Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11754 del 08/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 08/06/2016, (ud. 14/01/2016, dep. 08/06/2016), n.11754

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20800/2015 proposto da:

Y.N., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA LUIGI

CALAMATTA, 16, presso lo studio dell’avvocato SERENELLA RUGGERI,

rappresentato e difeso dall’avvocato MASSIMO GENTILI giusta procura

speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 2343/2015 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI del

20/05/2015, depositata il 22/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

14/01/2016 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

Che è stata depositata relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., nella quale si legge quanto segue:

“1. – La Corte d’appello di Napoli, respingendo il gravame del sig. Y.N., di nazionalità pakistana, ha confermato la decisione del Tribunale con cui era stato respinto il ricorso dell’appellante avverso il diniego di protezione internazionale pronunciato dalla competente Commissione territoriale.

Il sig. M. ha proposto ricorso per cassazione articolando un solo, complesso motivo.

L’amministrazione intimata non ha svolto difese.

2. – Con l’unico motivo di ricorso, denunciando vizio di motivazione e violazione di norme di diritto, si lamenta che la Corte d’appello:

a) abbia ingiustificatamente ritenuto che l’appello è manifestamente infondato ad anzi ai limiti della inammissibilità… d’altronde l’atto di gravame è articolato alla stregua di un ricorso amministrativo, senza considerare che la cognizione in materia è pur sempre sul diritto di cui si afferma la tutelabilità, statuendo poi, contraddittoriamente, la compensazione delle spese processuali;

b) abbia illegittimamente respinto l’eccezione di nullità del provvedimento della Commissione per difetto di traduzione in lingua nota all’interessato;

c) abbia affermato che non vi sono ragioni per concedere la tutela richiesta, sia pure nella forma della protezione sussidiaria…

l’appellante non ha offerto alcun riscontro probatorio di quanto dichiarato. Comunque la vicenda narrata, essenzialmente vicende estorsive della mafia… sono di rilevanza strettamente privata, da risolvere con l’aiuto della polizia… Per il resto egli svolge mere illazioni: così andando contro la verità, poichè il ricorrente aveva invece dimostrato la veridicità delle proprie affermazioni, e violando l’art. 738 c.p.c., comma 3, art. 345 c.p.c., comma 3 e ss., artt. 359 e 184 c.p.c., per la mancata assunzione dell’audizione dell’appellante, nonchè la Convenzione di Ginevra sui rifugiati e il protocollo aggiuntivo di New York del 31 gennaio 1967 e i criteri di accertamento al riguardo elaborati dall’UNHCR, che rimandano ampiamente a poteri istruttori ufficiosi dell’autorità chiamata a decidere sulla domanda di protezione e riconoscono, in difetto, il beneficio del dubbio in favore del richiedente;

d) abbia negato altresì il diritto al rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari, pur spettante all’appellante ai sensi dell’art. 3, della CEDU, che, vietando i trattamenti inumani e degradanti, impedisce altresì il rimpatrio degli stranieri in paesi ove correrebbero il rischio di essere sottoposti a siffatti trattamenti;

e) abbia negato, infine, il riconoscimento del diritto di asilo ai sensi dell’art. 10 Cost., comma 3.

3. – La censura sub a) è inammissibile, poichè, per un verso, non è attinente alla ratio della decisione impugnata, con la quale alla fine l’appello è stato rigettato nel merito, non già dichiarato inammissibile, e, per altro verso, è generica.

La censura sub b) è inammissibile perchè la nullità del provvedimento amministrativo di diniego della protezione internazionale non ha autonoma rilevanza nel giudizio introdotto con il ricorso al tribunale avverso il predetto provvedimento. Tale giudizio, infatti, non ha per oggetto il provvedimento stesso, bensì il diritto soggettivo del ricorrente alla protezione invocata; dunque non può concludersi con il mero annullamento del diniego amministrativo della protezione, ma deve pervenire comunque alla decisione sulla spettanza o meno del diritto alla protezione: infatti la legge (in origine il D.Lgs. 28 gennaio 2008, n. 25, art. 35, comma 10, e attualmente il D.Lgs. 1 settembre 2011, n. 150, art. 19, comma 9) stabilisce che la decisione del tribunale può contenere, alternativamente, il rigetto del ricorso ovvero il riconoscimento dello status di rifugiato o di persona cui è accordata la protezione sussidiaria, e non prevede il puro e semplice annullamento del provvedimento della Commissione (cfr. Cass. 18632/2014, 26480/2011).

La censura sub c) è inammissibile perchè, a prescindere dalla considerazione che i poteri di c.d. collaborazione istruttoria del giudice della protezione internazionale sono disciplinati, più puntualmente, dal D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 3, e dal D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, cit., non invocati dal ricorrente, quest’ultimo omette di indicare, se non genericamente, i fatti sui quali si sarebbero dovuti esercitare tali poteri del giudice. Inoltre La medesima censura è altresì infondata nella parte in cui fa leva su un preteso – ma insussistente – obbligo del giudice di disporre l’audizione del richiedente asilo.

La censura sub d) è inammissibile perchè il riferimento all’art. 3 CEDU, e dunque a fatti costituenti trattamenti inumani o degradanti, è nuovo (di esso non vi è traccia nella sentenza impugnata, nè il ricorrente indica in quale atto del giudizio di merito sia contenuta la relativa allegazione) e, per di più, non argomentato.

La censura sub e) è infondata, avendo questa Corte già avuto occasione di chiarire che il diritto di asilo è interamente attuato e regolato attraverso la previsione delle situazioni finali previste dai tre istituti dello status di rifugiato, della protezione sussidiaria e del diritto al rilascio di un permesso umanitario, ad opera della esaustiva normativa di cui al D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, e di cui al D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, art. 5, comma 6; con la conseguenza che non vi è più alcun margine di residuale diretta applicazione del disposto di cui all’art. 10 Cost., comma 3, (Cass. 10686/2012, richiamata dallo stesso ricorrente)”;

che tale relazione è stata ritualmente comunicata agli avvocati delle parti costituite;

che non sono state presentate memorie.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Che il collegio condivide quanto esposto nella relazione di cui sopra;

che pertanto il ricorso va rigettato;

che in mancanza di attività difensiva della parte intimata non occorre provvedere sulle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti dell’obbligo di versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 14 gennaio 2016.

Depositato in Cancelleria il 8 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA