Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11532 del 30/04/2021

Cassazione civile sez. I, 30/04/2021, (ud. 08/02/2021, dep. 30/04/2021), n.11532

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – rel. Consigliere –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13532/2019 proposto da:

H.T., rappresentato e difeso dall’avv. Mauro del foro di

Lecce;

– ricorrente –

contro

Ministero Dell’interno, elettivamente domiciliato in Roma Via Dei

Portoghesi 12 Avvocatura Generale Dello Stato. che lo rappresenta e

difende;

– controricorrente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di LECCE, depositato il 29/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

08/02/2021 da ACIERNO MARIA.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Il Tribunale di Lecce ha rigettato la domanda di riconoscimento del diritto alla protezione internazionale ed umanitaria proposta dal cittadino del Bangladesh H.T.. Per quel che interessa, la protezione sussidiaria nell’ipotesi disciplinata dal D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), è stata esclusa sulla base delle informazioni assunte dal sito Viaggiare Sicuri aggiornato al 30/5/2018 e di Amnesty International 2017/2018 alla luce delle quali, pur essendo emerse ciriticità in particolare in relazione al fenomeno terroristico ed ai Rohinga, non è stato riscontrato un livello di violenza indiscriminato tale da far ritenere a rischio la vita e l’incolumità di qualsiasi civile.

Avverso tale pronuncia ha proposto ricorso per cassazione il cittadino straniero. Ha depositato controricorso il Ministero dell’Interno.

Nell’unico motivo di ricorso è stata dedotta la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c) e D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, comma 3, per avere il Tribunale utilizzato fonti diverse dalle C.O.I..

La censura non supera il vaglio di ammissibilità essendo stata prospettata in modo del tutto generico senza neanche precisare le ragioni dell’insufficienza e non attendibilità delle fonti prescelte dal Tribunale o dedurre l’allegazione di fonti alternative.

Il controricorso è del tutto genericamente formulato e non contiene deduzioni pertinenti alla censura formulata e alla sua radicale genericità. Ne consegue che non vi è luogo alla statuizione sulle spese processuali.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso.

Sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13 comma 1 quater.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 8 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 30 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA