Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11777 del 18/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 18/06/2020, (ud. 04/12/2019, dep. 18/06/2020), n.11777

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 35193-2018 proposto da:

C.C., elettivamente domiciliato in Roma, Via Panama 86,

presso lo studio dell’avvocato Andrea Melucco, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato Alessandro Vincenzo Frittelli;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA UFFICIO TERRITORIALE GOVERNO ROMA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 6188/2018 del Tribunale di Roma, depositata il

24/04/2018;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

04/12/2019 dal Consigliere Dott. Casadonte Annamaria.

Fatto

RILEVATO

che:

– con il presente ricorso è impugnata la sentenza d’appello che, in parziale riforma della pronuncia di primo grado, ha rigettato l’opposizione in relazione ad una delle due ordinanze-ingiunzione emesse ciascuna per sanzionare l’emissione di un assegno in violazione della L. n. 386 del 1990, art. 1 (emissione di assegni senza autorizzazione);

– in particolare il Tribunale di Roma statuiva che rispetto all’assegno di Euro 25.000,00 non era stata fornita la prova della comunicazione del provvedimento di revoca dell’autorizzazione e pertanto mancava l’elemento soggettivo dell’illecito amministrativo come dedotto dall’opponente;

-diversamente secondo il Tribunale non sussistevano dubbi rispetto all’altro assegno e perciò veniva con riguardo ad esso confermato il rigetto dell’opposizione;

– la cassazione della sentenza d’appello è chiesta con ricorso affidato a tre motivi, illustrati da memoria ex art. 380 bis c.p.c.;

– non ha svolto attività difensiva l’intimata Prefettura di Roma;

– su proposta del relatore è stata fissata l’adunanza camerale ai

sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il primo motivo, con cui si denuncia l’erronea applicazione dell’onere della prova, che – ad avviso del ricorrente graverebbe -sulla Prefettura (rimasta contumace), è inammissibile perchè non considera il tenore della deduzione svolta dall’opponente in riferimento all’assegno di Euro 95.088,07;

– va rilevato infatti che, rispetto a detto assegno, oggetto dell’ordinanza-ingiunzione confermata dal giudice d’appello, l’opponente che aveva ammesso di avere emesso gli assegni postdatati, aveva eccepito il mancato protesto e non la mancata conoscenza della revoca dell’autorizzazione;

– ebbene, la correttezza della conclusione del giudice d’appello va verificata alla stregua del principio secondo il quale è onere dell’opponente svolgere una contestazione specifica dell’accertamento posto a fondamento della sanzione amministrativa irrigata (Cfr. Cass. 18072/2013);

– inoltre, va considerato che il principio posto dalla L. n. 689 del 1981, art. 3 (secondo il quale, per le violazioni amministrativamente sanzionate, è richiesta la coscienza e volontà della condotta attiva od omissiva, sia essa dolosa o colposa) postula una presunzione di colpa a carico dell’autore dell’illecito, non essendo necessaria la concreta dimostrazione del dolo o della colpa in capo all’agente, sul quale grava, pertanto, l’onere della dimostrazione di aver agito senza colpa (cfr. Cass. 5426/2006);

– ciò posto, l’onere probatorio è stato coerentemente conformato dal giudice d’appello in rapporto alla specifica causa petendi dedotta dall’opponente e cioè il mancato protesto dell’assegno postdatato di Euro 95.000,00 e non, come invece dedotto per l’altro assegno, alla mancata conoscenza della revoca;

– conseguentemente, in assenza della prova della mancanza di colpa che incombeva sull’opponente, corretta appare la ripartizione dell’onere probatorio operata dal giudice d’appello; -il secondo motivo, con cui si denuncia il mancato esercizio da parte del giudice dei poteri di acquisizione della prova è pure inammissibile, sulla scorta di quanto appena considerato in ordine alla ripartizione dell’onere della prova, non ravvisandosi un dovere di attivazione di poteri ufficiosi a fronte delle contestazioni specifiche sollevate dall’opponente;

– il terzo motivo, con cui si censura l’errata compensazione delle spese di lite, sull’assunto che il giudice d’appello – quale conseguenza dell’accoglimento totale del gravame – avrebbe dovuto condannare l’Amministrazione appellata, è parimenti inammissibile, atteso l’infondatezza dell’impugnazione proposta avverso la sentenza di -appello;

– risultando tutti i motivi inammissibili, il ricorso va dichiarato inammissibile;

– nulla va statuito sulle spese di lite, non avendo l’Amministrazione intimata svolto attività difensiva;

– ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta sezione civile-2, il 4 dicembre 2019.

Depositato in cancelleria il 18 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA