Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11819 del 09/06/2016

Cassazione civile sez. III, 09/06/2016, (ud. 19/04/2016, dep. 09/06/2016), n.11819

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al numero 24788 del ruolo generale dell’anno

2013, proposto da:

CARIGE ASSICURAZIONI (per esteso Carige R.D. Assicurazioni e

Riassicurazioni, oggi AMISSIMA) S.p.A., (P.I.: (OMISSIS)), in

persona del procuratore speciale P.A. rappresentato e

difeso, giusta procura in calce al ricorso, dagli avvocati Angelo

Iannaccone (C.F.: NNC NGL 54C04 L304F) e Francesco Alessandro Magni

(C.F.: MGN FNC 691315 H501Z);

– ricorrente –

nei confronti di:

SOMPO JAPAN NIPPONKOA INSURANCE COMPANY OF EUROPE LIMITED, –

Rappresentanza Generale per l’Italia (P.I.: (OMISSIS)), in

persona del legale rappresentante pro tempore A.K.

rappresentato e difeso, giusta procura in calce al ricorso

notificato, dagli avvocati Gabriele Bernascone (C.F.: BRN GRL 48M29

E163H) e Francesco Giorgianni (C.F.: GRG FNC 43L26 L828C);

BERKSHIRE HATHAWAY INTERNATIONAL INSURANCE LIMITED (P.I.:

(OMISSIS)), cessionaria del portafoglio assicurativo di SOMPO

JAPAN rappresentata e difesa, giusta procura notarile generale alle

liti, dall’avvocato Gabriele Bernascone (C.F.: BRN GRL 48M29

E163H);

– controricorrenti –

per la cassazione della sentenza pronunziata dalla Corte di Appello

di Milano n. 1267/2013, depositata in data 21 marzo 2013;

udita la relazione sulla causa svolta alla pubblica udienza in data

19 aprile 2016 dal consigliere Augusto Tatangelo;

uditi:

l’avvocato Laura Anselmi, per delega dell’avvocato Angelo

Iannaccone, per la società ricorrente;

l’avvocato Francesco Giorgianni, per le società controricorrenti;

il pubblico ministero, in persona del sostituto procuratore generale

dott. SOLDI Anna Maria, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTI E SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Carige Assicurazioni S.p.A. agì in giudizio nei confronti di Sompo Japan Insurance Company of Europe Limited (oggi Sompo Japan Nipponkoa Insurance Company Of Europe Limited; in seguito: Sompo Japan) esercitando l’azione di regresso di cui all’art. 1910 c.c., comma 4, per una quota dell’indennizzo (pari ad Euro 1.502.442,00) corrisposto in favore dei soggetti danneggiati da due propri assicurati per la responsabilità civile, una struttura sanitaria (Istituto Clinico Humanitas Mirasole di Rozzano) e un medico da essa dipendente (dott. P.E. L.S.), assumendo che quest’ultimo fosse assicurato a primo rischio anche dalla convenuta.

La domanda fu rigettata dal Tribunale di Milano, che ritenne la Sompo Japan obbligata solo a secondo rischio, per l’eventuale eccedenza rispetto al massimale garantito dalla polizza ospedaliera stipulata con la Carige S.p.A..

La Corte di Appello di Milano ha confermato la decisione di primo grado.

Ricorre Carige Assicurazioni S.p.A., sulla base di quattro motivi.

Resistono con unico controricorso, illustrato da memoria depositata ai sensi dell’art. 378 c.p.c., Sompo Japan nonchè Berkshire Hathaway International Insurance Limited, cessionaria del portafoglio assicurativo della prima ed intervenuta volontariamente nel giudizio.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Preliminarmente va rilevata l’irregolarità delle difese scritte della società controricorrente Sompo Japan e della costituzione della società Berkshire Hathaway International Insurance Limited, i cui difensori si dichiarano muniti, rispettivamente, di procura rilasciata in calce alla copia notificata del ricorso avversario e di procura generale alle liti.

Ed infatti “nel giudizio di cassazione, la procura speciale non può essere rilasciata a margine o in calce ad atti diversi dal ricorso o dal controricorso, atteso il tassativo disposto dell’art. 83 c.p.c., comma 3, che implica la necessaria esclusione dell’utilizzabilità di atti diversi da quelli suindicati; pertanto, se la procura non è rilasciata contestualmente a tali atti, è necessario il suo conferimento nella forma prevista dall’art. 83, comma 2 cioè con atto pubblico o con scrittura privata autenticata, facenti riferimento agli elementi essenziali del giudizio, quali l’indicazione delle parti e della sentenza impugnata” (Cass., Sez. 3, Sentenza n. 9462 del 18/04/2013, Rv. 626050).

In particolare, con riguardo alla procura conferita da Sompo Japan si deve osservare che “nel giudizio di legittimità, la procura rilasciata dal controricorrente in calce o a margine della copia notificata del ricorso, anzichè in calce al controricorso medesimo, non è idonea per la valida proposizione di quest’ultimo, nè per la formulazione di memorie, in quanto non dimostra l’avvenuto conferimento del mandato anteriormente o contemporaneamente alla notificazione dell’atto di resistenza, ma è idonea ai soli fini della costituzione in giudizio del controricorrente e della partecipazione del difensore alla discussione orale, non potendo a tali fini configurarsi incertezza circa l’anteriorità del conferimento del mandato stesso (cfr. Cass., Sez. U, Sentenza n. 13431 del 13/06/2014, Rv. 631298); con riguardo a quella conferita da Berkshire Hathaway International Insurance Limited, va ribadito che “a norma dell’art. 365 c.p.c., il ricorso per cassazione deve essere sottoscritto da avvocato munito di procura speciale, con conseguente inidoneità della procura generale alle liti a conferire mandato per ricorrere in Cassazione” (Cass., Sez. L, Sentenza n. 7710 del 16/05/2003, Rv. 563224; il principio, enunciato per il ricorso, va ritenuto applicabile anche al controricorso).

Di conseguenza, risultano inammissibili sia il controricorso che la memoria delle società intimate, mentre risulta legittima la partecipazione del difensore alla discussione orale, per la sola Sompo Japan. 2. Con il primo motivo del ricorso principale si denunzia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, “violazione e/o falsa applicazione degli artt.113 e 115 c.p.c. per mancata o errata valutazione ed interpretazione dei documenti contrattuali prodotti violazione dell’obbligo di delibazione iuxta alligata ac probata –

omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione fra le parti, in relazione all’esatto tenore della clausola contrattuale asseritamente disciplinante l’operatività a cd. secondo rischio della garanzia assicurativa prestata da Sompo Japan Insurance Company of Europa Ltd”.

Con il secondo motivo del ricorso principale si denunzia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4 “violazione e/o falsa applicazione dei principi e delle norme sull’interpretazione dei contratti di cui agli artt. 1342, 1362, 1363, 1366, 1367e 1370 cod. civ. in relazione alle altre clausole contrattuali rilevanti ai fini del decidere errata valutazione ed interpretazione del contratto e dei documenti prodotti”.

Con il terzo motivo del ricorso principale si denunzia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 “error in procedendo – violazione e/o falsa applicazione alla fattispecie dell’art. 1910 c.c., comma 1 relativamente alla dichiarazione del medico assicurato a Sompo Japan”.

Con il quarto motivo del ricorso si denunzia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5 “violazione e/o falsa applicazione delle norme di cui agli artt. 115 e 116 c.p.c. e art. 2697 c.c. nonchè del principio di non contestazione ed omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione tra le parti in relazione al riconoscimento da parte di Sompo Japan di assicurazione a primo rischio della propria polizza”.

I quattro motivi del ricorso sono connessi, e possono quindi essere esaminati congiuntamente, avendo tutti ad oggetto la corretta interpretazione del contratto di assicurazione per cui è causa, e precisamente la individuazione del tipo di garanzia prestata dalla compagnia in favore dell’assicurato, ritenuta nella sentenza impugnata “a secondo rischio” (e cioè valida solo per l’eccedenza rispetto ai massimali di altra assicurazione contemporaneamente operante per il medesimo rischio).

Essi sono fondati, per quanto di ragione, sotto il profilo di cui all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per violazione delle disposizioni in tema di interpretazione del contratto, violazione che assume carattere assorbente rispetto alle altre censure prospettate.

La clausola contrattuale che viene in rilievo ai fini della decisione della controversia è la clausola “A9” delle Condizioni di Generali di Assicurazione predisposte da Sompo Japan in relazione alla polizza stipulata individualmente con il medico dott. L.S..

Tale clausola ha tenore oggettivamente incerto.

Essa prevede infatti l’ipotesi di garanzia cd. a secondo rischio in correlazione ad una espressa dichiarazione, resa su distinto modulo (scheda di adesione) da parte dell’assicurato, in ordine all’esistenza di una polizza assicurativa ospedaliera per il medesimo rischio, laddove pacificamente dagli atti emerge che tale dichiarazione non venne resa dall’assicurato e, d’altra parte, nessuna polizza ospedaliera risultava operativa al momento della stipula del contratto di assicurazione individuale del medico.

Secondo la sentenza impugnata, il significato della clausola in questione consisterebbe, sostanzialmente, nella previsione di una garanzia originariamente operante a primo rischio, ma sottoposta a condizione parzialmente risolutiva – con deroga, quindi, della suddetta operatività a primo rischio, anche in assenza di dichiarazione dell’assicurato – per la mera successiva oggettiva venuta ad esistenza di una polizza ospedaliera a copertura del medesimo rischio.

Secondo la ricorrente, al contrario, la clausola andrebbe interpretata come previsione di garanzia a primo rischio, in mancanza della dichiarazione dell’assicurato in ordine all’esistenza di altra polizza ospedaliera, e soprattutto in mancanza di tale polizza al momento della stipula.

Orbene, nella indicata situazione di oggettiva letterale incertezza, ai fini della ricostruzione dell’effettivo senso della suddetta clausola, la corte di appello avrebbe dovuto certamente fare applicazione delle norme sull’interpretazione dei contratti (art. 1362 c.c. e ss.).

Queste avrebbero imposto:

a) di attribuire, nel dubbio, alla clausola in questione, in quanto inserita tra le condizioni generali di contratto, il significato più favorevole all’assicurato, e quindi quello che avrebbe comportato una maggiore estensione della garanzia (cioè quello ricollegabile all’operatività a primo rischio), ai sensi dell’art. 1370 c.c.;

b) di attribuire prevalenza alle clausole aggiunte, rispetto al contenuto delle condizioni generali di assicurazione, redatte su modulo predisposto dall’assicuratrice, ai sensi dell’art. 1342 c.c.;

sotto questo profilo, avrebbe dovuto essere presa in considerazione l’emissione, da parte della compagnia, di un certificato di assicurazione contenente la espressa indicazione della garanzia come operante a primo rischio;

c) di ricostruire il senso della clausola in contestazione tenendo conto anche delle altre clausole contrattuali, e dunque attribuendole il significato emergente dal complesso del contratto, ai sensi dell’art. 1363 c.c.; sotto questo profilo avrebbero dovuto essere prese in considerazione quanto meno la clausola “2.2” sull’obbligo di comunicazione da parte dell’assicurato della eventuale successiva stipulazione di altre polizze per il medesimo rischio, anche ai fini dell’art. 1910 c.c., nonchè la clausola “A13”, che prevedeva uno sconto sull’entità del premio, per il caso di garanzia prestata a secondo rischio, clausole il cui significato avrebbe dovuto essere valutato anche ai sensi dell’art. 1367 c.c. (e quindi in modo tale per cui fosse possibile attribuire ad esse degli effetti concreti anzichè nessun effetto);

d) di ricercare, ai fini della individuazione del senso della clausola in contestazione, la comune intenzione dei contraenti, valutando a tal fine il loro comportamento complessivo, anche posteriore alla conclusione del contratto, ai sensi dell’art. 1362 c.c.; sotto tale profilo, avrebbero dovuto essere prese in considerazione: la circostanza che – secondo quanto emerge dagli atti – non era stata resa dall’assicurato, sull’apposita scheda di adesione, la dichiarazione relativa all’esistenza di una polizza ospedaliera operante a primo rischio; la circostanza che l’assicurato stesso aveva pagato sempre il premio pieno previsto per la garanzia operante a primo rischio; la circostanza che la stessa compagnia aveva emesso certificato di assicurazione che indicava l’operatività della garanzia a primo rischio; l’esistenza di un’altra assicurazione operante a secondo rischio nell’ambito della medesima convenzione professionale.

L’applicazione delle disposizioni di ermeneutica negoziale sopra richiamate (la cui violazione era stata dedotta a fondamento dell’appello proposto dalla C. S.p.A.) risulta del tutto omessa dalla corte di appello.

Questa si è in sostanza limitata ad aderire alla pronunzia di primo grado senza operare alcun richiamo, in motivazione, alle norme sull’interpretazione negoziale di cui pure era stata invocata l’applicazione, e che nella specie avrebbero certamente dovuto essere utilizzate ai fini dell’individuazione del corretto contenuto della garanzia contrattualmente prestata da Sompo Japan in favore del medico individualmente assicurato.

La sentenza impugnata va dunque cassata con rinvio perchè si proceda all’esame della clausola in contestazione sulla base della applicazione delle norme suddette.

3. Il ricorso è accolto nei sensi di cui in motivazione.

La sentenza impugnata va dunque cassata in relazione, con rinvio alla Corte di Appello di Milano, in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità.

PQM

La Corte:

accoglie il ricorso per quanto di ragione e cassa in relazione, con rinvio alla Corte di Appello di Milano in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 19 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA