Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11840 del 14/05/2010

Cassazione civile sez. lav., 14/05/2010, (ud. 22/03/2010, dep. 14/05/2010), n.11840

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – rel. Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

COMUNE DI CERRETO SANNITA, in persona del Sindaco pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA M. MERCATI 51, presso lo

studio dell’avvocato D’ANGIOLELLA LUIGI MARIA, che lo rappresenta e

difende, giusta Delib. Giunta Comunale 19 novembre 2007 n. 281 e

giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

C.G.L., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA F.

MOROSINI 12, presso lo studio dell’avvocato LOMBARDI CARMINE, che lo

rappresenta e difende, giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza n. 23/07 R.G.A.C, del TRIBUNALE di BENEVENTO del

17/10/07, depositata il 19/10/2007;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/03/2010 dal Consigliere Relatore Dott. LA TERZA Maura;

udito l’Avvocato Lombarini Carmine, difensore del controricorrente

che si riporta agli scritti;

e’ presente il P.G. in persona del Dott. CARLO DESTRO che nulla

osserva rispetto alla relazione scritta.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Letto il ricorso presentato dal Comune di Cerreto Sannita avverso l’ordinanza del Tribunale di Benevento che aveva accolto il reclamo contro l’ordinanza dello stesso Tribunale di rigetto della richiesta di C.G.L., comandante del corpo di Polizia municipale, di annullamento in via cautelare del proprio trasferimento ad altro settore con compiti di direttore amministrativo;

Letto il controricorso del C.;

Letta la relazione resa ex art. 380 bis c.p.c. di inammissibilita’ del ricorso perche’ proposto avverso un provvedimento ex art. 669 terdecies c.p.c. che ha carattere provvisorio e non decisorio, essendo destinato a perdere efficacia per effetto della sentenza definitiva di merito (Cass. 2821/2009);

Ritenuto che, contrariamente a quanto si sostiene in ricorso, il provvedimento impugnato non ha natura di sentenza perche’ di cio’ in esso non si trova alcun riscontro;

Ritenuto che pertanto i rilievi di cui alla relazione sono condivisibili e che il ricorso deve essere dichiarato inammissibile;

Ritenuto che le spese, liquidate come da dispositivo, devono seguire la soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese, liquidate in Euro 30,00 oltre duemila/00 Euro per onorari, Iva CPA e spese generali.

Cosi’ deciso in Roma, il 22 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 14 maggio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA