Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11637 del 13/05/2010

Cassazione civile sez. II, 13/05/2010, (ud. 24/03/2010, dep. 13/05/2010), n.11637

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHETTINO Olindo – Presidente –

Dott. PICCIALLI Luigi – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – rel. Consigliere –

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

ECOL MAX SRL in persona del suo Amministratore e legale

rappresentante pro tempore Sig. C.V.,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ALFREDO FUSCO 3, presso lo

studio dell’avvocato ANDRENELLI ADRIANO, rappresentato e difeso dagli

avvocati FIORENZA GIUSEPPE, GIARDINA CALOGERO;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI CAPOTERRA in persona del Sindaco pro tempore M.

G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA BAINSIZZA 1,

presso lo studio dell’avvocato MELLINI MAURO, rappresentato e difeso

dall’avvocato ROVELLI PATRIZIO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 980/2006 del GIUDICE DI PACE di CAGLIARI,

depositata il 09/05/2006;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

24/03/2010 dal Consigliere Dott. GAETANO ANTONIO BURSESE;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto “è concorde alle richieste formulate dal

relatore depositate in data 18/12/2009, ai sensi dell’art. 380 bis

c.p.c..

 

Fatto

IN FATTO E DIRITTO

La Corte:

Rilevato che la Srl ECOL MAX ha proposto ricorso per Cassazione avverso la sentenza del Giudice di Pace di Cagliari n. 980/06, depositata in data 9.05.06 nella causa promossa dalla stessa società contro il comune di Capoterra con riferimento al verbale di violazione dell’art. 21 C.d.S.;

Considerato che per effetto dell’abrogazione (D.Lgs. n. 40 del 2006, art. 26) del disposto di cui alla L. n. 689 del 1981, art. 23, u.c., le sentenze pubblicate, come nella specie, dopo il 2.3.06, emesse, nel giudizio di opposizione a sanzione amministrativa, sono diventate appellabili;

ritenuto pertanto che il presente ricorso dev’essere dichiarato inammissibile ex art. 360 c.p.c., comma 1, non avendo la ricorrente posposto l’appello avverso la sentenza di cui trattasi; le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte, visto l’art. 380 bis c.p.c..

dichiara il ricorso inammissibile e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali che liquida in Euro 600,00, di cui Euro 400,00 per onorario, oltre spese generali ed accessori come per legge.

Così deciso in Roma, il 24 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 13 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA