Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11870 del 12/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 12/05/2017, (ud. 02/03/2017, dep.12/05/2017),  n. 11870

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – rel. Consigliere –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3631-2012 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

FIBELL COSTRUZIONI SRL IN LIQUIDAZIONE, persona del liquidatore e

legale rappresentante pro tempore, domicilia in ROMA PIAZZA CAVOUR

presso la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’Avvocato MAURIZIO VILLANI con studio in LECCE VIA CAVOUR

56 (avviso postale ex art. 135) giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 328/2010 della COMM.TRIB.REG.SEZ.DIST. di

LECCE, depositata il 15/12/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

02/03/2017 dal Consigliere Dott. LAURA TRICOMI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

udito per il ricorrente l’Avvocato PALASCIANO che si riporta agli

atti.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. La Commissione tributaria regionale della Puglia, sezione distaccata di Lecce, con la sentenza n.328/23/10, depositata il 15.12.2010 e non notificata, ha confermato la prima decisione concernente l’annullamento dell’avviso di rettifica parziale emesso, sulla base del pvc redatto dalla G. di F. in data 11.06.2001, nei confronti della società Fibell Costruzioni SRL per IVA per l’anno di imposta 1996.

Con detto avviso l’Amministrazione aveva contestato, all’esito di una complessa attività investigativa, una omessa fatturazione, contabilizzazione e dichiarazione, ai fini fiscali, di operazioni imponibili di vendita di immobili che l’Ufficio riteneva essere state concluse dalla SRL a prezzi superiori a quelli contabilizzati, prezzi che risultavano anche inferiori al valore di mercato.

2. Il giudice di appello ha sostenuto che le relazioni di stima fatte dai tecnici di parte avevano provato che i valori riscontrati erano nettamente inferiori a quelli evidenziati nell’atto impugnato: da ciò deduce che i valori oggetto di ripresa non possono essere oggetto di confronto con gli altri e non consentono di ricostruire le esatte movimentazioni bancarie, nè di ritenere una omessa fatturazione di corrispettivi. Conclude affermando che le riprese dell’Amministrazione non sono chiare e, pertanto, non meritevoli di accoglimento.

3. L’Agenzia delle entrate ricorre per cassazione su due motivi, ai quali la società in liquidazione replica con controricorso e memoria ex art. 378 c.p.c..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1.1. Con il primo motivo si denuncia la omessa motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5).

1.2. La ricorrente sostiene che la sentenza omette di motivare sui punti della controversia e di rendere conto delle ragioni di fatto e di diritto della decisione, poichè non spiega perchè ha ritenuto le presunzioni dell’Ufficio prive di valenza probatoria e perchè ha riconosciuto la prevalenza a quanto risultante dalle perizie di parte a fronte degli elementi circostanziati offerti dall’Amministrazione.

Secondo la ricorrente, che trascrive per autosufficienza ampi stralci del pvc redatto dalla G. di F., richiamato dall’avviso di accertamento, dalle indagini era emerso che B.M. operava in maniera del tutto autonoma, anche mediante apposizione di firme false, sui conti e sui libretti accesi presso la (OMISSIS) e la Banca di Roma di Maglie, intestati, oltre che a lei stessa, anche a B.F., M.P., L.M., D.M.M. e D.M.G. che, in particolare, sui alcuni conti erano risultati notevoli versamenti di danaro contante, nonostante i titolari dei conti non disponessero di una sufficiente fonte di redditività; ed ancora che le indagini avevano messo in evidenza che per più compravendite, a fronte del prezzo dichiarato, erano state rilevate operazioni bancarie anomale e non giustificate per ulteriori rilevanti importi sui conti degli acquirenti: tutti elementi sui quali la sentenza non si era soffermata in alcun modo.

1.3. Con il secondo motivo si denuncia la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, artt. 32 e 41, e del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 51 e dell’art. 2728 c.c. (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3).

La ricorrente, richiamando la giurisprudenza di legittimità, rammenta che i dati relativi ai rapporti finanziari,, segnatamente versamenti e prelevamenti, danno origine ad una presunzione legale relativa di maggiori ricavi o di maggiori imponibili, che determina una inversione dell’onere della prova di guisa che è il contribuente a dover provare che gli elementi desunti dalle movimentazioni bancarie non erano assoggettabili a tassazione, e argomenta che tale tipologia di indagini è estensibile anche ai conti di “terzi”, ossia di soggetti non direttamente interessati dall’attività di controllo, quando emergono elementi circa il carattere fittizio dell’intestazione o la connessione o l’inerenza con il reddito della società (fol. 45 del ricorso).

Sulla scorta di tali considerazioni l’Agenzia denuncia l’errore in cui sarebbe incorsa la CTR nel non ritenere le indagini bancarie sufficienti, da sole ed ai sensi dell’art. 32 cit., a fondare l’accertamento di maggior reddito e maggior volume di affari, in assenza di pertinente prova contraria da parte della contribuente. 2.1. Preliminarmente va respinta la eccezione di inammissibilità del ricorso per difetto di autosufficienza poichè, come risulta dalla stessa sentenza, l’atto impugnato si fondava sul pvc redatto dalla G. di F., ampiamente trascritto in ricorso.

2.2. Il primo motivo è fondato e va accolto.

2.3. Come risulta dalla ampia trascrizione degli atti dell’Ufficio, le riprese erano seguite ad una complessa attività investigativa svolta soprattutto mediante indagini bancarie a tutto campo e sulla scorta della documentazione extracontabile reperita, che aveva coinvolto non solo la società e la socia amministratrice, ma anche soggetti terzi, privi di autonoma disponibilità economica, ritenuti intestatari compiacenti di conti bancari, e, ancora, gli stessi acquirenti, all’esito della quale non solo erano state evidenziate operazioni sospette o, comunque, prive di giustificazione economica, ma era stata prospettata, in modo argomentato perchè puntualmente ricollegato ad una pluralità di movimenti bancari, la interconnessione tra le varie operazioni ed un modus operandi ripetuto per più acquirenti da cui emergeva, sulla scorta di un sviluppo argomentativo per presunzioni, la cospicua sottrazione di materia imponibile.

2.4. Orbene, la CTR non esamina alcuno degli elementi presuntivi offerti dall’Amministrazione, e non spiega le ragioni del rigetto, se non in modo assertivo, senza illustrare perchè ne abbia escluso la rilevanza, laddove avrebbe dovuto esaminarli nel loro complesso, oltre che partitamente, ed esporre quale sia stato lo sviluppo logico giuridico della propria statuizione e gli elementi di fatto sui quali si sia fondata, debitamente comparandoli con quanto esposto dall’Ufficio.

2.5. In realtà la CTR, sostanzialmente, si limita ad aderire alle relazioni di stima formulate dai consulenti della società e ne inferisce, senza alcuna spiegazione, una ricaduta favorevole alla parte privata sulla valenza degli accertamenti compiuti sulle movimentazioni bancarie; esprime, quindi, perplessità e insoddisfazione sulle riprese operate dall’Ufficio in termini apodittici, dai quali non è dato desumere l’iter logico giuridico seguito.

Giova in proposito ricordare che, nel processo tributario, se, come è stato già affermato da questa Corte, esiste un maggiore spazio per le prove cosiddette atipiche ed anche la perizia di parte può costituire fonte di convincimento del giudice, che può elevarla a fondamento della decisione, questi tuttavia ha l’obbligo di spiegare le ragioni per le quali la ritenga corretta e convincente (Cass. n. 2193/2015) ed anche ciò, nel caso di specie, non è accaduto.

2.6. Da quanto esposto si evince che la CTR non ha adempiuto al suo compito motivazionale e la sentenza va pertanto cassata e rinviata per il riesame e la compiuta motivazione.

3.1. All’accoglimento del primo motivo, consegue l’assorbimento del secondo.

4.1. In conclusione il ricorso va accolto sul primo motivo, assorbito il secondo motivo; la sentenza impugnata va cassata con rinvio alla Commissione tributaria regionale della Puglia, in diversa composizione per il riesame, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

PQM

– accoglie il ricorso sul primo motivo, assorbito il secondo motivo, cassa la sentenza impugnata e rinvia per il riesame alla Commissione tributaria regionale della Puglia, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 2 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 12 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA