Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11633 del 13/05/2010

Cassazione civile sez. II, 13/05/2010, (ud. 04/03/2010, dep. 13/05/2010), n.11633

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROVELLI Luigi Antonio – Presidente –

Dott. MALZONE Ennio – Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – rel. Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

S.D., ST.DA., S.F., P.

A., elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso lo

studio dell’avvocato CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi

dall’avvocato BELTRAME ALESSANDRO;

– ricorrenti –

contro

ENEL SPA, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A BERTOLONI 44,

presso lo studio dell’avvocato DE VERGOTTINI GIUSEPPE, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato GIUNCHI FRANCO;

– controricorrente –

e contro

G.S., TELECOM ITALIA SPA;

– intimati –

sul ricorso 23782-2004 proposto da:

TELECOM ITALIA SPA, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ANASTASIO

II 139, presso lo studio dell’avvocato DEL BUFALO PAOLO, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

G.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A. CHINOTTO 1,

presso lo studio dell’avvocato PRASTARO ERMANNO, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato MELLANO MICHELE;

– controricorrente –

e contro

S.D., ST.DA., S.F., P.

A., ENEL SPA;

– intimati –

sul ricorso 23992-2004 proposto da:

G.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A. CHINOTTO 1,

presso lo studio dell’avvocato PRASTARO ERMANNO, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato MELLANO MICHELE;

– ricorrente –

contro

S.D., ST.DA., S.F., P.

A., elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso lo

studio dell’avvocato CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi

dall’avvocato BELTRAME ALESSANDRO;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 391/2003 della CORTE D’APPELLO di TRIESTE,

depositata il 08/08/2003;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

04/03/2010 dal Consigliere Dott. UMBERTO GOLDONI;

udito l’Avvocato Paola PEZZALI, con delega depositata in udienza

dell’Avvocato Giuseppe DE VERGOTTINI che ha chiesto di riportarsi;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

DESTRO Carlo, il quale chiede che l’Ecc.ma Corte di Cassazione –

seconda sezione voglia dichiarare inammissibile il ricorso.

La Corte:

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

Che erano stati proposti più ricorsi, principale ed incidentali, per la cassazione della la sentenza della Corte di appello di Trieste in data 8.8.2003;

che i detti ricorsi, proposti avverso la stessa sentenza, vanno riuniti a norma dell’art. 335 c.p.c.:

che questa Corte, con ordinanza pronunziata in udienza, aveva disposto il rinnovo delle notifiche a tutti i resistenti, assegnando il relativo termine per adempiere;

che dalla relazione della cancelleria risulta che, spirato il termine suddetto, non si era provveduto a tanto;

che, con apposita memoria, il difensore di S.D. e degli altri coeredi di S.E. ha rappresentato che l’ordinanza surricordata non gli era stata notificata nè comunicata ed ha chiesto l’assegnazione di altro termine per provvedere alle notifiche;

ritenuto che l’attestazione della cancelleria costituisce sicuro riscontro del mancato adempimento all’ordinanza con cui si era disposta il rinnovo delle notifiche;

che l’ordinanza in questione è stata pronunziata in udienza, cosa questa che comporta la conoscenza legale della stessa da parte dei difensori ai quali era stato notificato l’avviso di udienza;

che il detto avviso era stato ritualmente notificato all’avv. Beltrame, difensore degli S., di talchè egli era a legale conoscenza dell’ordinanza in questione e non aveva pertanto diritto a notificazioni o comunicazioni al riguardo, cosa questa che impone la reiezione della sua istanza;

che la mancata ottemperanza alla ordinanza de qua, da parte di tutti i ricorrenti, comporta, a norma dell’art. 345 c.p.c., l’inammissibilità dei ricorsi, principale ed incidentali;

che sussistono, in ragione della contestuale ragione di inammissibilità per tutti i ricorsi, valide ragioni per compensare tra le parti le spese del presente procedimento per cassazione;

lette le conformi conclusioni scritte del P.G..

P.Q.M.

Riuniti i ricorsi, la Corte dichiara inammissibili i ricorsi stessi e compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 4 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 13 maggio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA