Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11686 del 26/05/2011

Cassazione civile sez. III, 26/05/2011, (ud. 07/04/2011, dep. 26/05/2011), n.11686

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – rel. Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

F.A. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

ROMA, PIAZZA COLA DI RIENZO 69, presso lo studio dell’avvocato

FIORENTINO GUIDO, rappresentato e difeso dall’avvocato SCIACCA

GIUSEPPE, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

SARP ASSICURAZIONI SPA IN LCA ((OMISSIS)) in persona del

Commissario liquidatore, elettivamente domiciliata in ROMA, LARGO

MESSICO 6, presso lo studio dell’avvocato MELUCCO ANDREA, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato GIANNITTO NINO, giusta

procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

C.A., C.G., FONDIARIA SAI ASSICURAZIONI

SPA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 325/2009 della CORTE D’APPELLO di CATANIA del

25/2/09, depositata l’11/03/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. MAURIZIO MASSERA;

udito per la controricorrente l’Avvocato MELUCCO ANDREA che si

riporta agli scritti;

è presente il Procuratore Generale in persona del Dott. ANTONIETTA

CARESTIA che ha concluso: in via principale per la rimessione del

ricorso alla pubblica udienza ed in subordine per l’accoglimento del

ricorso in relazione all’art. 345 in riferimento all’art. 360 c.p.c.,

n. 5.

La Corte Letti gli atti depositati:

Fatto

OSSERVA

E’ stata depositata la seguente relazione:

1 – Con ricorso notificato il 29 gennaio 2010 F.A. ha chiesto la cassazione della sentenza, non notificata, depositata in data 11 marzo 2009 dalla Corte d’Appello di Catania, confermativa della sentenza del Tribunale che aveva accolto solo nei confronti di alcuni convenuti la domanda di risarcimento dei danni subiti a seguito di sinistro stradale promossa dai genitori e suoi legali rappresentanti F.G. e C.A.. La Sarp Assicurazioni in l.c.a. ha resistito con controricorso, mentre gli altri intimati, Fondiaria – Sai Assicurazioni S.p.A., A. C., C.G., non hanno espletato attività difensiva.

2 – Con l’unico motivo il ricorrente denuncia violazione dell’art. 345 c.p.c. in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5.

La censura contesta la dichiarata tardività della produzione documentale e, quindi, stigmatizza un potere discrezionale del giudice d’appello. Va, infatti, ribadito l’orientamento ormai consolidato (confronta, per tutte, Cass. n. 21980 del 2009) secondo cui, in tema di giudizio di appello, l’art. 345 c.p.c., comma 3, come modificato dalla L. 26 novembre 1990, n. 353, nell’escludere l’ammissibilità di nuovi mezzi di prova, ivi compresi i documenti, consente al giudice di ammettere, oltre alle nuove prove che le parti non abbiano potuto produrre prima per causa ad esse non imputabile, anche quelle da lui ritenute, nel quadro delle risultanze istruttorie già acquisite, indispensabili, perchè dotate di un’influenza causale più incisiva rispetto a quella che le prove rilevanti hanno sulla decisione finale della controversia; tale facoltà va peraltro esercitata in modo non arbitrario, in quanto il giudizio di indispensabilità deve comunque essere espresso in un provvedimento motivato.

Il ricorrente, in violazione dell’art. 366 c.p.c., n. 6 non ha allegato la documentazione al ricorso e non ha addotto argomenti utili a dimostrarne l’indispensabilità nei termini sopra enunciati.

3.- La relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata ai difensori delle parti;

Le parti hanno presentato memorie e, inoltre, la resistente ha chiesto d’essere ascoltata in camera di consiglio;

Le argomentazioni addotte con la memoria non inducono a diversa statuizione;

4.- Ritenuto:

che, a seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella camera di consiglio, il collegio ha condiviso i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione;

inoltre ha rilevato: a) la censura atteneva alla nullità del procedimento e, quindi, andava prospettata con riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4 e non ai nn. 3 e 5; b) il mancato rispetto da parte della Sarp dell’ordine di esibizione della polizza impartitogli in primo grado non legittimava il F. a produrre il documento in appello, ma doveva essere fatta valere sotto il profilo dell’omessa valutazione – da parte del Tribunale – di tale comportamento processuale;

che il ricorso deve perciò essere dichiarato inammissibile; le spese seguono la soccombenza;

visti gli arti 380-bis e 385 cod. proc. civ..

P.Q.M.

Dichiara il ricorso inammissibile. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in complessivi Euro 1.000,00, di cui Euro 800,00 per onorari, oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 7 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 26 maggio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA