Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11551 del 12/05/2010

Cassazione civile sez. I, 12/05/2010, (ud. 30/09/2009, dep. 12/05/2010), n.11551

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – rel. Presidente –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. FITTIPALDI Onofrio – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 9053/2006 proposto da:

R.D.O.E.E.C., elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA DELLA GIULIANA 63, presso lo studio dell’avvocato

GARATTI Luciano, che lo rappresenta e difende, giusta mandato a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA DI BRESCIA, QUESTURA DI BRESCIA, PREFETTURA DI MILANO,

QUESTURA DI MILANO, MINISTERO DELL’INTERNO;

– intimati –

avverso il decreto N. 257/05 del GIUDICE DI PACE di MILANO,

depositato il 19/03/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 3

0/09/2009 dal Presidente e Relatore Dott. GIUSEPPE SALME’;

è presente il P.G. in persona del Dott. EDUARDO VITTORIO

SCARDACCIONE.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che E.C.R.D.O.E. ha proposto ricorso per cassazione dei confronti del decreto del giudice di pace di Milano in data 19 marzo 2005 con il quale è stato convalidato il suo trattenimento presso il centro di permanenza temporanea e di assistenza di Milano disposto con provvedimento del Questore di Brescia del 16 marzo 2005;

che è stata ordinata la rinnovazione della notifica del ricorso al Questore di Brescia presso la sua sede, essendo stato in precedenza notificato presso l’Avvocatura distrettuale dello Stato di Brescia, e il ricorrente ha proceduto alla rinnovazione;

che le amministrazioni intimate non hanno svolto attività difensiva.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che il ricorrente censura il provvedimento impugnato perchè: 1) emesso da giudice incompetente essendo competente il giudice di pace di Brescia; 2) il decreto di trattenimento non conteneva menzione della facoltà e dei termini di impugnazione; 3) è stata omessa la traduzione del decreto di convalida in lingua nota al ricorrente; 4) sussiste difformità tra motivazione, nella quale è menzionato il provvedimento di trattenimento del Questore di Brescia, e dispositivo con il quale è convalidato il provvedimento di trattenimento del Questore di Milano; 5) non è stata compiuta alcuna istruttoria circa la veridicità delle dichiarazioni rese, secondo cui la mancata tempestiva richiesta di permesso di soggiorno era stata causata da malattia e, comunque, egli era in possesso di passaporto;

che i motivi sub 1) e 4) sono manifestamente fondati, restando assorbiti gli altri, in quanto il trattenimento è stato disposto dal Questore di Brescia e, pertanto, competente alla convalida era il giudice di pace di Brescia e, comunque il provvedimento di trattenimento di cui si tratta non risulta convalidato, avendo la convalida riguardato un provvedimento del Questore di Milano.

PQM

Accoglie il ricorso e cassa il provvedimento impugnato.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della struttura centralizzata per l’esame preliminare dei ricorsi, Sezione Prima Civile, il 30 settembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 12 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA