Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11940 del 12/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 12/05/2017, (ud. 17/02/2017, dep.12/05/2017),  n. 11940

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7630-2014 proposto da:

M.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DELLA MELORIA

27, presso lo studio dell’avvocato GIANFRANCO SABA, rappresentato e

difeso da se stesso;

– ricorrente –

contro

P.F., ANAS SPA, in persona del Direttore centrale pro

tempore, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CARONCINI 58, presso

lo studio dell’avvocato BARBARA MORABITO, rappresentati e difesi

dall’avvocato P.F.;

– controricorrenti e ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza n. 388/2013 del TRIBUNALE di LANUSEI, depositata

il 30/10/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 17/02/2017 dal Consigliere Dott. PASQUALE D’ASCOLA.

Fatto

FATTO E RAGIONI DELLA DECISIONE

Rilevato che M.M. ha proposto il 21 marzo 2014 ricorso per cassazione avverso la sentenza n. 388/2013 del tribunale di Lanusei, resa il 30/10/2013;

che l’intimato avv. P. ha resistito con controricorso e controricorso incidentale condizionato;

che alle parti è stata comunicata, ai sensi del novellato art. 380 bis c.p.c. e art. 380 bis 1 c.p.c. (cfr L. n. 197 del 2916, art. 1 – conversione in legge con modificazioni del D.L. n. 168 del 2016), proposta del relatore in cui è stata prospettata la declaratoria di inammissibilità del ricorso perchè, trattandosi di decisione esclusivamente sulla competenza, avrebbe dovuto essere impugnata con il regolamento necessario di competenza; che parte ricorrente ha depositato dichiarazione di rinuncia al ricorso;

che parte resistente ha respinto la richiesta di compensazione delle spese contenuta nella dichiarazione di rinuncia e ha chiesto la liquidazione in proprio favore;

ritenuto che l’atto di rinuncia al ricorso per cassazione produce cessazione della materia del contendere e quindi l’estinzione del processo, anche in assenza di accettazione della parte cui sia stato notificato, determinando il passaggio in giudicato della sentenza impugnata ed il conseguente venir meno dell’interesse a contrastare l’impugnazione, rimanendo comunque salva la condanna del rinunciante alle spese del giudizio (Cass. 3971/2015; SU 7378/13; 9857/11);

rilevato che si deve far luogo a emissione di ordinanza, come disposto dagli artt. 390 e 391 cp.c. anch’essi novellati dalla L. n. 197 del 2016, peraltro in conformità alla giurisprudenza consolidatasi (SU 19057/2010; Cass. 14922 del 16/07/2015);

ritenuto che l’estinzione del giudizio a seguito di rinuncia al ricorso principale fa venir meno il dovere di pronunciare sul ricorso incidentale, che era condizionato all’accoglimento del principale;

ritenuto qantò alla liquidazione delle spese di lite in favore di parte resistente si provvede in dispositivo in relazione al valore controverso;

ritenuto che la declaratoria di estinzione del giudizio esclude l’applicabilità del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, relativo all’obbligo della parte impugnante non vittoriosa di versare una somma pari al contributo unificato già versato all’atto della proposizione dell’impugnazione. (Cass. 19560/15);

PQM

La Corte dichiara estinto il giudizio.

Condanna parte ricorrente alla refusione a controparte delle spese di lite liquidate in Euro 600 per compenso, Euro 200 per esborsi, oltre accessori di legge e rimborso spese generali (15%).

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta civile – 2, il 17 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 12 maggio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA