Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11890 del 12/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 12/05/2017, (ud. 15/12/2016, dep.12/05/2017),  n. 11890

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 29345-2011 proposto da:

B.R., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DELLE ACACIE 13, c/o CENTRO CAF nello studio dell’avvocato DI GENIO

GIANCARLO, rappresentata e difesa dall’avvocato FELICE AMATO, giusta

delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS), in

persona del Presidente e legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

Avvocati VINCENZO TRIOLO, ANTONIETTA CORETTI, EMANUELE DE ROSE,

giusta delega in calce alla copia notificata del ricorso;

– resistente con mandato –

avverso la sentenza n. 1207/2010 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 06/12/2010 R.G.N. 1092/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

15/12/2016 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito l’Avvocato STUMPO VINCENZO per delega verbale Avvocato CORETTI

ANTONIETTA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELESTE Alberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

Con sentenza depositata il 6.12.2010, la Corte d’appello di Salerno, in parziale riforma della pronuncia di primo grado e in parziale accoglimento dell’appello proposto da B.R., liquidava le spese del procedimento di prime cure a carico dell’INPS nel maggior importo di Euro 2.247,00, di cui Euro 1.473,00 per diritti, oltre IVA e CPA, compensando le spese del gravame.

Contro tale pronuncia, ricorre B.R. con tre motivi. L’INPS ha svolto difese orali in pubblica udienza.

Diritto

Con il primo motivo, la ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell’art. 91 c.p.c., della L. n. 794 del 1942, della L. n. 1501 del 1957, art. unico, e della tariffa professionale di cui al D.M. n. 127 del 2004, nonchè omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, per non avere la Corte di merito provveduto alla liquidazione dei diritti relativi alle attività correlate alla richiesta, disamina e notifica della sentenza di primo grado.

Con il secondo motivo, la ricorrente si duole di violazione e falsa applicazione della L. n. 794 del 1942, art. 4 in combinato disposto con il R.D.L. n. 1578 del 1933, art. 60 e dell’art. 91 c.p.c., nonchè di omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, per avere la Corte ridotto gli onorari in considerazione della materia particolarmente semplice del precorso giudizio.

Con il terzo motivo, la ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 91 e 92 c.p.c. e omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio per avere la Corte territoriale compensato interamente le spese del gravame.

Ciò posto, il primo motivo è fondato.

In tema di liquidazione delle spese processuali, infatti, le attività strumentali alla conoscenza del contenuto del provvedimento e alla successiva fase d’impugnazione – quali la richiesta di copie, il loro ritiro, la notifica della sentenza, l’accesso all’ufficio per ottenere l’atto notificato, l’esame della relazione di notifica e il prelievo del fascicolo attengono alla fase del giudizio di cognizione, come previsto dalla tabella B allegata al D.M. n. 127 del 2004, applicabile ratione temporis, sicchè le relative indennità vanno incluse dal giudice nel computo totale dei diritti richiesti con la nota spese (cfr. da ult. Cass. n. 548 del 2015).

E’ invece infondato il secondo motivo.

La Corte territoriale ha motivato la riduzione degli onorari con riferimento alla particolare semplicità della causa, ritenendo trattarsi di controversia avente ad oggetto “materia particolarmente semplice” e tale valutazione deve essere senz’altro condivisa, poichè anche dall’esposizione dei fatti di causa contenuta nel ricorso per cassazione risulta che effettivamente le questioni affrontate in primo grado, attinenti essenzialmente alla prova dell’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato agricolo, non presentavano alcuna complessità ed avevano anzi carattere ripetitivo, siccome abituali nelle controversie aventi ad oggetto l’accertamento del diritto alle prestazioni di disoccupazione in agricoltura (cfr. per un caso analogo Cass. n. 19356 del 2013).

Parimenti infondato è il terzo motivo.

La compensazione delle spese del gravame è stata infatti motivata dalla Corte di merito sul rilievo della natura delle questioni devolute, relative alla esclusiva riliquidazione delle spese del giudizio di primo grado. E poichè trattasi di motivazione senz’altro congrua (cfr. in tal senso Cass. n. 6970 del 2009), nessuna censura merita sul punto la sentenza impugnata.

Segue da quanto sopra che la sentenza va cassata in relazione all’accoglimento del primo motivo e, non apparendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, in considerazione della specifica dei diritti controversi contenuta nella nota spese riprodotta nel ricorso, la causa va decisa nel merito, liquidando le spese del giudizio di primo grado nella complessiva somma di Euro 2.362,00, di cui Euro 1.592,00 per diritti, e disponendone la distrazione in favore del procuratore antistatario.

Attesa la soccombenza reciproca, sussistono giusti motivi per compensare le spese del giudizio di cassazione.

PQM

La Corte accoglie il primo motivo, rigettati gli altri. Cassa per quanto di ragione la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, liquida le spese del giudizio di primo grado in Euro 2.362,00, di cui Euro 1.592,00 per diritti, oltre accessori di legge, disponendone la distrazione in favore dell’avv. Felice Amato. Compensa le spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 15 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 12 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA