Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11507 del 15/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 15/06/2020, (ud. 06/03/2020, dep. 15/06/2020), n.11507

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18018-2019 proposto da:

M.S., domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato NICOLETTA MARIA MAURO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO;

– intimato –

avverso il decreto n. R.G. 625/2018 del TRIBUNALE di LECCE,

depositato il 03/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 06/03/2020 dal Consigliere Relatore Dott. Vella

Paola.

Fatto

RILEVATO

che:

1. il Tribunale di Lecce ha respinto le domande di protezione internazionale o umanitaria proposte dal cittadino bangladese M.S. il quale aveva riferito di essere fuggito dal Bangladesh (distretto di Madaripur) per le diffioltà economiche in cui versava, avendo anche scontato un anno e mezzo di reclusione a seguito dell’accusa di furto del suo datore di lavoro, che non lo pagava;

2. il ricorrente ha proposto un motivo di ricorso per cassazione, mentre il Ministero intimato non ha svolto difese;

3. a seguito di deposito della proposta ex art. 380 bis c.p.c. è stata ritualmente fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

4. il ricorrente lamenta la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, comma 3, e dell’art. 15, lett. c), dir. 2004/83/CE, per avere il tribunale respinto la domanda di protezione sussidiaria senza aver acquisito le necessarie informazioni sul proprio paese d’origine, limitandosi a fare riferimento agli ultimi rapporti di Amnesty International e al sito “viaggiare sicuri” del MAE al 30/05/2018;

5. la censura è infondata, poichè il tribunale ha acquisito e valutato plurime fonti qualificate e aggiornate (cd. COI), alle quali lo stesso ricorrente non è stato in grado di contrapporne specificamente altre più aggiornate dalle quali emergessero i presupposti necessari per il riconoscimento della protezione sussidiaria D.Lgs. n. 251 del 2007 ex art. 14, lett. c), come interpretato dalla costante giurisprudenza di questa Corte (ex multis, Cass. 8908/2019, 284/2019, 13858/2018, 32064/2018);

6. d’altro canto il tribunale ha specificato le fonti in concreto utilizzate e il contenuto delle informazioni ritenute rilevanti da esse tratte (cfr. Cass. n. 13449/2019), ha proceduto all’integrazione istruttoria officiosa sulle condizioni socio-politiche del Paese d’origine del richiedente attraverso l’apprezzamento delle informazioni raccolte (cfr. Cass. n. 13897/2019) e si è legittimamente avvalso anche delle informazioni tratte dai rapporti conoscitivi del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, costituenti fonti qualificate di comprovata affidabilità (Cass. n. 11103/2019);

7. il ricorso va rigettato senza statuizione sulle spese, in assenza di difese dell’intimato;

8. sussistono i presupposti processuali per il cd. raddoppio del contributo unificato ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater (cfr. Cass. Sez. U, n. 23535/2019 e n. 4315/2020).

P.Q.M.

Rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 6 marzo 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA