Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11654 del 26/05/2011

Cassazione civile sez. trib., 26/05/2011, (ud. 10/03/2011, dep. 26/05/2011), n.11654

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. MERONE Antonio – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – rel. Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

WORLD CARS 2000 SNC DI M. MACCIO’ & C. (OMISSIS), in persona del

socio, legale rappresentante, elettivamente domiciliata in ROMA,

CORSO VITTORIO EMANUELE II 18, presso lo studio dell’avvocato GREZ G.

MARCO, rappresentata e difesa dall’avvocato MASNATA GIANLUIGI, giusta

mandato in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che la rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 64/2008 della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE

di GENOVA del 21/04/08, depositata il 03/06/2008;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10/03/2011 dal Consigliere Relatore Dott. CAMILLA DI IASI;

udito l’Avvocato Masnata, difensore della ricorrente che si riporta

agli scritti;

è presente l’Avvocato Generale in persona del Dott. DOMENICO

IANNELLI che ha concluso per il rigetto del ricorso perchè il 1^

motivo è inammissibile perchè privo d’autosufficenze e il 2^

infondato.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. La World Cars 2000 di M. Macciò & C. s.n.c. propone ricorso per cassazione (illustrato da memoria depositata fuori termine) nei confronti dell’Agenzia delle Entrate (che resiste con controricorso) e avverso la sentenza con la quale, in controversia concernente impugnazione di avviso di accertamento per Iva, la C.T.R. Liguria confermava la sentenza di primo grado che aveva dichiarato l’inammissibilità del ricorso introduttivo.

2. Il primo motivo di ricorso (col quale si deduce violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, artt. 18 e 4 mancanza di motivazione nonchè omessa pronuncia su questione prospettata dalla parte, rilevando che erroneamente i giudici d’appello avevano ritenuto l’inammissibilità del ricorso introduttivo per mancanza del requisito dell’oggetto della domanda) risulta, prescindendo da ogni altra considerazione, inammissibile innanzitutto per difetto di autosufficienza.

Nella specie infatti, prima ancora che l’interpretazione e applicazione delle norme processuali citate in epigrafe, nel motivo in esame viene anche e innanzitutto in discussione l’interpretazione del ricorso introduttivo operata dai giudici d’appello (come emerge tra l’altro anche dal riferimento all’art. 1362 c.c. nello sviluppo del motivo in esame) e pertanto sarebbe stato necessario, nel rispetto del principio di autosufficienza del ricorso per cassazione, riportare il testo del ricorso introduttivo della cui ammissibilità si discute.

Il secondo motivo di ricorso (col quale si deduce omessa pronuncia in ordine alle questioni prospettate dalla parte) è manifestamente infondato, posto che, rilevata l’inammissibilità del ricorso introduttivo, i giudici d’appello non avevano alcun dovere (e neppure alcun potere, v. in proposito SU n. 3840 del 2007) di decidere in ordine alle questioni di merito concernenti la legittimità dell’avviso opposto.

Il ricorso deve essere pertanto rigettato. Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alle spese del presente giudizio di legittimità che liquida in Euro 1.800,00 oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 10 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 26 maggio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA