Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11695 del 08/06/2016

Cassazione civile sez. VI, 08/06/2016, (ud. 12/05/2016, dep. 08/06/2016), n.11695

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – rel. Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8461/2015 proposto da:

M.G. e D.L.A., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA F. SIACCI 4, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO

VOGLINO, rappresentati e difesi dall’avvocato FABIO BENINCASA

giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 8099/18/2014 della COMMISSIONI TRIBUTARIA

REGIONALE della CAMPANIA dell’8/07/2014, depositata il 23/09/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

12/05/2016 dal Consigliere Relatore Dott GIULIA IOFRIDA.

Fatto

IN FATTO

D.L.A. e M.G. propongono ricorso per cassazione, affidato a due motivi, nei confronti dell’Agenzia delle Entrate (che resiste con controricorso), avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Campania n. 8099/18/2014, depositata in data 23/09/2014, con la quale – in controversia concernente l’impugnazione dell’avviso di liquidazione n. “(OMISSIS)”, relativo al recupero a tassazione della differenza dovuta per l’imposta sostitutiva applicata, con aliquota agevolata, su contratto di mutuo di compravendita di un’unità abitativa, avviso motivato sulla base della riscontrata assenza di immobili in capo ai contribuenti – è stata confermata la decisione di primo grado, che aveva respinto il ricorso dei contribuenti.

In particolare, i giudici d’appello, nel dichiarare inammissibile il gravame dei contribuenti, correggendo la decisione impugnata nella motivazione, hanno sostenuto che il thema decidendum del presente giudizio non era il distinto avviso di liquidazione n. “(OMISSIS)”, concernente la revoca del beneficio delle agevolazioni delle imposte di registro, ipotecarie e catastali sull’acquisto della c.d. “prima casa”, in relazione alla accertata estensione della superficie dell’immobile (da qualificare “di lusso”), sul quale, peraltro, la stessa decisione era incentrata, quanto l’atto impositivo inerente la revoca dell’agevolazione fiscale applicata sul contratto di mutuo, e che gli appellanti, avuto riguardo alla motivazione dell’avviso oggetto del giudizio, non avevano articolato pertinenti “difese…vale a dire la perdurante titolarità dell’immobile”.

A seguito di deposito di relazione ex art. 380 bis c.p.c., è stata fissata l’adunanza della Corte in Camera di consiglio, con rituale comunicazione alle parti.

Diritto

IN DIRITTO

1. 1 ricorrenti lamentano, con il primo motivo, la violazione e falsa applicazione, ex art. 360 c.p.c., n. 3, della L. n. 212 del 2000, art. 7 e L. n. 241 del 1990, art. 3, non avendo i giudici di appello rilevato l’inammissibile mutamento di motivazione dell’atto impositivo operato dall’Agenzia delle Entrate, nel corso del giudizio, avendo, prima, nell’avviso di liquidazione, motivato la revoca dell’agevolazione fiscale sul fatto i contribuenti non risultavano titolari di alcun immobile e poi dedotto, in giudizio, che la revoca era correlata alla natura dell’immobile acquistato, “di lusso”, in quanto risultato di superficie superiore a mq. 240. Con il secondo motivo, gli stessi ricorrenti lamentano la nullità della sentenza per violazione, ex art. 360 c.p.c., n. 3, del D.M. 2 agosto 1969, artt. 5 e 6 e art. 2697 c.c., non avendo i giudici di appello vagliato la documentazione (inclusa una perizia di parte), prodotta in giudizio sin dal primo grado, volta a dimostrare che la superficie utile dell’immobile acquistato era inferiore a mq. 240.

2. Le due censure, da esaminare congiuntamente, sono entrambe inammissibili, in quanto non censurano la specifica statuizione e ratio decidendi della sentenza impugnata, basata esclusivamente sull’inammissibilità del gravame dei contribuenti, perchè non rivolto a contestare l’avviso di liquidazione n. “(OMISSIS)”, oggetto di causa, e la sua motivazione espressa (assenza di titolarità di immobile in capo ai contribuenti), ma il distinto atto impositivo, n. “(OMISSIS)”, concernente la revoca dell’agevolazione fiscale c.d. “prima casa”, oggetto di separato giudizio.

3. Per tutto quanto sopra esposto, va respinto il ricorso.

Le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della ricorrenza dei presupposti per il versamento da parte dei ricorrenti dell’importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

PQM

La Corte respinge il ricorso; condanna i ricorrenti, in solido, al rimborso delle spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 1.000,00, a titolo di compensi, oltre eventuali spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della ricorrenza dei presupposti per il versamento da parte dei ricorrenti dell’importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 12 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 8 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA