziabilità”. Il giudice di merito non ha considerato che il D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 32, comma 1, lett. b), determina uni inversione dell’onere della prova ponendo a carico del contribuente il compito di dimostrare chi sia il reale beneficiario del prelievi bancari, altrimenti considerati come ricavi non contabilizzati; inoltre ha indebitamente posto a carico dell’Amministrazione finanziaria l’onere di verificare la composizione della cassa al fine di accertare l’eventuale presenza di mezzi di pagamento non liquidi, tali da giustificare l’immissione di ulteriori disponibilità finanziarie prelevate da un conto bancario passivo. La motivazione è carente nella parte in cui attribuisce rilevanza probatoria ad una mera ipotesi circa asserite ma indimostrate “urgenze di cassa”, e nella parte in cui non dà risposta alla argomentazione presuntiva dell’Ufficio circa la destinazione dei prelievi bancari a pagamenti di acquisti “in nero”, desunta dalla natura palesemente antieconomica di una operazione di prelevamento di somme di denaro dal conto corrente, avente l’effetto di aggravare l’esposizione bancaria della società, al fine di riversare le medesime somme sul conto cassa avente un saldo attivo già elevato.

4. Il terzo motivo è fondato. La sentenza impugnata, nella parte in cui ha ritenuto la deducibilità dei costi per Euro 12.080 sulla base della mera “plausibilità” della destinazione di tali somme all’acquisto di “strenne natalizie, doni pasquali ecc.”, viola il disposto del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 75, vigente ratione temporis, secondo cui le spese ed in genere i componenti negativi del reddito di impresa devono essere adeguatamente documentati in modo che ne risulti l’effettiva inerenza all’attività di impresa.

5. Il quarto motivo è infondato. Non vi è vizio di extrapetizione perchè la società con l’appello incidentale (come con il ricorso introduttivo) ha contestato la complessiva ricostruzione dei ricavi effettuata dall’Ufficio, anche sotto il profilo della legittimità del metodo di accertamento adottato.

6.11 quinto motivo è fondato. Il giudice di appello ha annullato la determinazione induttiva dei maggiori ricavi ritenendo l’insussistenza del presupposto della inattendibilità complessiva delle scritture contabili richiesto dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, comma 1, lett. d), e art. 40. Il presupposto della inattendibilità complessiva delle scritture contabili è invece richiesto dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, comma 2, lett. d), per procedere all’accertamento induttivo puro o induttivo extracontabile, mentre nel caso in esame l’Ufficio ha proceduto all’accertamento analitico-induttivo previsto dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, comma 1, lett. d).

La sentenza impugnata deve pertanto essere cassata con rinvio per nuovo giudizio, anche sulle spese, alla Commissione tributaria regionale della Campania in diversa composizione.

PQM

Accoglie il primo, il secondo, il terzo ed il quinto motivo di ricorso; rigetta il quarto; cassa la sentenza impugnata e rinvia per nuovo giudizio, anche sulle spese, alla Commissione tributaria regionale della Campania in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 30 marzo 2016.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA