Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11933 del 17/05/2010

Cassazione civile sez. III, 17/05/2010, (ud. 04/03/2010, dep. 17/05/2010), n.11933

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SENESE Salvatore – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. FINOCCHIARO Mario – Consigliere –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – rel. Consigliere –

Dott. D’AMICO Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

B.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

CIRCONVALLAZIONE TRIONFALE 123, presso lo studio dell’avvocato

VENDUTI MARIO, che la rappresenta e difende giusta delega in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

C.G. (OMISSIS), elettivamente 12 domiciliato

in ROMA, VTA DELLA CAFFARELLETTA 48, presse lo studio dell’avvocato

CARBONE RAFFAELE, che lo rappresenta e difende giusta delega in calce

al controricorso;

– controricorrente –

e contro

FONDIARIA SAI SPA (OMISSIS), C.R.

(OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 259/2005 del TRIBUNALE di CIVITAVECCHIA,

emessa il 31/3/2005, depositata il 31/03/2005, R.G.N. 264/2003;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/03/2010 dal Consigliere Dott. CHIARINI Maria Margherita;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SGROI Carmelo che ha conclusio per l’estinzione per rinuncia.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Premesso che B.L. ha rinunciato, con atto, sottoscritto dal difensore, del (OMISSIS), al ricorso per Cassazione nei confronti di C.G. e della s.p.a. Fondiaria Sai;

rilevato che C.G., resistente, nel dare atto che il suo difensore era deceduto, in pari data ha accettato la rinuncia, mentre la Fondiaria Sai non ha svolto attivita’ difensiva;

ritenuto pertanto che va dichiarata l’estinzione del giudizio di Cassazione e che non si deve pronunciare sulle spese processuali;

visti gli. artt. 390 e 391 c.p.c..

PQM

LA CORTE dichiara l’estinzione del giudizio di Cassazione.

Cosi’ deciso in Roma, il 4 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 17 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA