Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11718 del 11/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 11/05/2017, (ud. 05/04/2017, dep.11/05/2017),  n. 11718

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – rel. Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 509/2016 proposto da:

M.C., elettivamente domiciliata in ROMA, LARGO TRIONFALE 7,

presso lo studio dell’avvocato MARIO SCIALLA, rappresentata e difesa

dall’avvocato MICHELE MARTINI;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 1125/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della TOSCANA, depositata il 16/06/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 05/04/2017 dal Consigliere Dott. GIULIA IOFRIDA.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che:

– M.C. propone ricorso per cassazione, affidato ad un motivo, nei confronti dell’Agenzia delle Entrate (che si costituisce al solo fine di partecipare all’udienza di discussione), avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Toscana n. 1125/30/2015, depositata in data 16/06/2015, con la quale – in controversia concernente l’impugnazione di un avviso di accertamento emesso per maggiori IRPEF ed addizionali regionali e comunali dovute in relazione all’anno d’imposta 2007 ed ad una plusvalenza da cessione infra-quinquennale di un fabbricato e di un terreno, – è stata confermata la decisione di primo grado, che aveva accolto solo parzialmente il ricorso della contribuente (riconoscendo la deduzione delle spese notarili sostenute per l’alienazione immobiliare, ma negando la spettanza dell’esenzione ex art. 67, comma 1, lett. b) T.U.I.R., non essendo stata dimostrato che l’unità immobiliare fosse stata adibita dalla cedente ad abitazione familiare).

Diritto

RILEVATO IN DIRITTO

che:

– in sede di memoria, la ricorrente ha dato atto di avere richiesto ad Equitalia Servizi di Riscossione spa la definizione agevolata dei carichi pendenti, D.L. n. 196 del 2016, ex art. 6, ed ha chiesto rinvio a N.R. della causa, in attesa di ottenimento della comunicazione rituale di ammissione alla procedura agevolata.

PQM

Rinvia la causa a N.R. in attesa della definizione agevolata richiesta dalla contribuente.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 5 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 11 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA